Stai leggendo: La Malesia tra antichi fasti, natura incontaminata e splendore moderno

Letto: {{progress}}

La Malesia tra antichi fasti, natura incontaminata e splendore moderno

La Malesia vi aspetta con mille e incredibili contrasti da guardare, sperimentare e assaporare. I grattacieli di Kuala Lumpur, le romantiche spiagge bianche, le riserve naturali, i templi, i mercati: ogni tappa del vostro tour sarà un viaggio nel viaggio.

I grattacieli di Kuala Lumpur

11 condivisioni 0 commenti

Grattacieli che sfidano la gravità e abitazioni di legno in bilico sul mare, resort di lusso e natura incontaminata, centri commerciali con preziose installazioni artistiche e mercatini tradizionali con prodotti artigianali, frutta variopinta e cibi dall'apparenza insolita: la Malesia, la "terra delle colline", è un melting pot di culture, folklore, costumi, sapori e avanguardie. A prevalenza musulmana, è un esempio globale di tolleranza e rispetto. Passeggiando per le strade delle sue città troverete ad attendervi moschee, chiese e templi buddisti, induisti, taoisti e confuciani. 

Colline malesiane immerse nel verdeHDCopyright Pixabay
La verde e incontaminata natura della Malesia, il cui nome significa "terra delle colline"

Ad ogni angolo, tra edifici coloniali e cangianti architetture orientali, incontrerete abitanti vestiti con sari indiani, qipao cinesi, tudung (versione malese del hijab) e così via, in un vortice quasi fiabesco di colori e stili diversi, ma, allo stesso tempo, armonici. Che siate sole, oppure in compagnia, la terra da cui proveniva Sandokan, l'affascinante personaggio nato a fine 1800 dalla fantasia dello scrittore veronese Emilio Salgari, vi offrirà occasioni, scorci e avventure inaspettate e coinvolgenti.

Tempi e case coloniali a PenangHDCopyright Elisabetta Di Minico
Armoniosi contrasti architettonici a Penang

Lasciatevi tentare dalla nostra breve guida e dai suoi consigli.

Come e quando

Raggiungere la Malesia è facilissimo e più economico di quanto ci aspetteremmo. Prenotando con almeno 2-3 mesi di anticipo, un biglietto andata e ritorno vi costerà circa 550 euro, 450 se siete particolarmente fortunati. Da Roma o Milano impiegherete poco più di 15 ore per atterrare a Kuala Lumpur, detta anche KL. Non ci sono voli diretti per la capitale, ma, approfittando, ad esempio, delle offerte di ottime e prestigiose compagnie come la Qatar, la Emirates o la Cathay, potreste anche aggiungere al vostro viaggio un più o meno breve stop-over a Doha, Dubai o Hong Kong. Per spostarvi all'interno del paese, invece, affidatevi a compagnie aree come Air Asia oppure agli autobus a cinque stelle, dove avrete a disposizione comodissime e larghe poltrone, servizio di catering gratuito e schermi tv con ampia selezione di giochi e cinema (proprio come sui voli intercontinentali). Per le viaggiatrici e i viaggiatori esperti e avventurosi, la vacanza può essere tranquillamente "fai da te" e low cost, anche grazie ai nostri consigli. Per coloro che vogliono solo rilassarsi e non avere inconvenienti di sorta, i viaggi organizzati si aggirano intorno ai 1500 euro. Il periodo migliore per visitare il paese è quello primaverile ed estivo, ma le temperature costantemente calde rendono piacevole il viaggio durante tutto l'anno. State attente solo ai periodi dei monsoni e, per ogni località, consultate le specifiche guide, dato che c'è una forte variabilità meteorologica da una zona all'altra dello stato. Per Langkawi e Penang, ad esempio, i mesi migliori sono quelli invernali e primaverili.

