Stai leggendo: Cappotto cammello: i modelli trendy del 2017

Prossimo articolo: I cappotti di Max Mara arrivano in Oriente per una mostra a Seul

Letto: {{progress}}

Cappotto cammello: i modelli trendy del 2017

Se c’è qualcosa di chic, è una donna con un cappotto cammello che cammina sotto una nevicata. Ecco i modelli da non perdere in questa fine 2017.

Un particolare di un cappotto cammello

2 condivisioni 0 commenti

Il color cammello (come il color caramello) non sarà mai il nuovo nero, ma perché non ha bisogno di esserlo e segue altre strade espressive. Il cappotto cammello non ha mai vissuto la propria storia fashion sugli alti e bassi relativi al susseguirsi delle epoche, dei trend e dei costumi ma ha sempre seguito la linea tranquilla e iconica tipica di un capo autosufficiente, importante grazie alle icone dell’immaginario quanto al paradosso del proprio fascino prorompente incanalato in tessuti e colori soft. Il taglio e il colore leggero fanno pensare a un filtro Instagram retrò come LoFi o Nashville. E il mood nostalgia funziona sempre.

Breve storia del cappotto cammello

Marilyn Monroe, Marlon Brando e Audrey Hepburn in cappotto cammelloHD20th Century Fox, United Artists, Universal Pictures
Icone e cappotti cammello

Sono stati gli anni ’50 a imprimere al camel coat un’allure eterna, un po’ come quella di Marilyn o di una borsa Chanel. Da sempre i trend influenzano l’epoca come l’epoca influenza i trend e il circuito ricco e creativo che si crea imbastisce nuovi simboli dai significati forti: il cappotto cammello esiste dai primi anni del ‘900 ma è negli anni ’50 che ha vissuto la sua porzione di vita più esaltante. La modernità incombeva, il boom stava per travolgere il dopoguerra con le lusinghe del superfluo, gli stilisti cercavano nuove vie espressive per adeguarsi a una contemporaneità che chiedeva più di prima, che infarciva la bellezza, la corsa e la novità con una patina di malinconia. E il cappotto cammello rappresenta proprio questo: sobrietà, idealità vintage, film francesi a colori sbiaditi, serate romantiche sotto la pioggia ma anche nuove ricerche stilistiche ed espressive.

Due furono i tagli culturali che il camel coat acquistò nei ’50, grazie ovviamente all’industria culturale, al cinema, ai fotoromanzi: il primo, maschile, era lo “stile maledetto” alla Marlon Brando, alla Humphrey Bogart o all’Alain Delon, che affidavano al loro cappotto cammello l’inquietudine febbrile dell’uomo alla ricerca della propria identità e, allo stesso tempo, impegnato a distruggere sé stesso e l’altro. Per molto tempo il cappotto è stato identificato nella figura affascinante, erotica e morbosa di Brando in Ultimo Tango a Parigi, frantumato dentro quanto sbiadito nei suoi colori pastello. Il secondo, femminile, era una nuova svolta fashion che cominciava ad abbattere le barriere di gender nel vestiario e che (ri)scopriva nuovi percorsi chic: qualche esempio? Audrey Hepburn in Cenerentola a Parigi, sfavillante, newyorchese e “camelcoat-munita”. O Marilyn Monroe in Facciamo l'amore di Cukor o Jackie Kennedy. Successivamente fu lanciato e rilanciato dagli stilisti che lo adattavano alle punte di diamante del momento: il doppiopetto, il bavero più o meno pronunciato, il collo e i polsini di pelo (ma senza mai snaturarlo troppo, non ce n’era bisogno).

In termini filosofici si potrebbe dire che il cappotto cammello non è mai stato apollineo, ma dionisiaco: in altre parole, non è mai stato lineare, iconico e manifesto ma ha sempre raccolto la propria potenza nel recondito, nei sottotesti che evocano quell’epoca d’oro degli uomini e delle donne in crisi esistenziale avvolti in nuvole di fumo.

Vari tipi di cappotto cammelloElle UK
Cappotti cammello

I modelli trendy del 2017

Intramontabile, il cappotto cammello vive di splendori anche nell’inverno 2017. Ecco qualche modello interessante.

Il cappotto slacciato

Il cappotto slacciato è molto trendy (se la temperatura non scende sotto lo zero) e richiede una particolare cura sul resto dell’outfit: si può scegliere l’idea del contrasto, abbinando cardigan, gonne o pantaloni neri, oppure rimanere sui toni soft dell’albicocca, del crema, del panna che sono molto in linea con l’atmosfera innevata dei mesi freddi.

Modelli di cappotto cammello slacciatoAsos, Zara, Zalando, H&M
Il cappotto cammello da portare slacciato

Il cappotto con la cintura

La cintura è un elemento fashion (quasi) imprescindibile quando si tratta di cappotti cammello classici: l'allacciatura segue la vita e può essere fatta con un fiocco o con un semplice incrocio tra i lembi della cintura. Il risultato è retrò, molto sofisticato e soprattutto ripara dal freddo permettendo una chiusura sigillante non come quella di una zip ma comunque confortevole. Essendo il cappotto totalmente chiuso, al punto da non svelare l'outfit sottostante, è importante abbinare le scarpe giuste: le décolleté sono la scelta più chic ma, nei mesi più gelidi, si può optare anche per un paio di tronchetti o stivali di pelle.

Modelli di Cappotto cammello con cinturaLoro Piana, Yoox
Indossare il camel coat con la cintura

Il cappotto con inserti di (eco)pelliccia

L'inserto di ecopelliccia è un plus che non snatura il cappotto cammello e può consistere in diverse parti del capospalla: il collo, i polsini, le tasche. Il colore potrebbe essere il medesimo del soprabito oppure anche un colore a contrasto, come un noce o un castagno.

Cappotto cammello e inserti di peloZara, ASOS
Cappotto con ecopelliccia

Come abbinare il cappotto cammello

Perfetto per le foto su Instagram dal sapore vintage, trova nuove strade espressive (sempre chic) con abbinamenti particolari, come un paio di décolleté nude, una borsa marrone chiaro, un paio di orecchini di perle, un rossetto acceso che evidenzia il contrasto con il beige sfumato del capospalla. Può essere strutturato in diversi modi: con bottoni, cintura, asimmetrico, con una ruche sul retro o semplicemente da lasciare slacciato per incorniciare l’outfit sottostante. Il colore del cappotto stesso non deve essere rigido e preciso: può spaziare dai toni del beige più chiaro fino al marroncino (il cammello non ha 50 sfumature, ma quasi). Ecco qualche ispirazione direttamente da Instagram, la piattaforma sicuramente più potente per cercare nuove idee di scelta e abbinamento del mitico camel coat.

Abbinamenti cappotto cammelloHDInstagram @gomadaleone @uptownclassyfashion @martamorton @devotedtopink @wornwatchedwanted
Vari look con il camel coat

Il cappotto cammello si abbina a quasi tutti i colori di capelli, ma in particolare ai biondi freddi o caldi, ai castani cioccolato o caffè, agli effetti balayage e a tutte le sfumature, dal Cream Soda ai colori del foliage fino a quelli più sul caramello.

Che ne pensate? Quale tra questi modelli e abbinamenti vi piace di più?

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.