Stai leggendo: Com'è morta Natalie Wood? Il caso è stato riaperto in seguito a nuove testimonianze

Letto: {{progress}}

Com'è morta Natalie Wood? Il caso è stato riaperto in seguito a nuove testimonianze

Cos'è successo a Natalie Wood? ll caso della morte dell'attrice, mai del tutto chiarito, è stato riaperto. Il sospettato principale è il marito Robert Wagner.

Un primo piano di Natalie Wood

2 condivisioni 0 commenti

Fu la stella di Gioventù bruciata e West Side Story e morì in circostanze tragiche. La fine di Natalie Wood, dopo più di 30 anni, rimane ancora un mistero. Ma attualmente sarebbero venuti a galla nuovi particolari che avrebbero convinto gli inquirenti a riaprire il caso.

Il principale sospettato sarebbe l'ex marito, Robert Wagner, che quella notte si trovava con lei al largo dell'isola di Catilina, nel Sud della California. Ma cos'è successo esattamente? Facciamo un passo indietro.

Natalie Wood era nata a San Francisco da genitori russi. Debuttò molto presto sul grande schermo come enfant prodige: i magnetici occhi, i capelli scuri e i tratti delicati la rendevano gettonatissima da registi e produttori. Dopo una serie di film interpretati durante l'infanzia, passò a ruoli da adulta con Gioventù bruciata, capolavoro indimenticabile, dove apparve al fianco di James Dean nel ruolo di Judy. Poco dopo recitò in Sentieri selvaggi, celebre western di John Ford, nel musical West Side Story (1961) e in Splendore nell'erba di Elia Kazan (1961).

La sua vita privata fu travagliata quanto alcuni dei ruoli che interpretò: si sposò in tutto tre volte, due delle quali (la prima e la terza) con Robert Wagner e la seconda con lo scrittore e produttore Richard Gregson.

Natalie Wood e Robert Wagner abbracciati
Natalie Wood e Robert Wagner, sposati due volte

La Wood era sposata proprio con Wagner quando morì improvvisamente e tragicamente, a causa di quello che sembrò inizialmente un incidente in mare. Era il 28 novembre 1981, il week-end successivo alla Festa del Ringraziamento. L'attrice si trovava su uno yatch al largo di Catalina in compagnia del marito, del collega Christopher Walken e del capitano dell’imbarcazione Dennis Davern.

Christopher Walken e Natalie Wood  HD
Anche Christopher Walken era sullo yacht

Natalie Wood fu ritrovata il giorno successivo morta annegata accanto a un gommone. Indossava un giaccone pesante e un paio di calzini. Le ricostruzioni furono piuttosto nebulose: si ipotizzò che la Wood fosse scivolata in mare ubriaca o che, nel mezzo di una notte brava tra alcool e litigi, avesse voluto allontanarsi dal panfilo. Tutti e tre i testimoni (Wagner, Walken e Davern) dichiararono che Natalie avrebbe voluto raggiungere il gommone da sola per spostarsi a riva.

Si chiacchierò molto del caso, anche perché i rumor designavano Walken come amante della star e Wagner forse coinvolto in uno strano triangolo. Ma, in mancanza di prove che sostenessero altre versioni, il caso fu archiviato come morte accidentale. Anni dopo Dennis Davern scrisse un libro sull'accaduto: Goodbye Natalie, Goodbye Splendour (2006).

La copertina di Goodbye Natalie, Goodbye SplendourAmazon
La versione di Dennis Davvero sulla morte misteriosa

Ma la sorella di Natalie e il resto della famiglia insistettero tantissimo, nel corso dei lunghi anni successivi, per portare nuove prove e riaprire il caso. Nel 2011 e nel 2013 è stato riaperto il fascicolo: la seconda volta fu eseguita un'altra autopsia sul corpo dell'attrice, che è risultato pieno di lividi. Il quadro era compatibile con un'aggressione, ma allo stesso tempo non incompatibile con una morte accidentale.

I nuovi sviluppi

Lana, la sorella ora 71enne di Natalie, non si è mai stancata di indagare alla ricerca della verità. E gli ultimi sviluppi designerebbero Robert Wagner, oggi 87enne, come possibile sospettato. Le novità provengono dalla polizia di Los Angeles. Come riporta New York Times, la portavoce Nicole Nishida ha svelato che Wagner sarebbe "person of interest" ma non ci sarebbero gli elementi sufficienti per un arresto. Il vedovo della Wood, dal canto suo, si è sempre rifiutato di essere interrogato.

Dennis Davern aveva svelato di aver visto Wagner e la Wood litigare animatamente e infiammati dall'alcol prima della scomparsa dell'attrice. Attualmente sarebbero emersi nuovi testimoni (la cui identità non è stata divulgata dagli inquirenti) che avrebbero confermato le liti accese tra i coniugi prima della sparizione della Wood. I testimoni avrebbero dichiarato di aver sentito delle urla, la notte del decesso. E che le voci appartenevano, a loro opinione, a Natalie Wood e al marito.

Fox News ha riportato le dichiarazioni di Lana Wood, interpellata a proposito del nuovo sviluppo.

Cosa penso che sia successo? Molte vite sono state rovinate, questo è quello che penso sia successo.Tutto ciò che conta per me ora è il verità.

A Inside Edition l'attrice ha spiegato di credere che Wagner sia colpevole della morte della sorella.

Qualcuno sta mentendo. Qualcuno le ha fatto del male. Qualcuno sta facendo del male a tutti noi. Allora, alzati e dimmi la verità! So che certe cose possono finire male. So che le persone perdono la calma. So che le cose brutte accadono quando non vorresti. Quindi, alzati e dimmi ... dimmi cosa le è successo.

Forse questa volta la verità verrà a galla.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.