Cosa vedere

L'elenco delle attrazioni naturali, artistiche e architettoniche del paese è lunghissimo, così come la lista della attività che offre. La Malesia è la destinazione perfetta per sperimentare, magari per la prima volta, diversi sport estremi e immersioni subacquee, oppure per indulgere in shopping sfrenato, tour gastronomici e pause rilassanti in eleganti spa e centri massaggi. Proveremo a sintetizzare e a suggerirvi itinerari avvincenti e pratici.

Kuala Lumpur

La capitale è un mix attraente di tradizione e innovazione. Per visitarla, sono necessari almeno 4-5 giorni. Tra i must see moderni, due sono le tappe imperdibili. La KL Tower, torre delle telecomunicazioni inaugurata nel 1996, richiama la CN Tower di Toronto e la Fernsehturm di Berlino. Si colora di splendide luci durante la notte e offre un punto di osservazione spettacolare per ammirare la città, oltre che un ristorante girevole, l'Atmosphere 360°. Le Petronas Towers, due torri gemelle di 452 m realizzate dall'argentino Cesar Pelli, sono il simbolo della Malesia e uniscono design ultra-moderno e tradizione architettonica islamica. Imperdibile lo skybridge al 41esimo piano. Uno dei centri commerciali più belli e affollati di KL, il Suria KLCC è a pochi passi dalle Petronas.

Petronas Towers e KL TowerHDCopyright Pexels
Incantevole vista dell'alto Petronas Towers e della KL Tower

Gli altri mall più interessanti sono il Pavilion, che offre un'area completamente dedicata al Giappone, con brand sia tradizionali, sia di tendenza del Sol Levante, e il Lot 10, che, al livello seminterrato, ospita un'ampia ed economica food court con squisiti piatti locali e internazionali (soprattutto asiatici). La parte più folkloristica e tradizionale della città, invece, si trova in zona Chinatown, in particolare a Jalan Petaling (Jalan sta per “via”), dove domina un mercato, anche notturno, pieno di odori, colori e sapori accattivanti. Assolutamente da visitare anche il Central Market, fondato nel 1888. Meno caotico di quello di Petaling, offre un ambiente più rilassato per gli acquisti e prodotti di migliore qualità. Dataran Merdeka, la piazza centrale dedicata all'Indipendenza del paese, ottenuta nel 1957, è dominata da un gigantesco prato verde, chiassoso luogo di ritrovo della popolazione locale, e dal tanto imponente quanto elegante Palazzo del Sultano Abdul Samad, inaugurato nel 1897 e oggi sede del Ministero del Patrimonio Storico, Artistico e Culturale.

L'ampia piazza Merdeka, dedicata all'IndipendenzaHDCopyright Pixabay
L'ampia piazza Merdeka, con il Palazzo del Sultano Abdul Samad

Poco fuori dal centro, vi aspettano, invece, le Batu Caves, grotte che ospitano uno stupefacente santuario indù abbracciato da rocce calcaree e da spettacolari giochi di luce. Per raggiungerle, armatevi di buona volontà: l'ingresso si trova alla fine di 272 ripidi scalini. Alle base, ad accogliervi, invece, c'è una statua dorata alta 15 m di Karttikeya, Deva (ossia ”Essere divino”) della Guerra.

HDCopyright Elisabetta Di Minico
Le Grotte di Batu e la loro possentee dorata divinità Karttikeya

Il dettaglio in più della visita è la presenza, su tutta l'area sacra, di “cattivissimi” macachi che cercheranno di rubarvi cibo o oggetti, specie se scintillanti. Cercate di non attirare la loro attenzione, ma passate un po' di tempo ad osservare i loro comportamenti e le loro interazioni: saranno uno spettacolo ancora più indimenticabile. Inoltre, per gli amanti dello sport, intorno all'area, si diramano centinaia di percorsi di trekking e climbing.

