Stai leggendo: Cattivissimi da ricordare: i migliori villain cinematografici del 2017

Letto: {{progress}}

Cattivissimi da ricordare: i migliori villain cinematografici del 2017

Clown, poliziotti corrotti, dee della morte e donne annoiate: nel 2017 cinematografico non sono davvero mancati i villain memorabili. Ricordiamo insieme i più cattivi di tutti!

Pennywise

0 condivisioni 0 commenti

Non c'è eroe memorabile senza un cattivo altrettanto iconico. Anzi, talvolta è sulle spalle del villain di turno che grava il compito di rendere godibile e memorabile un film magari non eccelso. Sotto questo punto di vista, nel 2017 cinematografico non sono mancati malvagi, assassini, truffatori e alieni decisi a distruggere la Terra.

Che indossino un costume fantascientifico o una divisa da poliziotto, che siano donne annoiate o uomini d'azione, i cattivi possono essere terribili e affascinanti, ironici o terrorizzanti, ma rimangono un elemento quasi indispensabile per creare un film appassionante. Anche se ultimamente i villain sono stati il tallone d'Achille del cinema commerciale, con antagonisti poco incisivi che hanno sgonfiato tanti blockbuster e pellicole supereroistiche, il 2017 ha comunque regalato una galleria di volti malvagi da incorniciare. Ecco i 10 villain visti su grande schermo nel 2017 che ci sono più rimasti nel cuore (o che hanno popolato i nostri incubi). 

1 - Ahmanet, La mummia

L'unico particolare memorabile del disastroso tentativo di Universal di riportare in vita i suoi celebri mostri cinematografici è la performance di Sofia Boutella. Mentre Tom Cruise arranca più del solito, la Mummia si fa donna, rimanendo letale come sempre, ma con una carica di sensualità davvero vincente. Il corpo atletico e il fascino esotico dell'ex ballerina divenuta una delle nuove stelle di Hollywood è perfetto per incarnare la principessa egiziana sedotta dalle forze del Male. 

Sofia Boutella nei panni di AhmanetHDUniversal
Peccato che Universal non abbia avuto il coraggio e la voglia di puntare tutto sul villain femminile di La Mummia

Peccato che Universal non abbia deciso di puntare tutto sul suo, di personaggio: avremmo visto un film molto diverso e probabilmente migliore di quello che ha fatto flop al botteghino. 

2 - Pennywise, IT

Come poteva mancare il villain del film horror più amato e di successo del 2017, il terrorizzante Pennywise? Soprattutto perché rispetto al primo, meno convincente tentativo di portarlo sui nostri schermi, la creatura del sottosuolo partorita dalla mente del Re dell'Orrore ha subito un restyling decisivo e efficacissimo, con un look che in tanti hanno prontamente provato a ricreare).

Bill Skarsgaard vestito da Clown nei panni di Pennywise in ItHD

Oltre a un film che per scrittura e budget è finalmente degno di questa definizione, Pennywise ha fatto il salto di qualità anche grazie al suo interprete Bill Skarsgård. La sua performance minimalista e concreta si è avvalsa poco dell'elemento grottesco e circense, risultando ben più terrorizzante (e memorabile) del previsto. 

3 - Kevin Wendell Crumb, Split

Non è la prima volta che James McAvoy tenta di scrollarsi di dosso quell'aura romantica che i suoi occhioni blu e ruoli iconici come quello in Espiazione gli hanno lasciato addosso. Con il mago del genere horror M. Night Shyamalan e un budget da film minore, l'attore inglese ha tirato fuori la sua performance "cattiva" migliore di sempre nel thriller Split.

James McAvoy in SplitHDUniversal
Uno, nessuno, ventritrè villain: quella di James McAvoy è una delle interpretazioni "cattive" dell'annata

Qual è poi il villain migliore tra le 23 personalità intrappolate nel corpo di Kevin, qual è la migliore interpretazione di un James McAvoy che si sdoppia infinite volte, saltando dalle espressioni bambinesche alle smorfie grottesche del predatore sessuale? Difficile dirlo, ma con l'annuncio del sequel Glass, è probabile che avremo presto altro materiale su cui formulare il nostro giudizio.

