Stai leggendo: Intervista ad Alice Merton, cantautrice in ascesa con No Roots

Letto: {{progress}}

Intervista ad Alice Merton, cantautrice in ascesa con No Roots

Scrive le sue canzoni ispirata da quello che le capita durante la giornata. Alice Merton è fra i nuovi talenti del 2018 e Billboard Alternative US l'ha paragonata ad Adele e Lorde. Il tour italiano la vedrà il 17 aprile a Milano e il 18 aprile a Roma.

Alice Merton, la nuova cantautrice del 2018

3 condivisioni 0 commenti

Il primo singolo, No Roots, di Alice Merton è stato un successo: ha infatti raggiunto i primi posti delle classifiche radio, ma anche iTunes, Spotify e Shazam. L'autrice ha scritto la sua canzone (dalle influenze pop) pensando a tutti i luoghi in cui è stata e dove ha lasciato il suo cuore. Classe 1993, è nata a Francoforte da genitori irlandesi e tedeschi. Ha iniziato a muovere i primi passi nel mondo della musica quando aveva solo 16 anni con il brano da lei scritto Little Lightouse, un'ode alla nostalgia di casa.

Nel giro di 24 anni Alice ha cambiato più volte residenza: da Francoforte si è spostata in Canada e poi è tornata in Europa (in Inghilterra e Francia). Per questo la cantautrice si è sempre definita una nomade e da qui è nata la sua canzone No Roots. In questa intervista ci spiega il successo della sua hit e il motivo per cui Billboard Alternative US l'ha paragonata ad Adele e Lorde.

Con No Roots la cantautrice ha avuto un successo internazionaleSony Music

Chi è Alice Merton e quali parole la rappresentano al meglio?
Mi definisco un tipo "classico". A 5 anni ho iniziato pianoforte classico e clarinetto. Amo i compositori romantici, come Chopin e Rachmaninoff. Sono una musicista e cantautrice.

Scrivo le mie canzoni solo quando e perché ne ho voglia, ispirata sempre da qualcosa che mi capita durante la giornata.

Quando ha iniziato davvero ad avvicinarsi alla musica?
In realtà ho iniziato a scrivere la mia prima canzone quando avevo solo 16 anni. È stato molto naturale, ho preso la chitarra e di lì ho capito di voler descrivere i miei pensieri attraverso le parole della musica. Lo considero un momento importante, perché ho potuto esprimere me stessa e le emozioni che stavo provando in quel periodo.

Oltre alla musica classica, quali sono gli altri generi che ascolta?
Non seguo un genere particolare, ascolto davvero di tutto. Dalla musica classica a quella contemporanea, ma anche il mainstream. I miei gruppi preferiti sono i Kaiser Chiefs, The Alan Parsons Project, ma i miei preferiti sono senza dubbio i The Killers. Crescendo ho imparato ad apprezzare di più il rock e l'indie.

Come spiegherebbe il successo di No Roots?
È davvero difficile spiegarlo, non credo ancora ai miei occhi. È arrivato tutto così di fretta, ma sono anche consapevole di aver lottato per raggiungere i miei obiettivi che non riguardano solo il successo di No Roots. Come suggerisce il titolo della canzone, infatti, non ho radici.

Mi sento un tipo nomade, che va in giro per il mondo e non si ferma mai in nessun luogo.

Billboard Alternative US l'ha paragonata ad artiste come Adele e Lorde, lei è d'accordo?
Penso che siano entrambe meravigliose, su questo non ci sono dubbi. In effetti le ascolto entrambe, ma non saprei dire perché sono stata paragonata a loro. Forse per il genere che faccio, o per i risultati che ho raggiunto finora e in così poco tempo. In ogni caso sono felice di essere paragonata a personalità incredibili come loro.

C'è qualcuno al quale si è ispirata?
Mio padre, è lui il mio vero eroe (ride). Per il resto stimo molto chi riesce nelle sue imprese, chi è motivato e non si accontenta mai.

Che cosa ne pensa del ruolo della donna nella società?
Penso che noi donne stiamo cambiando molto il nostro modo di agire e di muoverci all'interno della società. Stiamo rompendo alcuni schemi, con i quali in effetti prima dovevamo confrontarci ogni giorno. Non che adesso ciò non avvenga, ma mai come in questo periodo stiamo facendo sentire la nostra voce.

Questo è davvero un grande momento per capire in quale direzione voler andare, ma anche per diventare ancora più indipendenti.

Quali sono i suoi progetti futuri?
Sto lavorando a un album, non c'è ancora un titolo ma dovrebbe uscire per la fine del 2018.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.