Mamma macaco e figlio alle Grotte di BatuHDCopyright Elisabetta Di Minico
Una mamma macaco abbraccia il suo cucciolo sulle scale delle Batu Caves

Per conoscere e capire meglio la cultura e la storia della Malesia, consigliamo di visitare il Museo Nazionale e quello di Arte Islamica. Prima di ripartire, ci sono ancora altre due tappe da non perdere. Il meraviglioso acquario di Kuala Lumpur, Aquaria KLCC, ospita, su un'area di 5600mq, oltre 250 specie marine. Se i signori degli abissi non vi spaventano, la maggiore attrazione è un tunnel a vetri sott'acqua lungo 90 m: attraversandolo, vi ritroverete circondati da centinaia di pesci e, soprattutto, da decine di temibili squali con denti aguzzi e sguardo non proprio rassicurante. I Lake Gardens, infine, sono dei rigogliosi giardini pubblici che si estendono su 92 ettari e che custodiscono stupende attrazioni aggiuntive, tra cui riserve naturalistiche e parchi zoologici, con farfalle, uccelli e cervi

Penang

Penang è una delle mete imperdibili della Malesia per tre ragioni principali: street art, cucina e tramonti sul mare.

La spiaggia e il tramonto a Batu FerringhiHDCopyright Elisabetta Di Minico
Stupendo tramonto a Batu Ferringhi

L'isola, che si trova a circa 300 km da KL, è un altro esempio di perfetta fusione tra antico e moderno. Georgetown, la sua città principale, è famosissima per le opere d'arte che impreziosiscono tanto le sue strade principali, quanto i suoi vicoli più nascosti. Armatevi di pazienza e curiosità e andate alla ricerca delle decine di murales che la rendono unica e che spesso si trasformano in vere e proprie installazioni scultoree, con l'aggiunta di svariati oggetti: altalene, biciclette, motociclette, ruote automobilistiche, sedie, etc. Tra i più celebri, quelli raffiguranti bambini e ragazzi intenti a giocare e nascondersi e quelli con simpatici gatti. 

Mentre girate tra gallerie d'arte (la Unique Art Gallery, in particolare, offre piccoli capolavori di artisti locali), luoghi di culto e negozi artigianali, fermatevi ogni qual volta potete per assaggiare la cucina locale, che è giudicata tra le migliori della Malesia. Imperdibili il Char Kway Teow (spaghetti di riso saltati con gamberi, vongole e verdura) e l'Assam Laksa (zuppa di pesce piccante). I templi più suggestivi sono quello “dei serpenti” e il Kek Lok Si.

Kek Lok Si, tempio di PenangHDCopyright Pixabay
Il coloratissimo tempio di Kek Lok Si a Penang

Il primo, come il nome fa prevedere, è custodito da vipere, è estremamente pittoresco ed è raccomandato solo se non avete paura dei rettili. Il secondo, coloratissimo e posto in una posizione quasi incantata, è tra i più grandi templi buddisti del Sud Est Asiatico. Avvolto dai boschi, la sua architettura combina elementi cinesi, birmani e tailandesi. Da non perdere la Pagoda dei 10.000 Buddha e il vicino stagno dove vivono centinaia di tartarughe sacre. Per rilassarvi a Penang, ci sono tantissimi e meravigliosi resort, tra cui l'Hard Rock Hotel e lo Shangri-La Rasa Sayang situati nella celebre località di Bathu Ferringhi.

Shangri-La resort a PenangHDCopyright Shangri-La
L'incantevole Shangri-La Rasa Sayang Resort and Spa a Batu Ferringhi

Langkawi

Al confine con la Thailandia, l'arcipelago di Langkawi, con le sue 99 isole, è una meta ricercatissima, un piccolo paradiso nascosto nel mare delle Andamane, il cui simbolo è una possente aquila. La stupenda trasparenza delle acque e la ricchezza dei fondali sono il motivo per cui gli appassionati di snorkeling e immersioni adoreranno trascorrere del tempo a Langkawi, specialmente nel Parco Marino di Pulau Payar.

