Stai leggendo: Le Vibrazioni nel segno dell’indipendenza con il nuovo album V

Letto: {{progress}}

Le Vibrazioni nel segno dell’indipendenza con il nuovo album V

Ritornano più in forma che mai Le Vibrazioni, che il 9 febbraio pubblicano il loro quinto album V. In gara al Festival di Sanremo con il brano Così sbagliato, i quattro musicisti raccontano il nuovo progetto di gruppo.

Le Vibrazioni a Sanremo 2018

5 condivisioni 0 commenti

“Ci siamo scongelati dopo cinque anni”: con queste parole Le Vibrazioni battezzano il loro ritorno in pista, a partire dal palco più nazionalpopolare d’Italia, quello del Festival di Sanremo. La band di Francesco Sarcina – che all’Ariston si è anche presentato da solista nel 2014 – è in gara nella 68° edizione della kermesse con il brano Così sbagliato, prodotto e arrangiato insieme a Luca Chiaravalli.

La canzone riapre le porte sui suoni pop-rock del gruppo, che ritrova energia e convinzione dimostrandosi ancora oggi fra le realtà più innovative nel quadro musicale italiano. In fondo riconoscere e accettare i propri difetti è il primo passo per far durare una relazione e Le Vibrazioni hanno saputo ritrovarsi dopo aver percorso strade diverse. Se non è consapevolezza questa.

cover album V Vibrazioni

Così sbagliato è una canzone sicuramente introspettiva – racconta Sarcina – che parla dell’accettazione dell’errore e di essere amati anche se si è sbagliati. Non si tratta di una scusa: l’accettazione di questo amore fa capire il valore dell’affetto vero e del rispetto che deve esserci.”

La reunion de Le Vibrazioni

La traccia sanremese fa parte, insieme ad altri nove inediti, dell’album V (Artist First), progetto all’insegna di una nuova energia vitale con cui i ragazzi hanno saputo far confluire le rispettive esperienze in un lavoro unitario. “Siamo contenti dell’album. Anche grazie a Davide Tagliapietra che ha ritrovato il suono del Le Vibrazioni. È stato un lavoro di famiglia”, raccontano all’unisono.

V come quinto ma anche come vita, condivisione di storie che ci uniscono. Speriamo che questo album apparterà anche a tutti voi.

E continuano: “La nostra reunion nasce sotto il segno dell’indipendenza, sotto tanti aspetti. Fare un disco per noi è un po’ una scusa per tornare a suonare dal vivo e questo approccio condiziona anche il nostro fare musica. Tutto nasce da un suono reale senza trucchi di produzione.”

Non può, dunque, che sorgere una domanda spontanea: come mai, in questa famiglia, c’è stata la separazione? “Spesso nelle relazioni, soprattutto avendo iniziato molto giovani, arrivi a un punto in cui crescendo le strade possono separarsi, ci si trova distanti. – raccontano Sarcina & Co – Serve un conguaglio per capire dove ci si trova. Noi abbiamo preso direzioni diverse come in un’esplosione; ci siamo tolti dal nostro ruolo abituale per metterci in discussione in quattro modi diversi.”

Le Vibrazioni SanremoChiara Mirelli

Questione di maturazione e prospettive da ricollocare anche. “Se manca l’entusiasmo è un problema Questi anni sono serviti per ritrovarlo e per fare un album onesto. Siamo cresciuti e abbiamo unito le nostre esperienze, è stato positivo. Oggi siamo più forti ed entusiasti di prima. Abbiamo punti di vista diversi con un obiettivo comune.”

Nel breve termine la meta comune è Sanremo, a tredici anni dall’unica partecipazione nella formazione a quattro (Francesco Sarcina voce e chitarra, Stefano Verderi chitarra e tastiera, Marco Castellani basso, Alessandro Deidda batteria). Una bella occasione per ripartire insieme rinsaldando un sodalizio che si è rinnovato nel 2016.

“Il sogno è ripartito da Palermo: a quel concerto ci siamo resi conto che qualcosa de Le Vibrazioni è ancora nel cuore delle persone. Ci siamo guardati e ci siamo detti che dovevamo rifarlo. Da subito c’è stata una tale energia da iniziare a pensare a un nuovo album e Sanremo cade a fagiolo, nelle tempistiche di uscita del di disco”, hanno spiegato.

Ci abbiamo provato e abbiamo dovuto correre come dei pazzi, registrando tutto in due settimane. Sanremo è un palco dove si suona, checché se ne dica, e rappresenta la realtà musicale italiana a 360 gradi.

Sul palco dell’Ariston Le Vibrazioni portano con sé, nella serata dei duetti, un’ospite eccellente quale Skin. “Tutto è nato da una riunione negli ultimi mesi in cui volevamo iniziare a capire chi coinvolgere, ma non sapevamo ancora se un uomo o una donna. – ci dicono gli artisti – Quando abbiamo pensato a una donna è venuto fuori il nome Skin e ci è piaciuto subito un sacco.

Abbiamo amici in comune e quando l’abbiamo contattata il progetto è andato subito in porto. Ci ha, anzi, chiesto se poteva sentirsi libera nell’interpretare la canzone. Skin ha, quindi, aggiunto alcune note per fare proprio il pezzo: è stata una cosa magica. Siamo molto gasati.”

V: il nuovo album de Le Vibrazioni

Il nuovo album V esce venerdì 9 febbraio ed è la prova di una maturità che è insieme freschezza e storia: “Ciascuno di noi è consapevole del proprio strumento e quando siamo tornati insieme  ognuno ha portato un bagaglio musicale superiore che ci fa essere oggi anche più a fuoco. Prima, forse, ci perdevamo di più mentre ora il suono è voluto e ricercato.”

Se non ti fermi non vedi dove stai andando e dove va la macchina in cui sei inglobato. Questa nostra pausa è servita a noi per tornare così, da indipendenti, consapevoli di quello che c’è adesso.

Quinto disco della band, V viene reso disponibile in formato CD ed LP (edizione limitata autografata su Music First). “Nel vinile senti il peso della musica, è un oggetto che suona davvero. Possiamo dire che abbiamo pensato la tracklist anche in ottica del vinile con un lato A più avvolgente, in stile vibrazioni, e un lato B sperimentale, da scoprire”, promette Francesco Sarcina.

Questa la tracklist di V:

  1. Nero
  2. Così Sbagliato
  3. In Fondo
  4. In Orbita
  5. Apri Gli Occhi
  6. Niente Di Speciale
  7. Voglio Una Macchina Del Tempo
  8. Chissenefrega Dell’Aldilà 
  9. Onda
  10. Dove
Le Vibrazioni instore tourHD

Il viaggio de Le Vibrazioni continua con una serie di appuntamenti negli store e poi dal vivo nei club a partire dal 16 marzo. Qui le date.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.