Stai leggendo: Pink Different: Lucia Del Pasqua a scuola di difesa personale

Prossimo articolo: Pink Different: il galateo in stazione di Martina Dell'Ombra

Letto: {{progress}}

Pink Different: Lucia Del Pasqua a scuola di difesa personale

Nel nono episodio di Pink Different la blogger Lucia Del Pasqua ci porta in una scuola in cui si insegna autodifesa.

0 condivisioni 0 commenti

Pink Different non rimane indifferente all'attualità, che vede le donne troppo spesso indifese. È per questo che ha deciso di parlare anche di corsi di autodifesa.

A curare il servizio sull'argomento è Lucia Del Pasqua, blogger che ha aperto con successo il sito The Fashionpolitan e molto seguita sui social.

Con un look che secondo me Courrèges m’avrebbe approvato, ma anche il signor Domopak (outfit tattico, dato che a fine serata sarei potuta andare via con gli avanzi ben conservati dentro maniche e tasche), ieri ero a bere Grand Marnier, marchio che m’interessa per due motivi. Il primo è che ha una storia di oltre duecento anni: nacque vicino a Versailles, con Jean‑Baptiste Lapostolle, distillatore di frutti. Cinquant’anni dopo la nipote del fondatore sposò Louis-Alexandre Marnier, commerciante di liquori e la ditta prese così il nome di Marnier‑Lapostolle. Avete presente poi Cèsar Ritz? (quello degli hotel). Negli ultimi anni dell’Ottocento lo “cazziò”, e pare che disse a Louis-Alexandre di cambiare nome: “Un grande liquore per un grande nome”. Grand Marnier. Da allora alla fine di ogni pasto al Ritz Hotel codesto liquore era servito come “chiusura in bellezza e nel lusso”. Tra parentesi, c’era anche dentro il Titanic. E sapete come è fatto? Cognac ed essenza di arance amare tropicali. Qui bevevo un sidecar: Grand Marnier Cordon Rouge, sciroppo di limone e zucchero, che assieme alla convivialità che sta dietro a certi liquori, è il secondo motivo per cui m’interessa il marchio #GrandMarnier #MaisonGrandMarnier 📷 @mauroserra_portraits #drink #ootd #lookoftheday #60s

A post shared by LUCIA DEL PASQUA (@luciadelpasqua) on

A lezione di Krava Maga

A Milano Lucia incontra Gabrielle Fellus, che da oltre dieci anni insegna Krava Maga, disciplina che si traduce in difesa a contatto.

In sostanza ti permette di agire non appena una persona non gradita entra all'improvviso in contatto con te.

Prima di tutto bisogna individuare il soggetto sulla propria traiettoria ed evitarlo, ma se è troppo tardi è necessario farsi trovare pronte.

La mossa base è quella di alzare le braccia e tenerle il più possibile a sé, per poi colpire se l'altro aggredisce.

Gabrielle sottolinea che il Krava Maga fa cambiare la testa e aumentare anche l'autostima, perché si impara qualcosa di reale, che poi porta a dei risultati e finalmente ci si sente meno impotenti. Provare per credere.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.