Stai leggendo: Madonna: la pop star planetaria più conosciuta della storia

Letto: {{progress}}

Madonna: la pop star planetaria più conosciuta della storia

Dai dolori dell'infanzia ai primi successi, fino alla conquista dello scettro di regina del pop. Ecco tutto quello che c'è da sapere su Madonna, icona e fonte d'ispirazione per tutte le donne.

52 condivisioni 1 commento

Talentuosa, geniale, trasgressiva, combattiva ed estremamente libera: questo è molto altro è Madonna.

In effetti riuscire a definire in poche parole un personaggio come lei è davvero difficile, perché nel corso degli anni (con una carriera iniziata nell'ormai lontano 1983) l'abbiamo vista più volte cambiare pelle e lanciarsi in nuove sfide, senza alcun timore.

D'altra parte lei lo dice sempre: nella vita bisogna combattere per quello in cui si crede e quindi ognuno di noi deve affrontarla con un bel paio di guantoni da box. Un consiglio saggio, che ha contribuito a renderla un modello per milioni di donne, di qualunque età, in tutto il mondo.

Perché non si diventa regine del pop solo conquistando le classifiche o facendo registrare il sold-out ai propri concerti, ma anche facendo la differenza. Madonna, a modo suo, ha dato il via a tante piccole rivoluzioni, sia come artista (cantautrice, ballerina e produttrice), che come donna. È grazie a lei, per esempio, che molte di noi hanno tolto dal proprio vocabolario la parola tabù o hanno iniziato a pensare che si può stare bene da sole e farcela, anche senza un uomo al proprio fianco.

Da Louise Veronica Ciccone a Madonna, la regina del pop

Madonna Louise Veronica Ciccone è nata a Bay City (nel Michigan) ed è figlia dell'italo-americano Silvio Ciccone e dalla franco-canadese Madonna Louise Fortin. Terza di sei fratelli, ha perso la madre quando aveva solo cinque anni a causa di un tumore al seno. Una perdita questa che l'ha segnata enormemente, sia perché (nonostante la giovanissima età) si è trovata a ricoprire lei il ruolo di donna di casa, sia per il fatto che questo le ha lasciato un vuoto emotivo ed affettivo difficile da colmare.

Finito il liceo, ottiene una borsa di studio per la danza all'Università del Michigan e segue i corsi di balletto di Christopher Flynn, che è stata la prima persona che ha creduto nelle sua capacità artistiche.

Decisa a sfondare nel mondo dello spettacolo, nel 1977 decide di lasciare l'università e di trasferirsi a New York, anche se con pochi soldi in tasca.

La nostra dose quotidiana di Girl Power💥 #ilmiomododiessere

A post shared by FoxLife (@foxlifeit) on

Prima viene ospitata da una sua amica e poi si prende in affitto un monolocale, ma nel nuovo quartiere fa brutti incontri e viene violentata da un gruppo di sconosciuti.

Un'esperienza shockante, che però ha tirato fuori ancor di più tutta la forza e la determinazione necessaria a vendicarsi, ad esprimersi e a raggiungere ogni sogno.

Inizia a dividersi tra la danza e la musica, tanto che forma la band dei Breakfast Club di cui è prima batterista e poi anche cantante. Nel 1980 abbandona il gruppo e forma, con il fidanzato Stephen Bray, gli Emmy.

Recita anche in un thriller erotico dal titolo L'oggetto del desiderio, che uscirà solo nel 1985.

Madonna, gli anni'80 e Evita

Dopo la fine della sua love story con Bray, Madonna inizia a camminare musicalmente da sola. Realizza la demo di un brano intitolato Everybody, che finisce nelle mani giuste e la porta a firmare il suo primo contratto discografico.

Il singolo conquista il terzo posto della Billboard Hot Dance/Club Party Chart. Stessa posizione conquistata poi dal secondo, Burning Up, uscito nel 1983 anticipando il suo debut album omonimo.

Nasce così il fenomeno il pop chiamato Madonna, che nel giro di poco tempo diventa anche icona di stile.

A consacrarla, da ogni punto di vista, è il suo secondo album Like a Virgin del 1984, trainato da una title track, che ancora oggi rimane una delle sue hit intramontabili.