4 - Gli Armitage, Scappa - Get Out

Si può davvero stabilire chi sia il vero mostro nel nucleo familiare di bianchi che rende un tranquillo fine settimana di un giovane afroamericano un inferno in terra? No, perciò il ruolo di villain in Scappa - Get Out diventa una questione familiare. D'altronde i compiti (horror) sono equamente divisi: c'è chi adesca, chi ipnotizza, chi interviene chirurgicamente. 

Allison Williams in Get OutUniversal
Allison Williams nella fantomatica scena in cui mangia Froot Loops nella sua cameretta

Per fortuna il film rivelazione di Jordan Peele sa uscire dal pantano della sua terribile famiglia protagonista (e delle sue potenti metafore sociologiche) con una dose extra di cervi e di humour nero. Resta il fatto che dopo Get Out, non si prenderà mai più la presentazione ai genitori del partner troppo alla leggera.

5 - Rita Repulsa, Power Rangers

Con un outfit da far diventare verdi d'invidia gli altri villain in classifica e un ruolo che rischia di farla sembrare molto più protagonista di quanto non sia, Elizabeth Banks è uno dei motivi per cui ricorderemo con affetto il remake cinematografico tutt'altro che disprezzabile dei Power Rangers (il secondo per la cronaca è un certo bulletto visto nella seconda stagione di Stranger Things). 

Elizabeth Banks nei panni di Rita RepulsaHD01 Distribution
Elizabeth Banks ormai è una vera esperta di outfit e make up esageratissimi e super cool

Dopo il training intensivo di Hunger Games per l'attrice sarà stata una passeggiata calarsi nelle tutine verdi ed esageratissime della cattivona di Power Rangers. Il fatto è che sembra godersela davvero in questa metamorfosi sexy e cattiva e, aspetto ancor più gradito, fa divertire parecchio anche il pubblico. 

6 - Hela, Thor: Ragnarok

Anche stavolta in fatto di costumini esagerati (e sexy) non si scherza. Ci voleva un'attrice (e una villain) di razza come Cate Blanchett per far passare prepotentemente dalla parte dei buoni un personaggio ambiguo e inaffidabile come il Loki di Tom Hiddleston. Sembrano tutti inoffensivi come micetti di fronte a questa versione terribilmente malvagia e decisamente dark dell'attrice australiana, diventata a sorpresa la sorella maggiore di Thor e Loki in Thor: Ragnarok. 

Cate Blanchett nei panni di HelaHDDisney
Cate Blanchett nei panni di Hela sfoggia un inedito look dark

Per fortuna che c'è Cate con le sue potenti arti magiche e la sua invincibile attitudine guerriera a dare spessore e pathos un film Marvel che si prende decisamente troppo poco sul serio. Altri avrebbero chiuso un'occhio, Hela rimedia al danno cavandone uno a Thor a mani nude. 

7 - Michèle Leblanc, Elle

Quella di Elle è una sfida umana e recitativa titanica, che avrebbe schiacciato chiunque, ma non Isabelle Huppert. Ci vuole del coraggio e un talento eccezionale a interpretare "la cattiva" protagonista di un film che parla di una vittima di uno stupro. Il coraggio all'attrice francese - che per questo ruolo ha vinto anche un Golden Globe  - non è mai mancato ma qui si supera, in una delle sue miglior interpretazioni di sempre.

Isabelle Huppert è Michèle LeblancHDLucky Red
Chi sarà mai il folle che ha deciso di sfidare Isabelle Huppert?

Se quello di Paul Verhoeven è uno dei thriller più intensi e ambigui dell'ultimo decennio è soprattutto merito di Huppert, capace di incarnare alla perfezione una donna così sgradevole, maligna, pericolosa e stronza (per stessa ammissione del personaggio). A inizio film Michèle è un vittima a cui succede qualcosa di terribile come donna. Alla fine a fare più paura agli occhi dello spettatore probabilmente è proprio lei, come da titolo.

