Stai leggendo: Girl Power: le cattive ragazze dello spettacolo vanno dappertutto

Prossimo articolo: Girl Power: la top 10 delle principesse della musica pop anni '90

Letto: {{progress}}

Girl Power: le cattive ragazze dello spettacolo vanno dappertutto

Se le brave ragazze vanno in paradiso, le bad girls conquistano il mondo. Ribelli, anticonformiste e votate all'eccesso, come Kate Moss e le altre colleghe dello showbiz.

Kate Moss modella di successo

6 condivisioni 1 commento

Per fortuna ci sono le cattive ragazze, ribelli, anticonformiste e determinate: vanno dappertutto. Non si fermano alle prime difficoltà. Fanno parlare di sé, per i loro eccessi, ma sono anche apprezzate. Perché in fondo è meglio togliersi quella patina di perbenismo, lasciare i convenevoli ad altri ed essere sinceri.

E alla fine sono le stesse che raggiungono importanti traguardi. Non ci credete? Prendiamo il mondo dello showbiz: dalle cantanti alle attrici e modelle, sono tanti e diversi gli esempi di donne famose che hanno superato i limiti, ma proprio per questo sono le più stimate. Alcune sono diventate delle icone senza tempo, altre ancora delle influencer che hanno dettato la moda.

Come delle moderne eroine hanno sfidato l’opinione pubblica, incuranti del parere degli altri e interessate solo a esprimere sé stesse. Sono indifferenti alle critiche e vanno avanti anche in un mondo, come quello dei social, in cui è sempre più facile esprimere un giudizio negativo.

Prendiamo il caso di Madonna: la signora Ciccone è una delle prime ad aver spezzato gli equilibri e dell’esuberanza la sua carta vincente. Ma quali sono le altre donne dello spettacolo che hanno seguito il suo esempio? Noi ve ne proponiamo 10, fra passato e presente. Perché nella vita ci vuole carattere.

Madonna

Alzi la mano chi non ricorda l'album Erotica, pubblicato nel 1992. Bene, se lo avete presente, sicuramente ricorderete il singolo Bad Girl: il titolo dice già tutto e fa automaticamente entrare in questa lista la signora Ciccone. Non che il singolo Erotica fosse tanto diverso, per non parlare poi di Sex.

Dal 1984, ovvero dall'uscita di Like a Virgin, la cantante è stata una delle prime a superare i confini, con le sue esibizioni trasgressive per le quali ha ricevuto molte polemiche. Ma lei, senza indugi, è andata avanti e oggi è una delle artiste più amate di sempre. Madonna ha forgiato su di sé un personaggio evergreen, perché nonostante l'incedere del tempo è attuale. Memorabili i suoi spettacoli in stile bondage. D'altra parte lo ha dichiarato anche lei all'inizio della sua carriera: 

Le persone non sanno ancora quanto io sia brava, ma lo scopriranno presto. Nel giro di qualche anno tutti lo sapranno. Ho progettato di diventare una delle star più grandi di questo secolo.

Naomi Campbell

Da un'icona all'altra, da un eccesso all'altro, arriviamo a Naomi Campbell: la pantera nera di Versace. Passano gli anni ma lei resta sempre bellissima: è ancora una delle modelle più ambite e desiderate. L'abbiamo vista di recente alla sfilata di Donatella Versace, insieme alle sue colleghe che hanno fatto la storia della moda degli anni '90, ma è stata solo un'occasione per ritornare sulla scena.

Sì, perché è stata scelta fra i volti della nuova campagna Primavera 2018 della maison Versace. Su di lei, però, sono cadute pesanti accuse, per aver aggredito le sue cameriere. Famosa anche la sua lite con la collega più giovane, Cara Delevingne a un party parigino, come ha riportato anche il New York Post.

Cara Delevingne

La abbiamo già citata prima, ma la lite che ha avuto con Naomi è solo uno degli eccessi per questa modella che da poco ha deciso di immergersi nel mondo letterario. Il suo libro, Mirror Mirror (Mondadori) è diventato un caso. Cara Delevingne è la modella dei social, ma la sua vita non è sempre stata facile. Era una ragazza tormentata, autolesionista e dipendente dagli antidepressivi. Ha perso entrambi i genitori, a distanza di un anno dall'altro, a causa del cancro.

Eppure, nonostante i suoi continui declini, Cara ha raggiunto importanti traguardi, con due vittorie consecutive come Model of the Year ai British Fashion Awards e ora è una delle modelle più pagate e desiderate dalle case di moda, come Chanel. La modella è considerata come la vera erede di Kate Moss. Il suo libro Mirror Mirror è un omaggio ai giovani che ce la fanno:

Ho voluto che i protagonisti del libro trovassero la forza per superare gli ostacoli nel loro percorso verso la vita adulta. Quest'esistenza è un insieme di meravigliosi disastri, ma la cosa davvero importante è amare sé stessi.

La nuova Kate Moss, Cara DelevingneHDCara Delevingne

Kate Moss

Prima di Cara Delevingne a vincere il premio come Model of the Year ai British Fashion Awards è stata Kate Moss. Le due sembrano avere un percorso simile, fatto di eccessi e di droghe. Kate è l'anello di congiunzione fra gli anni '90 e il nuovo millennio. Volto di Alexander McQueen e Marc Jacobs, con loro ha segnato profondamente gli anni d'oro della moda newyorkese.

