Stai leggendo: Super Bowl: la partecipazione virtuale di Prince crea polemiche

Prossimo articolo: Justin Timberlake al Super Bowl: i 5 momenti Top della sua esibizione

Letto: {{progress}}

Super Bowl: la partecipazione virtuale di Prince crea polemiche

Justin Timberlake ha reso omaggio a Prince al Super Bowl, proiettando la sua immagine durante la performance. La cosa non è piaciuta ai fan dell'artista scomparso, che sono insorti sul web.

0 condivisioni 0 commenti

L'esibizione di Justin Timberlake al Super Bowl è stata spettacolare, sicuramente destinata a lasciare il segno. Proprio come accadde 14 anni fa - quando, sempre al Super Bowl, la popstar scoprì involontariamente il seno di Janet Jackson - la performance di Timberlake ha però diviso il pubblico. Nel corso del suo show, il cantante - da poco tornato con un nuovo album - ha cantato I Would Die 4 You di Prince, proiettando su un telo alcune sue immagini.

Questa parte dell'esibizione di Timberlake ha fatto discutere ancor prima di essere messa in scena sul palco. Negli scorsi giorni, si era diffusa la voce che Justin Timberlake volesse utilizzare un ologramma dell'autore di Purple Rain per duettare con lui. L'idea non era piaciuta alla storica collaboratrice di Prince, Sheila E, che ha ben chiara quale fosse l'opinione di Prince in merito all'impiego della tecnologia durante i concerti, soprattutto in termini di utilizzo dell'immagine di artisti scomparsi. I due, però, sono infine giunti a un compromesso, come riportato dalla stessa Sheila E su Twitter lo scorso sabato. "Non ci sarà un ologramma, sarà un bellissimo spettacolo", aveva scritto sui social.

Tuttavia, neppure l'escamotage adottato da Timberlake sul palco del Super Bowl sembra aver convinto i fan di Prince. Secondo l'opinione di molti, Justin Timberlake gli avrebbe mancato di rispetto utilizzando la sua immagine. "Prince non avrebbe approvato", "Justin Timberlake ha oltraggiato Prince, un artista superiore a lui in tutto", sono solo alcuni dei commenti che si leggono su Twitter.

Come riportato da E!Online, nel 1998 Prince espresse il proprio punto di vista in merito agli ologrammi, ai duetti virtuali e più in generale rispetto alla tecnologia impiegata nello spettacolo.

Questa è la cosa più demoniaca che si possa immaginare. Non mi succederà mai, voglio impedire che accadano cose di questo genere.

Al momento, Justin Timberlake non ha rilasciato alcuna dichiarazione a riguardo, ma sui social si continua a discutere: il suo è stato un reale e sentito omaggio a Prince o, come dicono alcuni fan dell'artista, un atto poco rispettoso della sua memoria?

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.