Stai leggendo: Grazie a un’app, a Pechino i libri viaggiano in metropolitana

Prossimo articolo: L’amore eterno: i classici perfetti da regalare a San Valentino

Letto: {{progress}}

Grazie a un’app, a Pechino i libri viaggiano in metropolitana

Si tratta di un concorso pensato per promuovere la lettura, cominciando dall’ascolto di audiolibri, che ha letteralmente trasformato i treni del metrò in librerie mobili.

Un vagone della metropolitana di Pechino

8 condivisioni 0 commenti

A Pechino, prendere la metropolitana è diventata un’esperienza nuova e affascinante, soprattutto per gli amanti dei libri, delle storie e della lettura. I pendolari lo sanno bene: leggere è uno dei modi migliori per ingannare il tempo, tanto che quasi tutti hanno un libro in borsa. I viaggiatori di Pechino, da adesso, potranno anche dimenticare il loro libro preferito a casa, infatti un’app di audiolibri ha trasformato i vagoni delle linee 4 e 10, dandogli l’aspetto di una libreria. O meglio, di una libreria digitale. Perché, come è ovvio, non si tratta di scaffali in legno ricoperti da volumi di carta stampata.

Un vagone della metropolitana di PechinoHD

Se guardate bene, qua e là sui lunghi scaffali colmi di libri, spuntano infatti dei QR code, la vera rivoluzione di questa iniziativa. Chi è interessato a scaricare un audiolibro, non deve far altro che inquadrare il QR code corrispondente con il proprio smartphone e si troverà trasportato nella pagina della App dedicata al titolo desiderato e potrà scaricarlo liberamente. Così, infatti, l’esperienza dell’ascolto di un titolo non si esaurisce durante il viaggio, ma prosegue anche fuori dalla metropolitana.

Metropolitana PechinoHD

Questa iniziativa è inserita in un contesto più ampio, dietro cui c’è sempre l’applicazione di audiolibri, che premierà un lettore-ascoltatore fra i più fedeli. Gli utenti dovranno infatti ascoltare audiolibri per una settimana e, all’interno della lista di questi appassionati, verrà scelto in vincitore di un premio finale, ossia una collana d’oro.

No, non una collana di libri, ma un gioiello. Sebbene la scelta di questo premio sia strana rispetto al tema del concorso, l’iniziativa è così divertente da sperare che qualcuno voglia riprodurla anche in Italia.

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.