Madonna però non è solo un'icona nel mondo della musica: nel 1996 sul grande schermo Madonna è Evita Peron, arrivando al cinema con l'adattamento cinematografico del musical.

L'Evita che è rimasta nell'immaginario collettivo di mezzo mondo e che ha aperto in quegli anni una finestra sul mondo, che solo una donna con una incredibile personalità poteva rappresentare.

Madonna icona gay

Madonna ha sempre pensato che ognuno debba essere libero di amare chi vuole, anche se una persona dello stesso sesso.

È stata una delle prime pop-star a battersi per i diritti degli omosessuali, aiutandosi anche con la sua consueta trasgressione.

Non si è mai fatta problemi, infatti, a baciare anche delle donne in pubblico (come l'appassionato bacio con Britney Spears su un palco occupato anche da Christina Aguilera).

E non dimentichiamo gli outfit, così spesso colorati ed eccentrici, da far impazzire tutti.

madonna britney spears christina aguileraHD

Non a caso la rivista LGBTQ The Advocate l'ha nominata come la più grande icona gay.

Gli album di Madonna: da Like a Vergin a Rebel Heart

In oltre vent'anni di carriera Madonna ha pubblicato tredici album.

Ognuno è diverso dall'altro, sia come attitudine, influenze, genere e concept, passando dal pop puro all'elettronica, fino alla disco music.

In ordine cronologico, dopo i già nominati Madonna e Like a Virgin (rispettivamente del 1983 e del 1984), sono seguiti True Blue (1986), Like a Prayer (1989), Erotica (1992), Bedtime Stories (1994), Ray of Light (1998), Music (2000), American Life (2003), Confessions on a Dance Floor (2005), Hard Candy (2008), MDNA (2012) e Rebel Heart (2015).

Madonna è una Record Woman: secondo il Guinness dei primati, infatti, è l'artista femminile che ha venduto di più nella storia della musica (al momento siamo a quota 350 milioni di copie in tutto il mondo).

Madonna: la donna e la mamma (soprattutto di Lourdes Maria)

Madonna è una donna che ha amato molto.

Negli anni '80 ha avuto persino un flirt con Prince, prima di sposare Sean Penn con cui ha vissuto un rapporto piuttosto burrascoso. In seguito è stata legata all'attore Warren Beatty e nel 1994 ha conosciuto Carlos Leon, che diventa suo personal trainer, compagno e padre della primogenita Lourdes Maria.

Nel 2000 invece si sposa con il regista Guy Ritchie, da cui nello stesso anno ha un figlio di nome Rocco. Sei anni dopo la coppia, in seguito a una visita umanitaria in Africa, adotta un bambino orfano di madre, David Banda. Nel 2008 i due divorziano e la pop-star torna a passare da un flirt all'altro. Nel frattempo adotta altri tre bambini africani: Mercy James e le gemelline Stella ed Esther Mwale.

L'ultimo uomo visto al fianco di Madonna è il modello brasiliano Kevin Sampaio, molto più giovane di lei.

La regina della musica internazionale ama però dedicare la maggior parte del suo tempo ai suoi figli e ora che Lourdes è ormai diventata grande (ha ventidue anni) inizia a condividere molte più cose con lei.

Un esempio? La ragazza ha anche collaborato alla realizzazione de Le rose inglesi, uno dei libri per ragazzi scritti dalla madre. È inoltre direttrice creativa di Material Girl, linea di abbigliamento e make-up fondata sempre da Madonna.

E non è finita qui: nel videoclip di Celebration, brano del 2013, compare anche Lourdes vestita come sua madre ai tempi di Like a Virgin.

Che abbia intenzione di seguire le sue orme? È probabile, anche perché le due sono molto unite, come si può vedere sul profilo Instagram della cantante.

Le foto di Madonna

A proposito di Instagram, bisogna dire che Madonna è molto attiva su questo social e posta svariate foto, sia contemporanee (legate sia a lavoro che vita privata) che del passato. È quindi molto interessante seguirla e andare a sbirciare nella sua quotidianità.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.