Stai leggendo: Contraccettivo universale: l'ultima incredibile scoperta della scienza

Letto: {{progress}}

Contraccettivo universale: l'ultima incredibile scoperta della scienza

Un team di ricercatori dell’Università di Berkeley ha pubblicato un’interessante ricerca relativa alla possibilità di realizzare un contraccettivo universale, valido per gli uomini e per le donne, completamente naturale e privo di ormoni.

Agenda con una scritta sulla copertina e una confezione di pillole accanto

5 condivisioni 0 commenti

Il primo contraccettivo universale valido sia per gli uomini che per le donne è diventato realtà. Un gruppo di ricercatori dell’Università di Berkeley, infatti, ha pubblicato un interessante studio su Proceedings of the National Academy of Science nel quale spiega di aver scoperto una sostanza in grado di bloccare le nascite tramite l’utilizzo di due composti presenti in natura.

La ricerca ha preso le mosse dal meccanismo alla base della fecondazione, il cosiddetto power kick. In cosa consiste di preciso? Ve lo diciamo subito. Gli spermatozoi per arrivare all’ovulo nuotano agitando la coda da destra a sinistra ma nel momento in cui devono penetrare al suo interno cambiano movimento. Iniziano a girare la coda in una sola direzione spostando la testa in avanti, attraverso gli ambienti densi e viscosi dell’ovulo.

Una ragazza tiene in mano un preservativo e con una confezione di pillole anticoncezionaliHD

Il power kick è alimentato da una massiccia carica di ioni di calcio. Il modo in cui questa energia passa attraverso la membrana dello sperma e raggiunge la coda, ricalca lo stesso meccanismo che si verifica quando le cellule devono generare l’elettricità necessaria ad attivare i movimenti del corpo. Il canale ionico impiegato nel power kick per far entrare il calcio e incontrare il progesterone, è solo uno.

Ebbene i ricercatori di Berkeley hanno studiato oltre 50 composti chimici per trovare quelli più adatti ad intervenire nel processo, bloccare l’ingresso del calcio, evitare l’attivazione del power kick e di conseguenza la fecondazione dell’ovulo. I due che hanno offerto i risultati migliori sono il lupeolo e la pristimerina. Il primo è contenuto nel mango e nell’aloe vera e il secondo in un rampicante, il Tripterygium wilfordii.

Succo di aloe vera contenuto in un barattolo trasparenteHD

Secondo quanto dichiarato dagli scienziati, queste sostanze potrebbero rivelarsi molto efficaci anche nel caso della contraccezione di emergenza. A differenza delle pillole del giorno dopo, infatti, impediscono agli spermatozoi di concludere il processo di fecondazione e di non attaccarsi all’ovulo. Ciò risolverebbe anche una delle più accese controversie relative alla pillola del giorno dopo, dove i detrattori dell’aborto sostengono che la vita inizia nel momento del concepimento. Ma con questo innovativo metodo non si verifica la formazione di nessun embrione.

Inoltre, entrambe le sostanze sono impiegate, come detto in precedenza, per la creazione del contraccettivo universale. La sua somministrazione avverrebbe tramite cerotto nel caso degli uomini e tramite anello vaginale nel caso delle donne.

Provette delle ricerche scientificheHD

Attualmente, i risultati della ricerca derivano da analisi condotte in laboratorio ma da qualche tempo il team di studiosi ha iniziato le sperimentazioni sui primati allo scopo di capire le dosi corrette delle sostanze. Se i test effettuati saranno altrettanto promettenti saremo di fronte a una rivoluzione nel settore degli anticoncezionali non solo per una maggiore equità tra uomini e donne ma anche perché il nuovo composto non contiene ormoni.

L’unico ostacolo da affrontare sarà quello di carattere economico, in quanto lupeolo e pristimerina sono presenti in natura in quantità ridotte, di conseguenza occorre sintetizzarli tramite processi molto costosi. Non ci resta che attendere i futuri sviluppi della ricerca.

Commenta

Leggi anche

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.