8 - Catherine, Lady Macbeth

Dimenticate i film in costume di una volta, o fate ricredere chi pensa siano tutti smancerie e romanticume facendogli vedere questo incredibile esordio cinematografico candidato ai BAFTA 2018. Non c'è avversario peggiore della noia per una giovane donna, ma il metodo con cui deciderà di combatterarla Catherine ha del luciferino.

Florence Pugh è CatherineHDTeodora Film
Florence Pugh si è fatta notare proprio grazie al ruolo di Lady Macbeth

Con la sua carica sensuale e mortifera, difficilmente la giovane e talentuosa Florence Pugh verrà dimenticata da quanti s'inoltreranno alla scoperta del cuore nero della tranquilla, religiosa campagna inglese. Ancora una volta Teodora Film merita un grande grazie da parte dei cinefili italiani per aver portato nelle sale italiane uno dei villain più memorabili dell'annata. 

9 - Gaston, La bella e la bestia

Se certi villain rimangono impressi a fuoco nella nostra mente per la paura e l'orrore che ispirano, altri trovano vie ben più divertenti per farsi ricordare. Se già nell'originale film d'animazione Disney Gaston era uno dei personaggi più riusciti, non si può che applaudire alla performance di Luke Evans nel remake live action.

Luke Evans è GastonHDDisney
Il più forte è Gaston, il più furbo è Gaston, uno dei villain migliori del 2017 è Gaston!

L'attore inglese mette tutto sé stesso nel vanesio, attaccabrighe e superficiale tronista di periferia che sfida la Bestia nel film campione d'incassi al botteghino italiano. Ammettiamolo: pur essendo detestabile, non si può negare che abbia un fascino da bullo tutto suo. 

10 - Elizabeth Sloane, Miss Sloane - Giochi di potere

Quando un'eroina e un'antagonista convivono in un solo corpo state probabilmente guardando il sottovalutatissimo thriller politico Miss Sloane. In bilico tra l'estetica modaiola di Il diavolo veste Prada e dialoghi fitti fitti alla Aaron Sorkin, Jessica Chastain interpreta una gelida e calcolatrice lobbista in quel di Washington. 

Jessica Chastain è Miss SloaneHD01 Distribution
Un guardaroba strepitoso e nessuno scrupolo: questa è la luciferina Miss Sloane di Jessica Chastain

Elisabeth Sloane è una portentosa lobbista che si aggira per i meandri oscuri della politica a Washington, almeno fino a quando i suoi nemici le tendono una trappola mortale. Dire che venderà cara la pelle e passeggerà sui cadaveri di buoni e cattivi coinvolti è un velato eufemismo. 

Bonus - Vicesceriffo Dixon, Tre manifesti a Ebbing, Missouri

Sam Rockwell - fresco vincitore di Golden Globe e lanciatissimo per la corsa agli Oscar - deve davvero ringraziare la sua buona stella e Martin McDonagh, sceneggiatore e regista di Tre manifesti a Ebbing, Missouri. Quello del vicesceriffo Dixon è uno di quei ruoli che ti capitano una volta nella vita e solo se sei fortunato. 

Sam Rockwell è DixonHDFox
Sam Rockwell vincerà l'Oscar con il suo ruolo più memorabile?

Raramente infatti a un uomo corrotto, violento e ignorante come il vicesceriffo Dixon viene accordata la possibilità di mostrarsi nel suo lato umano inespresso, stregando il pubblico per come le sue debolezze e disgrazie (che pure non giustificano la sua violenza nei confronti degli afroamericani e degli omosessuali), svelando cosa ci sia dietro tanta malvagità. Senza patetismo e senza qualunquismo, Dixon distrugge la sua vita e quella degli altri, in uno dei film più intensi dell'annata. Il film, presentato al festival del cinema di Venezia, non entra per pochi giorni nelle classifiche del 2017: sbarca l'11 gennaio 2018 nelle sale italiane.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.