Mare cristallino a LangkawiHDCopyright Pixabay
Mare cristallino e sabbia bianca nell'arcipelago di Langkawi

In generale, comunque, sono tantissime le attività che vi attendono, comprese escursioni in barca, trekking, sport estremi e giri in funicolare sul Panorama Skycab. L'acquario Underwater World è il più grande della Malesia e ospita oltre 4000 creature marine, mentre nella Crocodile Farm vi aspettano circa 1000 coccodrilli. Le spiagge più belle e frequentate sono Pantai Cenang, Tanjung Rhu e Pantai Batu Hamapar.

Tra le altre bellissime mete che la Malesia, dona ci sono anche le isole Perhentian, dalle spiaggie bianchissime, il Parco Nazionale di Belum, il Centro Orang Utan di Sepilok, l'incantevole isola, da poco aperta al turismo, di Pom Pom nel mare di Celebes, e così via. Chiunque visiti il paese, inoltre, non può non far tappa anche a Singapore, ricca e strabiliante città-stato situata proprio sulla punta meridionale della penisola. Non ve ne parlo adesso, ma lo farò al più presto, promesso! 

Cucina

La cucina malese è saporitissima ed estremamente contaminata dalle più varie tradizioni asiatiche (cinese, indiana, thailandese, indonesiana, etc.). Solitamente piccante, con il riso come base culinaria, i suoi sapori sono contraddistinti da un mix di erbe e spezie, tra cui peperoncino, cardamomo, cumino e coriandolo.

Spiedini in strada a KLHDCopyright Elisabetta Di Minico
Varietà di street food in un mercato di Kuala Lumpur

Se non siete schizzinose, i chioschi di strada, tra cui quelli di Jalan Alor a Kuala Lumpur, riservano delle gustose sorprese. Tra i piatti assolutamente da provare, oltre a quelli suggeriti per Penang, l'Ikan Bakar, pesce grigliato e insaporito da una marinatura speziata; gli spiedini di carne, pesce o verdura, tra cui i celebri Satay; il Nasi Goreng, riso fritto con gamberi, uova o pollo; il Nasy Lemak, pollo con latte di cocco e spezie. Poi, ci sono ancora zuppe, ravioli al vapore, granchi in salsa, frittata di ostriche, squisita e coloratissima frutta esotica.

Esposizione di DurianHDCopyright Pixabay
I buonissimi ma maleodoranti Durian esposti al mercato

Tra tutte la varietà, il frutto che attirerà di più la vostra attenzione sarà il Durian. Sebbene il suo sapore sia buonissimo, il suo odore è notoriamente pessimo. Riuscirete ad assaggiarlo? Sicuramente, vi accorgerete “ a naso” delle bancarelle che lo vendono.

Acquisti

I prezzi in Malesia sono generalmente molto più bassi rispetto a quelli italiani, specialmente per quanto riguarda abbigliamento e tecnologia. Facendo attenzioni ai falsi, potrete comprare di tutto, da macchine fotografiche di ultima uscita (in alcuni casi con costi inferiore di circa il 10-20% rispetto all'Italia) a stupendi vestiti di marche sia internazionali, sia locali dallo stile più asiatico. Tra i prodotti tipici, non riuscirete a fare a meno di batik, oggetti in legno lavorato, stoffe pregiate (soprattutto presenti nei mercati indiane), ceramiche, gioielli.

Sari indiani in vendita al mercatoHDCopyright Elisabetta Di Minico
Colorati e preziosi sari indiani in vendita a KL

Per le amanti dell'eleganza, le perle del Borneo sono sicuramente un must have, mentre molto consigliati per la cura del corpo sono i prodotti a base di olio di cocco. Particolarmente ricercati, inoltre, sono i delicati e profumati saponi di Langkawi. Come in gran parte dell'Asia e del Medio Oriente, la contrattazione nei mercati e nei piccoli negozi è d'obbligo.

La Malesia, a torto, non è tra le mete più ambite dell'Asia. Ci auguriamo che anche un semplice reportage come questo possa aiutare a correggere questa “ingiustizia” e a dare risalto ad un paese dove magia, stupore e bellezza sono di casa.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.