Stai leggendo: La top 10 delle donne nella musica rock

Prossimo articolo: La top 10 delle donne nella musica italiana

Letto: {{progress}}

La top 10 delle donne nella musica rock

Ribelli, rivoluzionarie e 'toste'. Sono le cantanti che hanno fatto la storia del rock. Queste 10 icone musicali hanno regalato al mondo brani immortali, raccontando l'universo femminile in tutte le sue sfumature.

Skin mentre si esibisce sul palco durante un concerto degli Skunk Anansie

3 condivisioni 0 commenti

Grintose, carismatiche e regine del palco: sono le soliste e le frontwomen che hanno dato al rock un’impronta al femminile, rivoluzionando il mondo della musica.

Alcune sono state delle vere pioniere, sradicando stereotipi con le loro esibizioni provocatorie e testi femministi. Altre hanno raccolto questa importante eredità, adattandola ai tempi e al cambiamento, portando sempre avanti il woman power

Questa non è una classifica, ma solo una lista per celebrare le 10 donne di tutti i tempi che hanno reso grande questo genere musicale, in Italia e nel mondo.

Skin

Skin Skunk AnansieHD

Ha appena spento 50 candeline, ma a guardarla sembra sempre un’eterna ragazzina.

Il suo vero nome è Deborah Anne Dyer ed è nata e cresciuta a Brixton, alle porte di Londra. Dopo essersi laureata in Design d’Interni, scopre che la sua strada è la musica e nel 1994 fonda la band Skunk Anansie, diventando per tutti Skin.

Ha scelto questo nome perché da piccola era tutta "pelle e ossa". La sua voce graffiante e versatile le ha permesso di interpretare hit di successo, che spaziano dalle sonorità più aggressive a melodie romantiche.

Bisex e femminista, crede nel potere delle donne e si batte per eliminare i soliti stereotipi femminili nel mondo della discografia.

Janis Joplin

Janis JoplinHD

È lei la regina indiscussa del rock, la prima che ha rotto gli schemi e le convenzioni sulle cantanti donne.

Nata nel ’43 in Texas, a metà degli anni ’60, si trasferisce in California e si immerge nella cultura psichedelica e nel movimento hippy. Inizia a esibirsi con i Big Brother and the Holding Company e la loro partecipazione al Festival di Monterey regala loro un clamoroso successo.

Janis con la sua voce blues diventa una star e, qualche anno dopo, è sul palco del leggendario Festival di Woodstock e al concerto in memoria di Martin Luther King, incantando tutti con la sua intensità e la sua disperazione.

Ribelle e irriverente, sempre in bilico tra il suo personaggio istrionico e la sua anima fragile e insicura, affamata di sesso, alcool e droga, ma perennemente in cerca d’amore, si spegne per un’overdose di eroina, nel pieno del suo successo, a soli 27 anni.

Gianna Nannini

Gianna Nannini HD

Spirito libertario e ribelle, è la più grande rocker femminile italiana.

Gianna ha debuttato negli anni Settanta, cantando brani legati a tematiche femministe. Nata a Siena nel 1954, è stata scoperta da Mara Maionchi. Il successo arriva con il singolo “America”, ma solo negli anni Ottanta diventa una star internazionale, sfornando una hit dietro l’altra.

Ha duettato con tanti big della musica Italiana, come Jovanotti ed Edoardo Bennato. Eclettica e curiosa e impegnata nel sociale, nel 1995, con Greenpeace, si arrampica su un balcone dell’ambasciata francese a Roma, per protestare contro la ripresa degli esperimenti nucleari a Mururoa.

A 54 anni diventa mamma di Penelope e si trasferisce a Londra, assieme alla sua compagna Carla. È uscito da poco il suo ultimo album “Un amore gigante” e marzo 2018 partirà una tournée internazionale.

Patti Smith

Patti SmithHD

Classe ’46, all’anagrafe Patricia Lee Smith è per tutti la sacerdotessa del rock, che con le sue poesie in musica ha fatto epoca.

A metà degli anni ’60, abbandona la scuola e la sua Chicago, per andare a New York. Durante uno dei suoi readings conosce il chitarrista Lenny Kaye, con cui realizzerà i suoi primi singoli e i futuri LP. Alla fine degli anni ’70, all’apice della fama decide di sposarsi con il chitarrista degli MC5 Fred “Sonic” Smith e a sorpresa si ritira dalle scene.

Per un decennio si dedica alla famiglia e ai due figli. Il suo ritorno avviene negli anni ’90, dopo la scomparsa del marito e del fratello.

L’Italia è sempre stata nel suo cuore e a maggio di quest’anno, l’Università di Parma l’ha celebrata conferendole la laurea magistrale ad honorem in “Lettere classiche e moderne”.

Tina Turner

Tina TurnerHD

È lei la leonessa del rock, che quest’anno festeggia 77 anni. Miglior appellativo non ci poteva essere per questa rockstar grintosa sul palco e nella vita.

Tina per anni è stata vittima di abusi e violenze da parte del suo primo marito, Ike Turner, che la scopre e la fa diventate la frontwoman della sua band i Kings of Rhythm. Riesce a lasciarlo e scappa, grazie all’aiuto di una coppia di amici, a Los Angeles. A 45 anni inizia la sua seconda vita e la sua rinascita come solista.

