Stai leggendo: Il toccante discorso di Kate Winslet sulle molestie a Hollywood

Prossimo articolo: Colin Firth: 'Non lavorerò mai più con Woody Allen'

Letto: {{progress}}

Il toccante discorso di Kate Winslet sulle molestie a Hollywood

Con la voce rotta dall'emozione, Kate Winslet si è dichiarata pentita di aver lavorato con alcuni uomini potenti di Hollywood. L'attrice ha ricordato, inoltre, quanto sia importane che ogni singola denuncia venga ascoltata con attenzione.

Kate Winslet

3 condivisioni 4 commenti

Lo scandalo Weinstein ha scatenato una vera e propria tempesta a Hollywood e a tutti è ormai chiaro che niente sarà più come prima. Fortunatamente, quelli che fino a poco tempo fa sembravano essere degli intoccabili sono stati messi in discussione e le denunce troppo a lungo inascoltate sono oggi un coro sempre più forte, composto da sempre più voci: è impossibile fingere che nulla stia accadendo.

Lo sa bene Kate Winslet, che tra le lacrime si è scusata per aver lavorato con alcuni potenti della mecca del cinema, dichiarandosi pentita di averlo fatto. L'attrice ha ritirato in queste ore un riconoscimento a Londra, il Dilys Powell Award, e ha tenuto un discorso particolarmente sentito ed emozionante riportato dal tabloid Time.

Kate Winslet ai SAG AwardsHD

"Ci sono registi, produttori e uomini di potere che sono stati premiati e applauditi per decenni per il loro lavoro, molto apprezzato sia dall'industria che dagli spettatori. In effetti, molti attori hanno avuto una carriera di successo anche grazie ai ruoli interpretati nei loro film. Il messaggio che ci è stato trasmesso per anni è che è stato un onore lavorare con loro", ha dichiarato Kate Winslet. Dopo aver assistito alla Women's March organizzata come segno di protesta contro gli abusi negli scorsi giorni, però, l'attrice si è resa conto di avere dei rimpianti. Primo su tutti il suo silenzio:

Mentre le donne di tutto il mondo e di ogni estrazione sociale hanno marciato la scorsa settimana, mi sono resa conto di essermi pentita di alcune decisioni sbagliate, di aver lavorato con individui con cui vorrei non aver avuto a che fare.

La Winslet ha poi continuato il suo discorso, esortando a portare avanti con fermezza questa lotta prestando attenzione a ogni singola voce, a ogni denuncia:

L'abuso sessuale è un crimine. Spetta alla legge giudicare, ma tocca a tutti noi ascoltare anche la più piccola delle voci e non smettere mai di farlo.

Kate Winslet non ha fatto nomi durante il suo intervento, ma non è sicuramente casuale che queste parole siano state pronunciate pochi giorni dopo le accuse rivolte da Dylan Farrow al patrigno Woody Allen, regista da sempre guardato con sospetto per la sua condotta - in particolare dopo il matrimonio con la figlia adottiva Soon-Yi Previn, molto più giovane di lui - ma per decenni osannato da critica e pubblico.

Kate ha lavorato con lui nel film La ruota delle meraviglie, uscito al cinema lo scorso dicembre. Dopo quanto fatto da molte colleghe e diversi colleghi - tra cui Rebecca Hall e Colin Firth - la Winslet potrebbe essere l'ennesima star a prendere le distanze dal regista newyorkese.

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.