Nel suo privato, però, Kate ha incontrato persone con le quali ha sperimentato gli eccessi della vita. Un esempio? Pete Doherty, un cantante maledetto (anche se noi la preferiamo al fianco di Johnny Depp). Con Pete la modella è stata travolta dallo scandalo per l'uso di droghe nel 2005 e per questo è stata allontanata dalle passerelle, ma è ritornata l'anno dopo e ha vinto il prestigioso premio.

Kate Moss volto di Alexaner McqueenHDKate Moss

Winona Ryder

Con Kate Moss ha in comune uno degli uomini della loro vita: Johnny Depp. Icona degli anni '90, la ricordiamo con l'attore in uno dei film che ha fatto la storia del cinema, il capolavoro di Tim Burton Edward Mani di Forbice (un classico del Natale). Il vizio di questa attrice è la cleptomania: ha rubato vestiti e ha scontato 480 ore di servizio sociale.

Negli anni '90 Winona Ryder ha interpretato al meglio lo stile grunge. Adesso è impegnata sul set di Destination Wedding, una commedia romantica con Keanu Reeves.

Winona Ryder icona degli anni '90HDWinona Ryder

Angelina Jolie

Prima che Angelina Jolie diventasse inviata speciale per l'Onu e produttrice di film impegnati come Per primo hanno ucciso mio padre, era una delle donne più discusse di Hollywood. Aver scippato Brad Pitt all'ex moglie Jennifer Aniston non è nulla in confronto ai festini sadomaso, alla presunta bisessualità.

Il suo matrimonio dark con Bill Bob Thorton ha fatto discutere. Si dice, infatti, che portasse al collo un ciondolo con una fiala di sangue dell'ex marito. Perché Angelina non si è mai risparmiata e ha sempre fatto di testa sua, persino concedere a sua figlia Shiloh di vestirsi da maschio.

Dagli eccessi alla vita impegnata dell'attriceHD

Kristen Stwart

La ricordiamo per la sua parte di Bella in Twilight e per la sua relazione avuta con il collega Robert Pattinson. Kristen Stwart, però, a un certo punto della sua carriera ha cambiato totalmente copione: ha dichiarato apertamente la sua bisessualità (è infatti legata all'angelo di Victoria's Secret, Stella Maxwell). 

Ma è proprio per il suo coming out che noi l'abbiamo apprezzata, nonostante le polemiche ricevute da più parti. "Odiatemi pure, pazienza", sono parole che ha detto spesso nelle sue interviste. Perché a noi piace per la sua sincerità.

Nel 2012, prima ancora di diventare presidente, Doland Trump si era anche espresso a sfavore dell'attrice, per aver lasciato Robert Pattinson.

Ma l'attrice ha finalmente avuto la sua occasione per riscattarsi da quelle accuse e lo ha fatto davanti al pubblico di Saturday Night Live:

Il presidente non è un mio grande fan, ma va benissimo. E, Donald, se non ti piacevo allora probabilmente adesso ti piacerò ancora meno. Perché conduco Saturday Night e perché sono gay.

Amy Winehouse

Una splendida voce, ma un tragico destino per questa cantante che ha fatto la storia della musica. Amy Winehouse aveva un sogno sin da piccola: cantare. Ha avuto un percorso turbolento: fatto di conquiste, ma anche di difficoltà, come la relazione tormentata con Blake Fielder. Innamorata persa, Amy dipendeva letteralmente da lui.

I fan della cantante lo hanno considerato come la sua rovina, intanto lui ha in qualche modo chiesto scusa per non aver compreso la donna che lo amava. "Scusa, Amy", ha detto quando è uscito il documentario a lei dedicato. Ma non possono far ritornare indietro Amy: è stato lui a introdurre la cantante all'eroina e alle altre droghe. La cantante è scomparsa a soli 27 anni, lasciando dietro di sé la fama e i fan che ancora la rimpiangono.

Pink

Anche Pink ha un animo indomabile, da vera cantante punk. A segnarla profondamente è stato il divorzio dei suoi genitori: da quel momento conosce la droga. Tra festini e trasgressioni, la cantante di What About Us è maturata, dopo la nascita dei suoi figli Willow e Jameson. Ora è una mamma protettiva e ha deciso di educare i figli senza avere pregiudizi.

Al Sunday People ha dichiarato che per loro vuole un'educazione priva di etichette e con la possibilità di esprimersi in libertà. "La mia intenzione è di crescere mia figlia senza farla sentire maschio o femmina, lasciarla fare le sue libere scelte che non siano dettate dalla società", ha dichiarato alla rivista.

Lady Gaga

Chiudiamo il cerchio con l'erede di Madonna: ha provato più volte a rubare la scena alla sua collega, ma con risultati non proprio soddisfacenti. Insomma, è difficile spodestare la signora Ciccone dal suo trono. Eppure Lady Gaga è considerata una vera icona fetish. Ma il tempo passa anche per lei e ora, come Angelina Jolie e altre colleghe, è impegnata in cause umanitarie. La ricordiamo per i suoi look strani ed eccessivi, ma a 30 anni la cantante ha deciso di cambiare registro:

"Per alcuni il trucco è una maschera, per me era diventato il mio volto. Dover affrontare tutti i giorni le aspettative degli altri è stato duro. Oggi mi sento bene nella mia pelle, posso condividere me stessa con gli altri, senza nascondere chi sono".

E voi quale bad girl preferite?

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.