Stai leggendo: Tom Hardy e i suoi trascorsi da rapper, riemerse le sue canzoni

Letto: {{progress}}

Tom Hardy e i suoi trascorsi da rapper, riemerse le sue canzoni

Una vecchia compilation rap di Tom Hardy è comparsa in rete: ecco a voi il rapper Tommy No 1.

Una foto di Tom Hardy in bianco e nero

2 condivisioni 0 commenti

Dr Livingstoned, People Like to Boogie e Rotton Cocksuckers Ball sono solo alcuni dei titoli provocatori del rapper Tommy No 1. Non sapete chi sia? Ebbene, dietro questo alias che strappa un sorriso si celava niente meno che l’attore britannico Tom Hardy, quello di Dunkirk, Il cavaliere oscuro, Taboo e molto altro. Una vecchia compilation di brani poeticamente intitolata Falling on Your Arse in 1999 svela il passato da aspirante rapper del divo nato ad Hammersmith.

La foto della copertina dell'album del 1999 di Tom Hardy ed Ed TracyHDTom Hardy - Ed Tracy
La copertina di Falling On Your Arse in 1999 - Tom Hardy ed Ed Tracy

Questa mirabile scoperta getta nuova luce sulla star schiva: finalmente ci appare un poco più chiaro da dove venga quell’atteggiamento hip-hop che si intravede anche nelle occasioni più formali. Per chi volesse bearsi delle doti musicali di Tommy No 1, l’album è stato pubblicato su Bandcamp per intero (qui trovate i testi) e nella descrizione si può leggere: “Realizzato in una stanza da letto 1999 questa compilation non è mai stata finita. Testi scritti e cantati da Tom Hardy. Musica composta e prodotta da Ed Tracy”. Il partner artistico di Hardy, ovvero Ed Tracy- aka Eddie Too Tall - è un regista e autore televisivo.

Nel 2011 era giù apparso su YouTube un video risalente a circa tre anni prima in cui l’attore si esibisce in un breve pezzo rap insieme al figlio Louis, cui tiene le manine in modo da farlo partecipare alla performance improvvisata per strada, mentre il piccolo è agganciato al petto del padre con un'imbracatura.

Nello stesso anno in cui è stato pubblicato quel video, Tom Hardy rilasciò un’intervista a BBC Newsbeat durante la promozione della spy-story La talpa, in cui raccontò di aver cercato di sfondare col rap, tanto che era riuscito anche ad ottenere un contratto.

Ho cominciato a fare rap quando avevo 14 o 15 anni.

In quell’occasione l’attore rivelò di essere anche riuscito a trovarsi un manager che all’epoca aveva già seguito artisti divenuti famosi sulla scena hip-hop, come Lauryn Hill, Pras e The Fugees. L’attore ha tentato a lungo di inseguire quel sogno, lavorando anche con produttori vincitori di Grammy come Warren Riker e Gordon Williams.

Ho registrato un sacco di cose, ma non sono mai state pubblicate.

La star non ha mai del tutto accantonato l’idea del rap, e qualche anno fa si augurava che questa sua abilità potesse tornare utile in qualche ruolo sullo schermo: “Ho veri e propri album, amico. Il mio migliore amico Peanut è cresciuto nel Bronx. Lui è un MC (Maestro di Cerimonie) molto bravo e cantiamo ancora. Verrà fuori in qualche film, un giorno, uscirà fuori in qualche personaggio”. Ma se la passione per il rap era così forte, come mai poi l’attore di Mad Max: Fury Road ha abbandonato quella strada? Perché, ammise, “venivo da un rispettabile quartiere borghese, e poi non ero molto bravo!”.

Ma ora che questa porzione del suo passato è venuta alla luce, magari le cose potrebbero cambiare, ed anche se magari una carriera da rapper non è nelle stelle, certamente qualcuno avrà pronta la sceneggiatura giusta per sfruttare le doti musicali di Hardy. Intanto, gustatevi i titoli dei 18 gloriosi brani di Falling on Your Arse in 1999.

  1. We Makes the Beats (Hairy mix)
  2. Rusty Sheriff’s Badge
  3. Treason
  4. Wiser
  5. Across the Gulf of Space
  6. Doh Back Again
  7. In the City
  8. We Makes the Beats (No More Whiskey mix)
  9. No Love No Life (Bad Wig mix)
  10. Bring the F__king Noise
  11. Never Meant to Be
  12. People Like to Boogie
  13. Sit Your Arse Down
  14. Dr Livingstoned
  15. We Makes the Beats (Codpiece mix)
  16. Rotton Cocksuckers Ball
  17. Red Light Beams
  18. I Like to Go Out

Chissà cosa pensa Hardy di questa riemersione del proprio passato!

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.