Stai leggendo: Il ritorno del rock dei Decibel a Sanremo in attesa de ‘L’Anticristo’

Prossimo articolo: Vanoni, Bungaro e Pacifico a Sanremo per ‘Imparare ad amarsi’

Letto: {{progress}}

Il ritorno del rock dei Decibel a Sanremo in attesa de ‘L’Anticristo’

A oltre trent’anni da Contessa i Decibel tornano sul palco del Festival di Sanremo con lo stesso spirito dirompente. La loro Lettera dal Duca è un omaggio a David Bowie e introduce il nuovo apocalittico progetto. Attenzione, arriva L’Anticristo.

Decibel per Sanremo 2018 Riccardo Ambrosio

5 condivisioni 0 commenti

Enrico Ruggeri, Silvio Capeccia e Fulvio Muzio – ovvero i Decibel – tornano sul palco del Festival di Sanremo a quasi quarant’anni da quando i tre artisti si presentarono con il brano Contessa (correva l’anno 1980). La canzone con cui il gruppo calca nuovamente il palco del teatro Ariston è Lettera dal Duca, brano che è un omaggio a David Bowie e sulle cui note viene ospitato Midge Ure nella serata dei duetti. 

La storia dei Decibel si riapre nel 2016 senza alcuna pianificazione che preveda incisioni, album, tour e men che meno una partecipazione a Sanremo. E invece... Dai banchi di scuola del milanese Liceo Berchet e dalle prime sgangherate sale prova, i tre amici hanno trovato la via per tornare a fare la musica piace a loro. Quella suonata e non costruita a suon di tastiere, che rifugge etichette e scompiglia le regole nazionalpopolari.

Negli anni, gli amici Enrico Ruggeri, Silvio e Fulvio prendono strade diverse che li allontanano nella professione ma non nella passione per la musica e galeotto fu un concerto londinese degli Sparks. La fiamma si accende di nuovo e i tre si ritrovano a suonare insieme. Lo spirito è quello dell’“entriamo in studio e vediamo cosa succede”, hanno raccontato. Ecco, qualcosa è successo.

Cover album L'Anticristo Decibel

Dopo aver pubblicato Noblesse Oblige nel marzo 2017 – con dodici inediti e tre successi – e un tour teatrale, venerdì 16 febbraio esce L’Anticristo (sempre per Sony Music), album nato con presupposti diversi rispetto al predecessore. “A questo disco siamo arrivati molto più caldi: siamo entrati in studio con la nostra band e abbiamo provato le canzoni fino a quando non siamo stati pronti a registrarle”, spiega Ruggeri.

Noi togliamo sempre, è più bello togliere. Nel pop, invece, gli arrangiamenti si fanno aggiungendo ma l’arte si fa anche togliendo.

La conferenza stampa con cui i Decibel raccontano il nuovo progetto è l’occasione per ascoltarne alcuni brani in cui la dinamica musicale rock si fa sinfonia evocativa di un’era post-apocalittica (Choral in E Min, L’Anticristo), celebrazione di luci e ombre in una stagione che precipita nella decadenza (La Belle Epoque), antiretorica della contemporaneità (Il Sacro Fuoco degli Dei) e sperimentazione (Buonanotte).

Enrico Ruggeri coi DecibelHDRiccardo Ambrosio

Come si inserisce la partecipazione a Sanremo 2018? “Abbiamo un approccio particolare a Sanremo che risale al nostro primo Festival. L’intenzione e il look che portammo erano per stupire ed eravamo dirompenti rispetto agli altri. Ci presentiamo ancora con questa intenzione di fondo per goderci questa diversità.”

E la diversità, spiega il gruppo, appartiene anche a Lettera dal Duca: “Il brano ha dei movimenti armonici di semitoni inusuali nella canzone tipicamente di Sanremo. Questo pezzo non è stato pensato per Sanremo, anzi è nato di getto almeno nella musica, senza bisogno di grandi manipolazioni. Erano giorni in cui nell’aria aleggiava la figura di David Bowie e dopo che se nera parlato, l’ho sognato. La mattina dopo, appena svegliato, ho scritto il testo immaginando questa lettera.”

L’orecchio oggi forse è troppo abituato a groove di batteria e pad di tastiere sintetiche ma una volta tutti i dischi erano suonati. Noi facciamo questo e su vinile sarà ancora più godibile.

Pensare che tutti erano convinti che Ruggeri & Co. avrebbero presentato alla commissione tutt’altro pezzo: “Quando quelli che lavoravano con noi sentirono il brano Buonanotte, nato come ballad tradizionale piano e archi, erano convinti che volessimo portare al Festival quel pezzo. Questo ci ha spaventato, tanto che abbiamo rifatto completamente la canzone, inserendo chitarre molto inacidite e da canzone che doveva vincere il Festival è diventa la traccia sperimentale che chiude l’album.”

A fare da sfondo nel nuovo disco è una riflessione sulla manipolazione e il futuro dell’umanità, come già la copertina suggerisce: “Sulla cover recitiamo un parte – raccontano i musicisti – siamo tre manager di primissimo livello, quelli che si ritrovano e prendono le grandi decisioni anche in merito al livello culturale della gente. L’abbassamento della qualità di testi e musica non è un caso, dietro c’è una regia ben precisa che vuole che la gente ragioni sempre meno. 

La realtà è diversa da come appare. Il tema della manipolazione e del lavaggio del cervello è un concetto che ci è caro perché è evidente che oggi i modi per condizionare le persone sono infinitamente perfidi e sottili.

L’Anticristo: tracklist e tour

L’album L’Anticristo viene pubblicato il 16 febbraio (attivo il pre-order) in versione CD e doppio LP. Queste le tracklist complete:

Versione CD

  1. Choral in E Min
  2. L’Anticristo
  3. Lettera dal Duca
  4. Baby Jane
  5. My Acid Queen
  6. La Banca
  7. La Città Fantasma
  8. Sally Go Round
  9. 15 Minuti
  10. Lo Sconosciuto
  11. La Belle Epoque
  12. Il Sacro Fuoco degli Dei
  13. Buonanotte
Decibel AnticristoHDRiccardo Ambrosio

Versione doppio LP

LP1 (Side A)

  1. Choral in E Min
  2. L’Anticristo
  3. My Acid Queen
  4. La Banca

LP1 (Side B)

  1. Lettera dal Duca
  2. Baby Jane
  3. Sally Go Round
  4. La Città Fantasma

LP2 (Side A)

  1. Il Sacro Fuoco degli Dei
  2. La Belle Epoque
  3. 15 Minuti
  4. Lo Sconosciuto

LP2 (Side B)

  1. Elephant Man
  2. Londra
  3. Buonanotte

A partire dal 13 aprile i Decibel tornano dal vivo nei teatri italiani per presentare il nuovo progetto. Di seguito le prime date confermate:

  • 13 aprile – Senigallia (An), Teatro La Fenice
  • 14 aprile – Torino, Teatro Colosseo
  • 26 aprile – Pisa, Teatro Verdi
  • 05 maggio – Vicenza, Teatro Comunale
  • 15 maggio – Roma, Parco della Musica
  • 20 maggio – Milano, Teatro Nazionale

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.