Stai leggendo: Le celebrity meglio e peggio vestite del 2017: Matt Smith e Kit Harington

Prossimo articolo: Calendario Pirelli 2018, un'Alice nel Paese delle Meraviglie all black

Letto: {{progress}}

Le celebrity meglio e peggio vestite del 2017: Matt Smith e Kit Harington

GQ ha pubblicato la lista delle celebrity maschili meglio e peggio vestite del 2017: in cima alle liste, i due attori britannici.

Kit Harington in primo piano

1 condivisione 1 commento

Un abbinamento sbagliato o un look esageratamente casual per le celebrity, sempre sotto l’occhio vigile dei follower o dei paparazzi, potrebbe costare caro. E per GQ, se nel 2017 c’è qualche rappresentante dello star system che merita il titolo di “esperto di tendenze”, qualcun altro invece avrebbe bisogno decisamente di un personal shopper.

La rivista ha steso le liste degli uomini famosi meglio e peggio vestiti del 2017 avvalendosi dell’aiuto di opinion leader illustri come Giorgio Armani o Sir Paul Smith. La classifica dei peggiori insegna qualcosa di molto importante: non occorre essere ricchi per saper vestirsi bene. Lo insegnava anche la fashion icon Kate Moss, che ha preferito inventare un proprio stile che adeguarsi ai canoni di moda, e adorava girare per i mercatini low-cost alla ricerca di qualche outfit che, regolarmente, avrebbe spopolato tra i suoi fan.

I peggio vestiti del 2017

Secondo GQ, la celebrity peggio vestita del 2017 è il povero Kit Harington, interprete di Jon Snow nella serie fantasy Game of Thrones. L’attore britannico è stato incoronato al top di una lista di ben 50 celebrity: i suoi look “messy” (disordinati) sono troppo casuali per apparire “volutamente messy” e quindi allusivi a un determinato stile finto-casual da dannato. Gli abbinamenti non hanno assolutamente convinto la giuria di GQ che ha deciso di mettere proprio lui in cima alla classifica dei peggiori. Harington può consolarsi: ha sempre i costumi di scena del suo personaggio in Game of Thrones che, al contrario, sono stati apprezzatissimi per il connubio tra originalità e simbologia.

Old is Gold 😂 #kitharington #jonsnow #old #gold #gameofthrones #winter

A post shared by Kit Harington (@kitharingtonn) on

Sul secondo gradino del podio c’è Paul Merton, scrittore e attore britannico, ed è facile capire perché. I suoi look rispondono al criterio "metto la prima cosa che trovo”: è una scelta essere anti-fashion, ma a GQ non è passata inosservata. Al terzo posto invece si è classificato Shmee 150 (all’anagrafe Tim Burton), youtuber che gira il mondo alla ricerca delle auto e dei pezzi d’auto più ricercati e particolari. I suoi maglioni abbinati ai pantaloni informi, vagamente anni ’90 ma “non abbastanza” anni ’90 per essere trendy, non sono piaciuti ai giurati di GQ.

Tra i primi 10 si sono classificati anche il cantante Morrissey, il regista di documentari Louis Theroux e anche Elon Musk, il visionario imprenditore e creatore delle auto Tesla. In altre parole – trattandosi di diverse personalità, tra cui alcune di spicco - il successo, i soldi, la fama e anche la fantasia e l’intelligenza non sono sufficienti a guadagnarsi il titolo di meglio vestito. Lo stile è davvero qualcosa di indipendente da tutto, o quasi.

I meglio vestiti del 2017

Forse è più facile scegliere i peggiori che i migliori: come stabilire chi ha uno stile che domina sugli altri, essendo spesso qualcosa di estremamente personale e soggettivo? Una parziale spiegazione è arrivata da GQ stesso tramite l’editor Dylan Jones.

Difficilmente incontrerai un vincitore dallo stile più originale.

Matt for @burberry ~ #mattsmith #eleven #11 #eleventh #eleventhdoctor #doctorwho #drwho #timelord #actor #raggedyman #drunkgiraffe #burberry

A post shared by Matt Smith Fan Page ✌🏻 (@northamptonboy) on

Per premiare i migliori, quindi, la giuria di GQ si è basata sul requisito dell’originalità, della ricerca di nuove vie espressive a patto che regalino un effetto di complessiva armonia. Il brainstorming dei redattori che hanno cercato di capire chi potesse essere il migliore si è basato su domande come “Chi spenderebbe 17,8 milioni solo per avere il Rolex Daytona di Paul Newman?” e cose di questo genere. Chi c’è in vetta a questa ambita classifica?

GQ ha incoronato come meglio vestito l’attore Matt Smith, noto per l’interpretazione nella serie Doctor Who e per la serie The Crown. Il bon-ton di questo ultimo titolo, evidentemente, è rimasto impresso nelle scelte stilistiche della star. Smith, che è stato testimonial di Burberry insieme a Cara Delevingne, ha il merito di abbinare classicità sartoriali a velleità più sporty ed estrose. I suoi cardigan pied-de-poule e le sue inseparabili giacche gli conferiscono un’allure particolare, vagamente retrò e rappresentativa di un’eleganza senza tempo.

Segue, al secondo posto, il rapper A$AP Rocky, di cui si può dire tutto tranne che non abbia uno stile estroso e creativo. Tra i primi in classifica c'è anche Harry Style, ex One Direction che negli ultimi tempi ha abbagliato la passerella di Victoria’s Secret con un completo verde bosco. Nei primi 10 posti della classifica (che comprende 50 vip) troviamo anche gli attori Andrew Garfield e Ryan Reynolds, marito della fashion icon Blake Lively, oltre a Baby Beckham (Brooklyn, figlio di Victoria e David Beckham) e Alessandro Michele, stilista romano di Gucci.

Siete d'accordo con questa classidica?

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.