Stai leggendo: Karen Gillan in Jumanji: 'Il mio costume? Ridicolo e sessista!'

Letto: {{progress}}

Karen Gillan in Jumanji: 'Il mio costume? Ridicolo e sessista!'

Lo striminzito costume indossato da Karen Gillan in Jumanji: Benvenuti nella Giungla è stato oggetto di numerose critiche. L'attrice è perfettamente d'accordo con chi lo reputa inappropriato, ma ha spiegato cosa c'è dietro a questa scelta.

Karen Gillan

2 condivisioni 0 commenti

Jumanji: Benvenuti nella Giungla è decisamente più dinamico e avventuroso dell'iconico film campione di incassi del 1995 con Robin Williams. Il sequel, infatti, racconta di un gruppo di ragazzi che si imbatte in un vecchio videogioco e finisce per viverlo sulla propria pelle vestendo i panni di avatar che rappresentano l'opposto di ognuno di loro nella realtà. Martha, per esempio, è una liceale molto goffa ed insicura, mentre il suo avatar Ruby Roundhouse è una sorta di Lara Croft: avventurosa, impavida e, proprio come la protagonista di Tomb Raider, strizzata in un costume che lascia ben poco all'immaginazione e che ha destato diverse polemiche.

Un paio di shorts cortissimi e un top aderente che lascia scoperto l'ombelico, del resto, non rappresentano di certo la tenuta ideale per affrontare una giungla densa di pericoli! In molti hanno trovato da ridire sull'abbigliamento scelto dalla produzione per l'unico avatar femminile del film, reputandolo inopportuno e a tratti sessista.

Karen Gillan in Jumanji: Benvenuti nella Giungla con il resto del castHD

Karen Gillan (30 anni), che interpreta l'avatar Ruby Rondhouse, ha voluto esprimere il proprio punto di vista in merito nel corso di un'intervista rilasciata a Vanity Fair. L'attrice - di recente impegnata anche con il ruolo di Nebula in Guardiani della Galassia Vol.2 - concorda con le critiche, ma ha spiegato che la scelta del suo costume non è stata assolutamente casuale.

"Non so dire se mi sarei mai aspettata una polemica del genere intorno a tutto questo. Comunque devo dire che penso abbiano ragione. Il costume è fuori dal contesto, è ridicolo e questo è esattamente il punto che volevamo centrare", ha raccontato la Gillan.

Nel film il personaggio di Martha è visibilmente contrariato all'idea di vestire dei panni così striminziti e il suo punto di vista è lo stesso di chi, dall'altra parte dello schermo, ha criticato questa scelta. "Il mio personaggio non è felice degli abiti che indossa ed è una ragazza molto introversa, ma nel corpo di una donna guerriera. Tutto sta nell'imparare come prendere il controllo della situazione e come gestire quel ridicolo costume. Tutto quello che hanno detto di negativo sul costume è esattamente ciò che dice Martha", ha continuato a spiegare l'attrice.

Karen Gillan sul red carpetHD

Volevamo deridere il sessismo che colpisce le eroine dei videogiochi, che devono sempre vestire in questo modo. Se così facendo si può scatenare un dibattito sull'uguaglianza di genere, penso che sia una buona cosa.

Come darle torto?

Commenta

Leggi anche

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.