Stai leggendo: Spielberg alla ricerca di nuove star per il remake di West Side Story

Letto: {{progress}}

Spielberg alla ricerca di nuove star per il remake di West Side Story

Non c'è più dubbio, Steven Spielberg riporterà al cinema la magia di West Side Story, cimentadosi per la prima volta con un musical, ed è alla ricerca di nuovi talenti per le parti principali.

Una scena di West Side Story con Natalie Wood e Richard Beymer

1 condivisione 0 commenti

Ci sono film che hanno fatto la storia del cinema diventando colonne portanti di un genere, e West Side Story è uno dei musical più famosi di sempre. Steven Spielberg ha cominciato a lavorare ad una nuova trasposizione del musical che debuttò a Broadway nel 1957, e quattro anni dopo consegnò George Chakiris, Natalie Wood, Richard Beymer e Rita Moreno alla storia del cinema come volti indimenticabili di Bernardo, Maria, Tony e Anita.

La notizia del coinvolgimento di Spielberg nel progetto in questione aleggiava da un po’, ma è stato un casting call su Twitter a confermarla ufficialmente: Mark Harris, marito dell’autore teatrale e sceneggiatore Tony Kushner ha infatti condiviso una foto che sfrutta la grafica della famosissima locandina del poster per lanciare la ricerca dei volti del film, ed il nome di Spielberg campeggia sotto al titolo. Le audizioni dei novelli Tony, Maria, Anita e Bernardo sono destinate ad attori tra i 15 e 25 anni capaci di cantare, mentre l’essere ballerini è un plus.

Sta per arrivare qualcosa. Qualcosa di bello.

Quando debuttò, West Side Story fu salutato come un moderno adattamento di Romeo e Giulietta nella New York degli anni ‘50 dove la distinzione di classe era data dalla provenienza degli attori: i portoricani che accettano di vivere in condizioni non proprio ottimali e sempre bersaglio di pregiudizi pur di realizzare il sogno di farcela in America da una parte e gli americani privilegiati dall’altra. Le musiche originali sono di Bernstein, le parole di Sondheim, mentre le coreografie di Jerome Robbins, il quale poi insieme a Robert Wise diresse anche il film, che trionfò agli Oscar aggiudicandosi 10 statuette, tra cui quella come miglior film.

Spielberg quindi si confronta con dei titani, e sarà la prima volta che il regista prende le redini di un musical. Ad aiutarlo c’è Tony Kushner (veterano di Broadway e già collaboratore di Spielberg in Lincoln), che si occuperà di adattare il materiale originale a qualunque visione abbia questo nuovo team creativo. Non si infatti ancora molto della direzione che prenderà questo film, ma è già molto promettente che per i quattro ruoli principali Spielberg voglia cercare facce nuove: siamo curiosi di sapere chi vincerà questa lotteria.

Il 2018 sarà quindi un anno intenso per il regista: ha da poco finito di presentare in giro per il mondo The Post, e presto lo rivedremo per Ready Player One, attesissimo adattamento del romanzo omonimo di Ernest Cline previsto per il 29 marzo 2018. E se questi film non bastassero per ingannare l’attesa della prossima creatura di Spielberg, c’è sempre da ripassare le intramontabili canzoni di West Side Story.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.