Stai leggendo: Molestie nella moda: l'accusa ai fotografi Mario Testino e Bruce Weber

Letto: {{progress}}

Molestie nella moda: l'accusa ai fotografi Mario Testino e Bruce Weber

Il New York Times ha raccolto le testimonianze di decine di modelli che hanno accusato i due fotografi, colpevoli di aver fatto avances e aver molestato le vittime durante gli shooting fotografici.

I due fotografi accusati di molestie sul New York Times

1 condivisione 0 commenti

Non bastava il cinema, adesso anche il mondo della moda è coinvolto negli scandali sulle molestie sessuali ma ancora tutte da verificare. A finire nel mirino del New York Times, che ne ha dato per primo la notizia, questa volta sono stati i due fotografi Mario Testino e Bruce Weber. Le accuse sono arrivate da decine di modelli maschi, come ha riportato lo stesso quotidiano statunitense che sabato 13 gennaio ha ricevuto e raccolto le testimonianze delle persone coinvolte nei fatti. Da quanto è stato riportato sul giornale, gli episodi risalirebbero dalla metà degli anni '90 ai giorni nostri.

Dal modello Ryan Locke a Robyn Sinclair e Terron Wood, ognuno di loro ha dichiarato di aver subito molestie sessuali e abusi durante servizi fotografici. Gli uomini, infatti, hanno ricordato sessioni particolari con Bruce Weber: "Non abbiamo mai fatto sesso o altro, ma sono successe molte cose. Lo stesso sarebbe accaduta durante la collaborazione con Mario Testino che di recente è stato impegnato nella realizzazione della campagna Primavera-Estate 2018 di Stuart Weitzman, con la partecipazione delle due top model Kate Moss e Gigi Hadid.

Entrambi i fotografi, però, hanno subito smentito: "Sono sotto choc e rattristato da accuse vergognose che nego assolutamente" ha fatto sapere Weber tramite un avvocato. I legali di Mario Testino hanno smentito quanto è stato riportato dai modelli al New York Times. Sia Weber che Testino hanno collaborato spesso con Vogue, tanto che le accuse non sono di certo passate inosservate. Per questo la direttrice della rivista, Anna Wintour, e l'amministratore delegato, Bob Sauerberg hanno affermato:

Alla luce delle accuse, non commissioneremo loro alcun lavoro nel prevedibile futuro.

La direttrice di Vogue, Anna WintourHDGetty Images

Per il momento quindi la porta del gruppo Condé Nast (che conta fra l'altro Vogue e Vanity Fair) è stata chiusa ai due fotografi. La Wintour ha poi spiegato di non poter chiudere un occhio per una situazione grave come questa e ha aggiunto: "Credo nel valore del rimorso e del perdono, ma queste accuse sono serie". Il fotografo peruviano, da sempre apprezzato da Vogue e dalla famiglia reale britannica, immortalò la compianta Lady D.

Com'è accaduto per alcune attrici, anche i modelli per evitare di essere estromessi dal mondo della moda sono spesso scesi a compromessi. Ma quanto valela  carriera? Tanto quanto la possibilità di partecipare a prestigiose campagne come quelle di Calvin Klein, oppure Abercrombie and Fitch marchi con i quali Bruce Weber ha sempre collaborato. C'è chi, come Ryan Locke (volto di DKNY, Gucci e Versace) ha spiegato sempre al New York Times e sul conto di Mario Testino che il fotografo "era un predatore sessuale".

Il New York Times ha pubblicato le accuse su Testino e WeberHD

D'altro canto, un agente che lavora da anni con alcuni modelli, Gene Kogan, ha spiegato al quotidiano britannico: "Se uno di loro (dei modelli) si fosse rifiutato di lavorare insieme ai due fotografi, avrebbero potuto fare le valigie e andare a lavorare in un altro settore". 

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.