Negli anni ’80 torna ai vertici delle classifiche con dei pezzi che hanno fatto storia, come “Private Dancer “, “What’s Love Got To Do With I” e “The Best”.

Incontra il buddismo di Nichiren Daishonin che le cambia la vita e poco dopo il tour celebrativo per i suoi 50 anni di carriera, nel 2013 si sposa con il suo storico fidanzato, Erwin Bach, di quasi 30 anni più giovane di lei, con cui attualmente vive felice in Svizzera.

Courtney Love

Courtney LoveHD

Tutti la ricordano come la vedova di Kurt Cobain, che sposò nel 1992 e da cui ha avuto una figlia, Frances Bean.

Nata 53 anni fa a San Francisco con il nome di Courtney Michelle Harrison, ha avuto un’infanzia turbolenta e un’adolescenza trascorsa tra riformatori e correzionali. Anche la sua carriera ha vissuto alti e bassi, prima dando vita alla band delle Hole e poi continuando come solista.

È una riot girl, dai comportamenti sregolati che l’hanno portata più di una volta a infrangere la legge per l’uso e detenzione di stupefacenti. Nel 2005 è stata condanna a trascorrere sei mesi in un centro di riabilitazione.

Davanti alle difficoltà, non hai mai smesso di combattere i suoi demoni, anzi si è sempre rialzata rilanciando non solo nella musica, ma anche come attrice al cinema.

Carmen Consoli

Carmen ConsoliHD

Nata a Catania nel 1974, impara a suonare la chitarra elettrica a 9 anni e 14 è già sul palco.

Approda a Sanremo nel ’96 con “Amore di Plastica”, ma la sua consacrazione arriva l’anno successivo, con il singolo “Confusa e felice”. Nel 2013 Carmen diventa mamma di Carlo Giuseppe, che mette al mondo con la fecondazione assistita.

Grazie alla sua voce “fumosa e bassa, decisamente divertita o graffiante di rabbia” come ha scritto il “New York Times”, la cantantessa è diventata una vera icona del nuovo rock italiano, inanellando non solo successi ma anche primati.

È stata la prima donna a vincere la Targa Tenco e nel 2016 è stata la prima artista femminile a essere scelta come maestro concertatore per la “Notte della Taranta”.

Alanis Morissette

Alanis MorissetteHD

Canadese, classe 1974, a 10 anni partecipa a uno spettacolo televisivo per bambini e con il compenso guadagnato, realizza il suo sogno di incidere il suo primo 45 giri.

Alanis a 14 anni ha già un contratto discografico, ma la notorietà arriva solo nel 1995, quando Madonna la produce con la sua etichetta, la Maverick, e le fa realizzare il suo primo album internazionale “Jagged Little Pill”. I testi intensi e taglienti raccontano dell’amore per la vita e delle relazioni difficili con gli uomini.

La femminista del rock alternativo incanta con la sua energia e la sua emotività, conquistando le classifiche di tutto il mondo. Dopo un periodo di silenzio e un viaggio in India, torna a lavorare ad altri album, spaziando e curiosando anche nelle sonorità elettroniche.

Quest’anno ha debuttato il suo musical ispirato a “Jagged Little Pill”.

Dolores O'Riordan

Dolores O'Riordan HD

Piccola come un folletto, ma dotata di grande carisma, la bandiera del rock alternativo, nasce nel 1971 in Irlanda in una famiglia cattolica, la settima di sette figli.

A 19 anni entra nel gruppo dei Cramberries come cantante, con cui vivrà una lunga carriera costellata di successi fino al 2003. Il singolo “Zombie” li fa volare alti nelle classifiche, diventando la seconda band irlandese più nota, dopo gli U2.

Prova con la carriera solista, ma non ha fretta e preferisce dedicarsi a suo marito Don Burton, tour manager dei Duran Duran, e ai suoi quattro figli. Nel 2009 viene annunciata la reunion del gruppo, che tornano a realizzare album e a fare tour.

Sempre sopra le righe e con un bel caratterino, nel 2014 è stata arrestata per aver aggredito una hostess durante un volo.

PJ Harvey

È la femme fatale dell’alternative rock, che ha dato scandalo con i suoi atteggiamenti provocatori, i suoi look super sexy e i suoi testi hot.

Il suo malessere lo ha trasformato in sublimi poesie in musica, costellate di slogan femministi e ambiguità, spaziando dal sesso all’amore fino alla religione. Nasce in Inghilterra nel 1969, con il nome di Polly Jean Harvey, e vive in una piccola fattoria, dove viene cresciuta a suon di blues e jazz.

Negli anni ’90 c’è il suo debutto e con il disco “Dry” viene incoronata dal "Rolling Stone", dal "New York Times" e dal "The Village Voice" come miglior cantautrice dell'anno.

La sua consacrazione avviene nel 1995 con “To Bring You My Love”, che contiene "Down By The Water", la sua canzone più famosa. Negli anni ha collaborato con tanti artisti come Björk, Thom Yorke dei Radiohead, ma soprattutto con Nick Cave, con cui ha avuto anche una storia d’amore.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.