Stai leggendo: Lo yoga in Italia: la top 10 delle discipline più praticate

Prossimo articolo: Dimagrire con lo yoga è possibile

Letto: {{progress}}

Lo yoga in Italia: la top 10 delle discipline più praticate

Hatha, Kundalini, Bikram e Vinyasa sono solo alcune delle discipline dello yoga più diffuse in Italia negli ultimi anni. Tante pratiche diverse per prendersi cura del proprio corpo e della propria mente.

Donne impegnata in un asana della disciplina dello yoga

7 condivisioni 0 commenti

Data la frenesia della nostra vita quotidiana, non stupisce affatto che lo yoga sia diventata una delle discipline psicofisiche più diffuse in Italia, utile ad alleviare lo stress e a riconquistare l'energia necessaria per affrontare lavoro, famiglia e molto altro ancora. 

Spesso confusa con una qualunque pratica sportiva, lo yoga è in realtà una filosofia vera e propria che, attraverso un'alternanza equilibrata di movimento e respirazione, permette di raggiungere la piena coscienza di sé, oltre a migliorare la resistenza fisica, la flessibilità e l'equilibrio del corpo.

Nata nella Valle dell'Indo millenni fa, nel corso degli anni lo yoga ha sviluppato una serie di discipline tutte differenti tra loro, ognuna adatta alle diverse esigenze di spirito e corpo. Queste si distinguono per pratica ed intensità delle posizioni, allineamento del corpo, uso consapevole della respirazione, utilizzo di attrezzi, durata delle pause ed obiettivi fisici o psichici da raggiungere. Una volta identificati i propri bisogni e le proprie capacità, non sarà affatto difficile trovare la tipologia di yoga più adatta a sé. Ma quali sono effettivamente le discipline più diffuse in Italia?

Hatha Yoga

L'Hatha Yoga è forse la corrente più conosciuta in Occidente, essendo quella che meglio si adatta alla nostra struttura fisica e alle nostre necessità psichiche.

Si tratta della disciplina di base dello yoga, che mette insieme esercizi fisici (Asana) respiratori (Pranayama) e tecniche di meditazione. Generalmente, gli asana richiedono uno sforzo fisico piuttosto notevole, dato che l'obiettivo della disciplina è quello di permettere all'uomo di oltrepassare i propri limiti e raggiungere una fusione totale con l'assoluto, proprio attraverso lo sforzo richiesto al proprio corpo.

Lo yoga di base è Hatha YogaHD

Di recente, le scuole italiane hanno eliminato le posizioni più faticose per rendere l'Hatha Yoga il più simile possibile ad una "ginnastica dolce", sempre mantenendo fisso il sostegno della respirazione durante il movimento, fondamentale per raggiungere il giusto grado di consapevolezza e controllo del proprio corpo.

Ashtanga Yoga

Questa è una delle più antiche discipline dello yoga, caratterizzata da un forte legame tra respirazione controllata ed esecuzione di posizioni in serie.

L'Ashtanga Yoga si basa infatti su sei serie di posizioni, ognuna composta da asana da eseguire con un ordine ben preciso, di volta in volta più complesse e faticose: Prima Serie, Seconda Serie, Serie Avanzata A, Serie Avanzata B, Serie Avanzata C, Serie Avanzata D. Come qualunque altra disciplina dello yoga, anche questa richiede una perfetta sincronizzazione tra respirazione e movimento.

Ashtanga Yoga HD

In particolare, l'Ashtanga risulta molto utile per per perdere peso ed eliminare lo stress, dati gli alti ritmi cardiaci che si raggiungono, non essendovi riposo tra l'esecuzione degli asana. 

Kundalini Yoga

Conosciuta anche come "yoga della consapevolezza", questa disciplina è caratterizzata da un perfetto mix di posizioni statiche, movimenti, esercizi di respirazione e canto di mantra.

Meditazione e respirazione nel KundaliniHD

L'obiettivo della pratica è quello di risvegliare l'energia accumulata alla base della colonna vertebrale, conosciuta appunto con il nome di "Kundalini", e di prendere coscienza del proprio corpo e della propria mente attraverso una serie di azioni che stimolano il sistema nervoso, quello ghiandolare ed i chakra. 

Anusara Yoga

Il termine Anusara, in sanscrito, significa "fluire con grazia", il che racchiude perfettamente l'emblema di una disciplina focalizzata soprattutto sull'equilibrio spirituale, sull'enfasi per gli allineamenti, sulle posizioni per l'apertura del cuore e sull'aspetto meditativo dello yoga.

