Stai leggendo: Rose McGowan sul black carpet ai Golden Globes: 'Che falsità'

Prossimo articolo: Golden Globes 2018, le star in nero sul red carpet con l'hashtag #WhyWeWearBlack

Letto: {{progress}}

Rose McGowan sul black carpet ai Golden Globes: 'Che falsità'

Vedere colleghe e colleghi in nero sul tappeto rosso dei Golden Globes ha profondamente innervosito Rose McGowan. L'attrice di Streghe, tra le prime a denunciare le molestie subite, ha espresso il suo pensiero su Twitter.

Rose McGowan

1 condivisione 3 commenti

Si sono spenti ormai da diverse ore i riflettori sui Golden Globes 2018, ma la prestigiosa kermesse continua a far discutere. Sono stati tanti i momenti memorabili, dal discorso di Oprah Winfrey al red carpet in total black di attori e attrici che hanno deciso di supportare il progetto Time's Up e di vestirsi a lutto, schierandosi contro le molestie sessuali a Hollywod come in tutti gli ambienti di lavoro. C'è chi, però, non ha trovato convincente questa forma di protesta. Rose McGowan ha rivolto un tweet al vetriolo ai suoi colleghi vestiti di nero, ribadendo il proprio pensiero: a Hollywood regna l'ipocrisia.

Tutto è cominciato da un tweet di Asia Argento, come Rose McGowan vittima di violenza. "Nessuno dimentica che sei stata la prima a rompere il silenzio. Chiunque provi a sminuire ciò che hai fatto è un nemico di questo movimento. Tu mi hai dato il coraggio di parlare", ha scritto.

La McGowan ha risposto così: "E nessuna di quelle eleganti persone vestite di nero avrebbe alzato un dito per i nostri stupri se io non mi fossi fatta avanti. Non ho tempo per queste falsità di Hollywood".

Solo pochi giorni fa, l'attrice di Streghe aveva aspramente criticato Meryl Streep - tra le prime sostenitrici di Time's Up - accusandola di essere ipocrita, perché colpevole di aver taciuto sulle malefatte di Harvey Weinstein. L'attrice Premio Oscar ha smentito di essere a conoscenza della condotta immorale del produttore e si è presentata in nero ai Golden Globes, come tanti altri volti noti dello showbiz presi di mira da Rose McGowan.

Ci sarà una risposta a questa polemica da parte delle celebrity che hanno aderito a Time's Up? Di certo c'è che la protesta, in qualsiasi forma, è importante per continuare a dare luce e risonanza a una questione che non deve assolutamente essere dimenticata.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.