Stai leggendo: La nuova concezione della donna guerriera al cinema

Letto: {{progress}}

La nuova concezione della donna guerriera al cinema

Finalmente le donne guerriere del cinema hanno gli outfit che meritano: pratici, ricchi di dettagli ma anche belli. Ecco i migliori del 2017.

Gal gadot, daisy Ridley e Jodie Whittaker nei panni di Wonder Woman, Rey ed il 13mo Dottore

2 condivisioni 0 commenti

Tutti ricordano il bikini dorato della principessa Leia di Star Wars, tanto detestato dalla stessa Carrie Fisher in primis, per fortuna a Daisy Ridley è andata meglio, ed il suo costume di scena è pensato per essere pratico e capace di rivelare dettagli importanti della personalità del suo personaggio. Qualche settimana fa, Melissa Silverstein, fondatrice di Women and Hollywood (piattaforma di sensibilizzazione al tema della gender equality nel mondo dorato dello showbusiness americano) aveva comparato i costumi delle amazzoni nel Wonder Woman di Patty Jenkins con quelli delle stesse donne immaginati nel film di Zack Snyder: le prime hanno delle armature con inserti di pelle, le seconde mettono in mostra l’addome scolpito ed anche i seni sono più sottolineati che protetti.

Secondo alcuni la scelta dei fotogrammi presentati dalla Silverstein è stata fatta ad arte, ma è comunque innegabile notare una differenza, e quel piccolo collage ha subito scatenato un dibattito interessante, che ha riportato alla luce il curioso fenomeno per cui fino ad ora, con pochissime eccezioni, in TV ed al cinema la stragrande maggioranza delle donne guerriere si è trovata a fronteggiare nemici in abiti ben poco adatti alla lotta e più spesso pensati per sottolineare le doti fisiche dell’attrice che li indossava, cosa che con gli uomini non succede mai (a parte 300 di Zack Snyder). Cara Delevingne commentò, all’uscita di Suicide Squad: “In genere, però, i film sui supereroi sono totalmente sessisti. Le supereroine di solito sono nude o indossano bikini. Nessuno potrebbe combattere in quelle condizioni”.
Negli ultimi anni, finalmente, le cose sono cominciate a cambiare in meglio.

Wonder Woman e le Amazzoni

Una scena di Wonder WOmand con Gal GadotHDWarner Bros

Il costume designer Michael Wilkinson voleva che Wonder Woman indossasse qualcosa di pensato specificamente per la battaglia nel film che la introdusse nel DCU, Batman V Superman, e la regista Patty Jenkins, insieme alla costumista Lindy Hemming hanno fatto un ulteriore passo avanti, prendendo ispirazione dalle armature da allenamento, guardando a reperti e testimonianze delle culture antiche e soprattutto delle società guidate da regine e donne guerriere, così come ai trend di moda nello sport. Hemming voleva delle donne impressionanti e forti e le ha corazzate sul petto, con un cenno alla mitologia secondo la quale le Amazzoni si mutilavano una mammella per poter tenere ed usare meglio arco e frecce. Ecco dunque che, guardando con attenzione, vedremo che alcune delle Amazzoni del film hanno una corazza speciale sul seno sinistro, ed alcune indossano un’armatura che le protegge anche sulle ginocchia e sugli avambracci, oltre che in testa.

Le gonne sono corte per facilitare il movimento e ricordano quelle degli opliti: i pterigi, quelle frange che formano un gonnellino, indossate dai soldati greci e romani. Anche la stessa Gal Gadot non ha il costume a stelle e strisce di Lynda Carter, ma va in guerra con un’armatura, completa di stivali che ricordano le gambiere dei romani (un’evoluzione del design di Wilkinson),per permetterle di muoversi agevolmente nel fango ed in acqua, mentre i braccialetti e la tiara sono diventati parte dell’armatura. Ricordate lo sconforto di Diana quando si trova a dover indossare un corsetto per mimetizzarsi nel mondo degli umani’, chiedendosi stupita come potrebbe mai una donna combattere con indosso quell’affare?

Rey, Star Wars: Gli ultimi Jedi

Daisy Ridley è Rey in Star Wars: gli ultimi JediHDDisney

Abbiamo già detto della famosa mise di Carrie Fisher: almeno nell’universo di Star Wars, sembra finalmente essere un errore del passato. La Rey di Daisy Ridley, infatti indossa un insieme di capi molto efficienti, assolutamente privi di glamour e pensati per un look androgino dal costumista Michael Kaplan (che si occupò anche del primo Blade Runner).