L'intera pratica è basata su un perfetto allineamento tra mente e corpo, per cui ogni asana viene eseguito sempre tenendo in considerazione i tre principi fondanti della disciplina, altrimenti conosciuti come le "tre A dell'Anusara": attitudine nei confronti della vita, allineamenti del corpo assunti durante le posizioni dello yoga, azione intesa come pratica di portare la disciplina nella vita quotidiana.

L'allineamento del corpo nello yogaHD

Iyengar Yoga

Conosciuta più semplicemente come "yoga dell'allineamento", questa disciplina è una versione più intensa dello yoga tradizionale, finalizzata soprattutto al miglioramento della postura. L'Iyengar è caratterizzata infatti da un'attenzione maniacale per l'allineamento delle diverse parti del corpo in tutto il susseguirsi delle posizioni e dall'utilizzo di sostegni esterni, quali step o elastici. Generalmente, in una sessione di questa disciplina si eseguono pochi asana, ma con l'obiettivo di mantenerli a lungo per riuscire a coglierne il massimo beneficio. Si tratta di una pratica piuttosto diffusa in Italia, soprattutto per via dei suoi benefici, dato che oltre a risolvere problemi alla schiena, aiuta la circolazione sanguigna e allevia dallo stress quotidiano. 

Power Yoga

Probabilmente la versione più moderna (1995) e divertente dello yoga. Derivata direttamente dall'Ashtanga, la Power è infatti una disciplina veloce ed aerobica, focalizzata soprattutto sulla forza e sull'energia.

In questa versione, la pratica dello yoga si avvicina molto a quella della danza, dato che viene richiesta l'esecuzione veloce di posizioni concatenate tra loro, seguendo quelle che assomigliano a vere e proprie coreografie.

I movimenti sincronizzati della Power YogaHD

Nonostante questo, la Power Yoga non dimentica l'elemento fondamentale dell'intera disciplina tradizionale, ossia la sincronizzazione controllata tra respirazione e movimento. 

Bikram Yoga

Da qualche anno ha riscosso successo in Italia anche il "Bikram Yoga", la versione più hot della disciplina orientale. Questa pratica prevede infatti l'esecuzione di 26 diverse posizioni e di due esercizi di respirazione, da eseguire in 90 minuti all'interno di un ambiente riscaldato, con una temperatura che sfiora i 40° ed il 40% di umidità.

Se il calore fa la sua parte quanto al riscaldamento di muscoli e tendini, l'esecuzione di una successione di esercizi incentiva la sudorazione, portando così all'eliminazione delle tossine ed alla purificazione completa del corpo (e non solo).

Vinyasa Yoga

Questa è senza dubbio la disciplina che più a mette a frutto il principio dello yoga tradizionale, ossia lo stretto rapporto sotteso tra respiro e movimento.

Nel Vinyasa Yoga, ogni singola posizione è infatti sincronizzata alla perfezione con la respirazione, in modo tale da rimanere concentrati del tutto sugli asana. Vi sarà richiesto di passare da una posizione all'altra in maniera fluida e leggera, seguendo soltanto il movimento del respiro e null'altro.

Respirazione e movimento nello yogaHD

Questo è forse l'aspetto più vero della disciplina, ossia l'abilità di concentrarsi sul "qui ed ora", momento in cui si entra davvero in relazione con se stessi.

Yin Yoga

Ideale per rilassarsi ed alleviare lo stress della vita di tutti i giorni, lo Yin Yoga è una pratica lenta, tutta basata su piccoli movimenti e respiri profondi. Ispirata al concetto taoista di Yin e Yang, questa disciplina ha l'obiettivo di rilassare i muscoli e stimolare il tessuto connettivo, applicandovi una tensione per una determinata durata di tempo e mantenendo una respirazione profonda.

Va da sé che è una tipologia di yoga adatta soprattutto a chi ha problemi di postura, a chi è sopraffatto dallo stress o a quei soggetti che hanno difficoltà di concentrazione. 

Yoga della risata

Unico nel suo genere e di recente, lo yoga della risata è una delle discipline più particolari ed innovative, essendo stata introdotta da un medico indiano nel 1995.

Pur non derivando in forma diretta dalla tradizione orientale, questa pratica utilizza alcuni degli esercizi respiratori tipici dello yoga per indurre una risata, che non ha nulla di diverso da quella prodotta naturalmente.

Ridere con lo yoga

In questo modo, aumentano le riserve di ossigeno sia nel corpo sia nel cervello, donandovi quella caratteristica sensazione di benessere ed energia che in genere si scatena con il ridere ed il buon umore. 

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.