Stai leggendo: Game of Thrones: in arrivo gli spin-off: tutto quello che sappiamo

Prossimo articolo: Kit Harington: 'Dopo Game of Thrones basta drammi in costume!'

Letto: {{progress}}

Game of Thrones: in arrivo gli spin-off: tutto quello che sappiamo

HBO sta già lavorando a un rimpiazzo per il dopo Game of Thrones: nel 2018 vedremo l'ultima stagione dello show dei record, ma l'anno successivo potrebbe già arrivare uno spin-off.

Cersei in Game of Thrones

1 condivisione 3 commenti

Game of Thrones è molto più della serie del momento da più di un quinquennio: è un fenomeno collettivo e di costume, consumato in contemporanea mondiale dai fan di tutto il mondo. Attacchi hacker, matrimoni degli attori, nudità, scandali, polemiche, draghi: non sembra proprio mancar nulla alla serie fantasy entrata nel mito televisivo. Nel 2018 però dovremo dire addio al Trono di Spade e prepararci al distacco. Con una manciata di episodi, l'ottava stagione chiuderà per sempre le avventure televisive degli abitanti di Westeros. 

Il cast di Game of Thrones agli EmmyHDGettyImages
Il cast di Game of Thrones alla 68esima edizione degli Emmy

O forse no. Anzi, probabilmente sarà solo questione di tempo prima di tornare nell'universo fantastico creato da George R. R. Martin. Mentre Netflix, Amazon e le emittenti via cavo sono alla disperata ricerca di un erede della fortunata serie, HBO ha deciso di battere il ferro finché è caldo. Da tempo ormai numerosi gli showrunner sono al lavoro su possibili spin-off di Game of Thrones. La notizia di queste ore è che potremmo vedere il primo già nel 2019

George R. R. Martin: la conferma

La notizia è stata data dal creatore della serie letteraria George R. R. Martin attraverso un post fiume indirizzato ai fan dal suo account Facebook. Oltre a confermare che ben 5 spin-off sono al momento in fase di scrittura e produzione, lo scrittore fantasy presenta al suo pubblico lo showrunner del nuovo progetto, a cui sta collaborando attivamente. A prendere le redini di questa serie sarà Bryan Cogman, definito dallo stesso Martin "la persona che conosce meglio il canone dei libri oltre a me".

Cogman non è un nome che abbia bisogno di presentazioni per i fan della serie TV. Coinvolto sin dalle fasi iniziali della produzione dai creatori e produttori David Benioff e D.B Weiss in qualità di assistente, ha scalato la gerarchia della serie fantasy fino a firmare molti episodi di Game of Thrones in qualità di sceneggiatore e produttore. 

Sul progetto George R.R. Martin chiarisce di non potersi ancora sbilanciare eccessivamente, ma dà qualche riferimento ai fan affamati di novità: 

Posso dirvi che, come gli altri episodi pilota in lavorazione, sarà più un prequel che un sequel, un successore più che uno spin-off vero e proprio.

E continua: "La serie di Bryan sarà un adattamento, quello che probabilmente ecciterà di più i fan della serie letteraria, dato che sarà ambientato in uno dei periodi più interessanti della storia di Westeros. Lavorerò insieme a lui per tutto il processo di realizzazione: sarò il co-creatore dello show."

Sarà davvero un periodo di super lavoro per lo scrittore e sceneggiatore George R.R. Martin, coinvolto più o meno direttamente in tutti gli adattamenti, prequel e spin-off in corso di lavorazione. Jane Goldman, Brian Helgeland, Max Borenstein e Carly Wray sono gli show runner di comprovata esperienza che stanno scrivendo quattro possibili spin-off della serie originale, ma lo stesso scrittore ha dichiarato di aver proposto a HBO almeno altre quattro idee per riportare gli spettatori a Westeros. 

Lo scrittore e sceneggiatore George R. R. MartinHDGettyImages
George R. R. Martin non è solo uno scrittore: ha vinto numerosi Emmy in qualità di sceneggiatore televisivo

Non tutti questi progetti però arriveranno in porto. Come precisato dallo stesso autore nel suo post su Facebook, dei cinque spin-off attualmente in fase di scrittore, solo due o tre arriveranno a diventare un episodio pilota da presentare all'emittente. L'intenzione di HBO è però quella di trovare un rimpiazzo per Game of Thrones già a partire dal 2019 ed eventualmente iniziare la messa di onda di una seconda costola dello show originale l'anno successivo. Tutto dipenderà dalla risposta del pubblica e dalla qualità dei materiali presentati. 

Quel che è certo è che i fan non rimarranno di certo senza nuovo materiale anche dopo la fine della serie TV!

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.