Adatti sia alle grandi escursioni termiche ed insidie di un deserto così come all’allenamento su un’isola sperduta, i vestiti di Rey furono disegnati prima che si sapesse chi avrebbe interpretato il personaggio: la garza protegge dalla sabbia, il tessuto dalle linee fluide diventa una tunica per le notti fredde. Ed alcuni dettagli raccontano le capacità del personaggio, come gli occhiali ricavati da un vecchio casco di uno Stormtrooper.

Nell’episodio VIII ora in sala, il costume cresce con il personaggio: Rey si lascia alle spalle la vecchia vita e si allena per diventare una guerriera, dunque è cinta da vestiti che raccontano questo cambiamento ed indossa anche una armatura morbida. Anche Leia, ora Generale della Resistenza, ha avuto la sua rivincita, con un connubio di gioielli e mantello militare che esprime grande autorevolezza.

Il 13mo dottore, Doctor Who.

Jodie Whittaker è il 13mo Dottore di Doctor WhoBBC

Dopo generazioni di Dottori rigorosamente uomini che ci hanno guidato in indimenticabili avventure in ogni luogo e tempo, il 13mo ha le sembianza di Jodie Whittaker, la prima donna in oltre 50 anni di vita dello show britannico. I suoi predecessori sfoggiavano look pieni di dettagli importanti ma sempre pratici, perché il Dottore può trovarsi ovunque e spesso deve correre lontano da qualche alieno letale.
13 rende onore al passato, in un outfit che celebra le sue incarnazioni precedenti, completo di stivali adatti ad ogni terreno ed un elemento nuovo: orecchini. Un costume adatto ad un uomo o ad una donna, a sottolineare che il personaggio del Dottore non è definito dal sesso.

In arrivo: le donne di Black Panther e Lara Croft

Danai Gurira, Lupita Nyong'o e Florence Kasumb in Black pantherHDMarvel - Disney

Uno dei film Marvel in arrivo il prossimo anno è Black Panther, in cui vedremo un gruppo di guerrieri da Wakanda, fittizio stato africano da cui proviene il personaggio di T’Challa (Chadwick Boseman), che abbiamo conosciuto in Civil War. Tornato a casa dopo la morte del padre, T’Challa è il nuovo re di Wakanda, costretto a combattere come Pantera Nera insieme alla CIA e alle forze speciali del suo paese per sconfiggere dei nemici che vogliono detronizzarlo. La costumista Ruth E. Carter ha mischiato i look del fumetto originale con influenze tribali e alta moda: “Stiamo creando quel mondo, cercando di creare una cultura che sembri autentica per quel tipo di scenario”.Le forze speciali (che si chiamano Dora Milaje) indossano vestiti che sembrano armature con pantaloni resistenti e flessibili sotto a delle tuniche. Lo studio dei costumi ha incluso anche elementi della cultura Masai, per confezionare un insieme che sia atletico, funzionale, tecnologico ma anche visivamente impressionante, e che dia l’idea di “afrofuturismo”, perché Wakanda è una nazione tecnologicamente molto avanzata.

Le due incarnazioni di Lara Croft al cinema: Angelina Jolie e Alicia VikanderHDParamount - Warner

Quanto a Lara Croft, rispetto al passato, quando è arrivata al cinema con le fattezze di Angelina Jolie, che indossò un reggiseno imbottito per assomigliare di più all’eroina del videogioco, il look è cambiato. Nel videogame pubblicato più di recente (2015) Lara ha un fisico dalle proporzioni più realistiche, ed il seno è diminuito. Nel film, la protagonista sarà interpretata da Alicia Vikander che, come si è visto nelle prime immagini diffuse ufficialmente, indossa dei pratici pantaloni cargo e stivali, e vive a Londra con il magro stipendio di un corriere in bici, per cui una certa parte del film ce la mostrerà con pantaloni atletici, felpa e tutte le protezioni necessarie. Tutt’altro che glamour, ma certamente più umana: un personaggio con il quale sarà più facile identificarsi, assicura la Vikander.

Chissà quali sorprese ci riserverà il futuro, ora che è stata sdoganata l’idea per cui la funzionalità ed il realismo di un costume possono essere coniugati anche con l’appeal del personaggio senza sacrificare la bellezza delle donne che l’interpretano!

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.