Stai leggendo: Rise: la produzione della serie trasforma il protagonista da gay a etero

Letto: {{progress}}

Rise: la produzione della serie trasforma il protagonista da gay a etero

Rise è una nuova serie TV che debutterà su NBC il prossimo marzo. Lo show è ispirato a una storia realmente accaduta, ma il protagonista omosessuale è stato trasformato in etero per esigenze di copione.

Una scena di Rise NBC

0 condivisioni 0 commenti

Rise si preannuncia, stando alle prime indiscrezioni, come una versione più seria di Glee, cui è affine per la sua ambientazione nel mondo della scuola e del teatro. La nuova serie TV di NBC debutterà sul piccolo schermo nel mese di marzo, ma sta già facendo molto discutere per alcune scelte di produzione. Rise si ispira al romanzo Drama High scritto nel 2013 dal giornalista Michael Sokolove, incentrato sulla storia vera di un professore di teatro, Lou Volpe, e dei suoi studenti di liceo. Volpe decide di allestire con i suoi ragazzi la messa in scena del musical Spring Awakening - Risveglio di primavera basato sull'omonima opera del 1891 di Frank Wedekind. Il musical affronta tematiche importanti, come l'omosessualità, lo stupro e il suicidio, insomma una missione complessa - ma motivante - per il docente gay Lou Volpe.

Rise, che riprende in tutto e per tutto la storia realmente accaduta di Drama High, si distanzia però dalla sua fonte per un particolare di certo non trascurabile: nella serie, Lou Mazzuchelli (interpretato da Josh Radnor, Ted di How I Met Your Mother) non è gay come il vero Lou, ma un eterosessuale padre di famiglia.

Josh Radnor in RiseHDNBC

Qual è la ragione di questo cambio di rotta? Stando a quanto riportato da Vulture, l'autore dello show Jason Katims ha le idee ben chiare in merito e ha difeso la sua scelta da eventuali critiche. "Ci siamo ispirati al libro, ma poi mi sono sentito come se avessi bisogno di farcela da solo. Abbiamo riscritto tanto sulla vita di Lou e la sua famiglia, non solo in termini di gay o etero ma di struttura". Il tema dell'omosessualità non mancherà nella serie, complice la presenza di due personaggi secondari: "Sono stato ispirato a raccontare la storia di Michael (Ellie Desautels), che è un personaggio transgender, e di Simon (Ted Sutherland), che ha a che fare con la sua omosessualità in una famiglia religiosa molto conservatrice", ha spiegato l'autore.

In molti reputano poco convincente la linea seguita da Katims. Quale sarà il riscontro del pubblico?

Commenta

Leggi anche

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.