Stai leggendo: Pay gap a Hollywood: Michelle Williams pagata l'1% di Mark Wahlberg

Letto: {{progress}}

Pay gap a Hollywood: Michelle Williams pagata l'1% di Mark Wahlberg

È polemica per l'abissale disparità di salario tra Michelle Williams e il collega Mark Wahlberg per i reshoot di All the Money in the World.

Michelle Williams e Mark Wahlberg

1 condivisione 2 commenti

All the Money in the World è stato praticamente girato due volte. In seguito alle accuse di molestie emerse contro Kevin Spacey, Ridley Scott ha deciso di sostituirlo con Christopher Plummer e di conseguenza sono state girate di nuovo molte scene e in tempi record, per garantire l'uscita del film nelle sale entro il periodo natalizio. Se, come ovvio che sia, Plummer è stato retribuito per intero, Mark Wahlberg e Michelle Williams - entrambi nel cast - pare abbiano ricevuto un trattamento molto diverso l'uno dall'altra per i loro giorni extra di lavoro. Stando a quanto riferito da alcuni insider a Usa Today, Wahlberg avrebbe ricevuto per i reshoot 1,5 milioni di dollari, mentre la Williams sarebbe stata pagata l'1% del collega: a lei sono toccati solo 80 dollari al giorno, per un totale di circa 800 dollari.

Michelle Williams sul red carpetHD

Per il momento, nessuno dei due diretti interessati ha commentato quello che sembra essere a tutti gli effetti l'ennesimo caso di pay gap. Secondo Usa Today, Michelle Williams avrebbe rifiutato di essere pagata per i reshoot rendendosi disponibile per nuove riprese, mentre il team di Wahlberg avrebbe negoziato per lui questo lauto compenso, all'oscuro dell'attrice. Sono tante le colleghe di Michelle Williams ad aver chiesto alla produzione del film di fare chiarezza in merito, sperando si tratti solo di un equivoco. Tra queste c'è Jessica Chastain, che ha commentato l'accaduto su Twitter.

"Ho sentito che lei ha avuto 80 dollari al giorno rispetto ai milioni di lui. Qualcuno può spiegare tutto questo? Mi auguro che alla fine risulti che abbiano avuto un compenso equo", ha scritto la Chastain.

In questo periodo così delicato, in cui tanto si parla della parità di genere e del rispetto per la dignità delle donne, una notizia simile suona decisamente stonata e poco confortante.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.