Stai leggendo: Grey's Anatomy 6: la sparatoria in ospedale e l'operazione di Derek

Letto: {{progress}}

Grey's Anatomy 6: la sparatoria in ospedale e l'operazione di Derek

Shonda Rhimes chiude la sesta stagione con una tragica sparatoria in ospedale: nell'episodio finale Gary Clark spara a Derek, lasciando il pubblico con il fiato sospeso.

1 condivisione 7 commenti

Tra alti e bassi sentimentali, rimescolamenti di coppie e dichiarazioni d'amore inaspettate, la sesta stagione di Grey's Anatomy regala un finale ad alta tensione, che quasi stride con il romanticismo latente degli episodi che lo precedono. Sempre bilanciando alla perfezione gioia e dolore, bene e male, sorrisi e lacrime, Shonda Rhimes stravolge i telespettatori facendoli passare dalla gioia per una Meredith incinta alla disperazione per un Derek sdraiato su di una barella in sala operatoria.

Nelle ultime due puntate della stagione, non spetta infatti ai pazienti essere in pericolo, quanto piuttosto ai medici stessi del Seattle Grace Hospital, vittime dell'attacco violento di Gary Clark, un uomo ben deciso a vendicarsi della morte della moglie Alison, di cui incolpa il Dottor Webber ed il Dottor Shepherd. In un susseguirsi di morti, violenze, corse per i reparti e tentativi disperati di salvare vite, Grey's Anatomy si trasforma in una sorta di thriller che costringe i telespettatori col fiato sospeso.

La disperazione di un uomo che ha perso la donna che ha amato per oltre trent'anni e la preoccupazione della Dottoressa Grey per il rischio di perdere l'uomo che ama si mescolano alla perfezione nella scena in cui Derek viene ferito al petto, nel silenzio totale di un'ospedale stravolto dall'ira funesta di Gary Clark.

Gary Clark spara all'impazzata in ospedaleHD

06x24, la sparatoria in ospedale

Tensione, paura e stupore: sono queste le sensazioni che Shonda Rhimes è riuscita a suscitare nel pubblico con un finale di stagione al cardiopalma. L'entrata in scena di Gary Clark, uomo che non ha mai accettato la morte della moglie per via dell'interruzione dell'accanimento terapeutico, getta l'intero ospedale nel caos e nel terrore. Convinto di vendicarsi della decisione di staccare la spina, presa da Derek e Richard, il signor Clark comincia a sparare all'impazzata a medici, infermiere a chi chiunque lo ostacoli nella sua missione. L'episodio finale è allora tutto un accumularsi di morti e feriti: l'uomo armato uccide prima la Dottoressa Reed e poi ferisce gravemente Alex, per poi colpire a morte il Dottor Percy, che chiude gli occhi tra le braccia della Bailey e le lacrime del pubblico.

Il confronto tra Gary Clark e il Dottor Shepherd è uno dei momenti più emozionanti dell'intero episodio finale. Nel silenzio di un ospedale deserto, Derek cerca di convincere l'uomo ad abbandonare la sua vendetta, raccontandogli il vero motivo per cui ha scelto di diventare un medico e cercando di comprendere il più possibile la disperazione di chi ha perso una persona amata. L'uomo abbassa lentamente la pistola, ma in un secondo la Rhimes riesce a capovolgere la situazione e le emozioni del suo pubblico. Gary Clark spara e colpisce Derek in pieno petto, tra la disperazione di Meredith che cerca di raggiungere il corpo dell'amato e il terrore di una giovane infermiera presente sulla scena. I telespettatori mettono da parte il sospiro di sollievo e si abbandonano al pianto.

Sembra tutto incredibilmente silenzioso e tranquillo al Seattle Grace Hospital, in una scena in cui il corpo del Dottor Shepherd è immobile a terra, ripreso dall'alto. Un istante che fa riflettere sulla possibilità di perdere chi si ama, sul dolore che non riesce ad affievolirsi nel corso del tempo e sul senso della medicina che influisce sulle vite altrui. 

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.