Stai leggendo: Facebook apre le porte ai più piccoli: in arrivo l’app Messenger Kids

Letto: {{progress}}

Facebook apre le porte ai più piccoli: in arrivo l’app Messenger Kids

Disponibile per ora solo negli USA, l’app Messenger Kids è stata sviluppata da Facebook per permettere ai più piccoli di chattare in sicurezza.

Messenger Kids

7 condivisioni 3 commenti

È in arrivo una rivoluzione nel mondo di Facebook: per la prima volta, infatti, il social network che ha rivoluzionato internet apre il suo mondo ai bambini.

È stata annunciata una nuova app, chiamata Messenger Kids, che consente ai più piccoli di utilizzare il software di messaggistica legato appunto a Facebook.

È la prima volta che il social network apre le porte a bambini di età inferiore ai 13 anni.

Messenger Kids: che cos’è

messenger kids

Tutti voi avrete di sicuro utilizzato Messenger per scambiarvi messaggi e chattare con i vostri contatti di Facebook.

La versione Kids ha una funzionalità ridotta rispetto all’originale, ma al contempo ha diversi filtri che permetto ai genitori di monitorare l’attività dei figli. I bambini possono chattare, scrivere messaggi, condividere video, immagini e GIF con una lista di contatti pre-approvata dai genitori.

Un ulteriore blocco rispetto alla versione che tutti noi già conosciamo, è il blocco delle pubblicità e la scelta di Facebook di non condividere i dati personali con gli inserzionisti.

messenger kids

Loren Cheng, il direttore della gestione prodotti di Facebook, ha sottolineato il ruolo centrale dei genitori nella gestione dell’App:

I genitori hanno il pieno controllo di ogni aspetto dell’app.

Sarà vero? Stando a quanto dichiarato dalla società, Facebook ha passato gli ultimi 18 mesi a studiare con i massimi esperti del settore tutte le più resistenti barriere informatiche per placare ogni possibile ansia dei genitori rispetto alla presenza e all’attività in rete dei propri figli. Ecco qualche esempio:

  • Ogni account Messenger Kids deve essere associato all’account Facebook di un genitore
  • Se un bambino vuole chattare con un altro bambino, i rispettivi genitori devono essere amici su Facebook
  • Sono i genitori che approvano, tramite il loro profilo, le richieste di amicizia e quindi la possibilità di chattare con l’account del figlio
  • Se il figlio blocca un account, i genitori sono informati
  • Vengono usati particolari software in grado di rilevare contenuti potenzialmente offensivi o pericolosi, come immagini di nudo.
messenger kids

A ribadire l’impegno di Facebook per la sicurezza, si è espresso anche il responsabile globale della sicurezza di Facebook Antigone Davis:

Riteniamo che sia possibile offrire ai bambini un'esperienza online divertente, che al contempo di maggiore tranquillità ai genitori.

Al momento l’app è disponibile per gli utenti americani ed è sviluppata solo per I-phone. Inutile dire che, nonostante tutte le precauzioni prese, saranno in molti a vivere con ansia l’avvento di questa app e di tutte le conseguenze che comporta. Questo primo passo dei giovanissimi nell’universo Facebook non farà che anticipare il loro desiderio di avere un proprio account personale, esponendo a tutti i rischi che ne conseguono generazioni sempre più giovani e quindi meno emotivamente pronte a gestire aspetti come il cyber-bullismo, per non citare altri, più spiacevoli e preoccupanti episodi.

E voi, che cosa ne pensate? Come gestite il rapporto dei vostri figli con Internet e i Social Media?

Commenta

Leggi anche

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.