Stai leggendo: Pink Different: l'intervista a Roberto Saviano

Prossimo articolo: Pink Different: il quarto episodio completo!

Letto: {{progress}}

Pink Different: l'intervista a Roberto Saviano

Roberto Saviano è l'importante ospite della sesta puntata di Pink Different. A intervistarlo la YouTuber Ehi Laus.

0 condivisioni 0 commenti

Roberto Saviano è uno degli scrittori più amati, anche dalle donne. E non a caso Pink Different ha voluto parlare del suo ultimo libro, Bacio Feroce (edito da Feltrinelli), nel corso della sesta puntata.

L'intervista è realizzata da Ehi Leus (al secolo Lea Cuccaroni), YouTuber da oltre 270mila follower, che nonostante abbia solo diciassette anni, sa decisamente il fatto suo.

A tu per tu con Roberto Saviano

Bacio Feroce è un libro che parla del microcosmo femminile che gravita intorno ai paranzini. Chi sono? Quest'ultimo è un termine che deriva da paranza, imbarcazione per la pesca a strascico e, come i pescatori cacciano i pesci, questi ragazzi cercano soldi e finiscono per affiliarsi alla malavita organizzata.

Ehi Leus è decisamente emozionata all'idea di questo incontro con Saviano e non possiamo darle torto, ma lui la mette subito a suo agio rispondendo alle sue domande.

dear sunlight , i missed you so bad

A post shared by EHILEUS (@leonciino) on

La prima è sul perché, secondo lui, le ragazze finiscono per innamorarsi di questi soggetti.  Lui le spiega che subiscono il loro fascino, perché spesso sono giovani intelligenti e brillanti.

La violenza? Non le allontana. A volte cercano di redimerli, magari senza ottenere risultati, altre approfittano del loro denaro.

Il problema è che la maggior parte di loro sono davvero piccolissime e non si rendono conto di quello che stanno facendo, finché ad un certo punto sentono che la vita sta sfuggendo loro di mano e si fanno mettere incinta perché temono di non avere altre possibilità future.

Ehi Leus gli chiede poi del ruolo delle mamme di questi ragazzi. Saviano gli dice che il più delle volte cercano di salvarli dal narcotraffico, ma poi si devono arrendere e si fanno trascinare nel loro inferno.

Lo scrittore precisa che ha scritto Bacio Feroce pensando proprio al pubblico femminile, convinto che (a differenza di quanto si dice) non vogliano solo lettere storie d'amore.

Lui crede molto nelle donne, perché sa che per raggiungere qualunque posizione nella società deve faticare il doppio (se non di più di un uomo). E ha ragione!

Ma andiamo a scoprire qualcosa in più sullo scrittore ospite di questa sesta puntata.

Chi è Roberto Saviano

Roberto Saviano nasce a Napoli nel 1979, ma cresce nella provincia di Caserta, a Casal di Principe. 

Dopo essersi laureato in Filosofia all'Università degli Studi di Napoli Federico II, inizia a lavorare come giornalista, occupandosi soprattutto di organizzazioni criminali e di camorra.

Gomorra

Nel 2006 Roberto Saviano pubblica Gomorra, il suo primo romanzo, edito da Mondadori. Si tratta di un'inchiesta sul potere economico della camorra, un sistema affaristico fortemente ramificato in tutto il mondo, che nasce nelle zone in cui lo scrittore è cresciuto, operando nel silenzio più totale.

Saviano descrive un'organizzazione che gestisce numerose attività illecite, dallo smaltimento dei rifiuti tossici, allo spaccio, i cui boss sono uomini e donne spietati che vivono in ville sontuose, atteggiandosi a divi del cinema. Un fenomeno criminale che a livello locale recluta ragazzi poco più che bambini, pronti a morire ammazzati. E che la popolazione, invece di denunciare, molto spesso accetta e supporta.

La denuncia dei clan camorristici coinvolti catapulta lo scrittore nel mirino dei boss. Dopo una lunga serie di minacce, l'allora Ministro dell'Interno Giuliano Amato decide di affidargli una scorta.

Mentre Gomorra diventa un best seller da 10 milioni di copie tradotto in più di 50 paesi, Roberto Saviano inizia a vivere sotto la costante protezione di un nucleo di carabinieri. 

Dal pluripremiato romanzo vengono tratti uno spettacolo teatrale, l'omonimo film che ha vinto il Gran Premio della Giuria al Festival di Cannes nel 2008 e la serie TV, venduta in 170 paesi, di cui sta andando ora in onda la terza stagione, in prima visione assoluta su Sky Atlantic.

Dopo Gomorra, Roberto Saviano ha pubblicato alcuni saggi e tre romanzi: ZeroZeroZero, La Paranza dei bambini e, per l'appunto, Bacio Feroce

All'attività letteraria, affianca quella televisiva: insieme a Fabio Fazio ha condotto i programmi di approfondimento culturale Vieni via con me e Quello che (non) ho. Il recente Kings of Crime è invece una serie factual dove racconta le vite di alcuni boss. 

Roberto Saviano: una vita sotto scorta

Roberto Saviano con la scortaHDgetty images
Roberto Saviano in uno scatto circondato dalla scorta

Sono più di dieci anni che Roberto Saviano è costretto a vivere sotto scorta, lontano dai suoi luoghi di origine e dai suoi cari.

Quella che doveva essere una cosa di pochi giorni, è diventata la sua realtà. Una realtà fatta di continui spostamenti coordinati nei minimi dettagli, dove non è contemplato nessun fuori programma. Una realtà di notti nelle caserme, nelle camere di albergo, senza la possibilità di fermarsi per più di due giorni nello stesso posto, o di creare dei legami affettivi. 

Ho realizzato il sogno di ogni scrittore, il sogno che la maggior parte dei miei colleghi non avrebbe mai osato immaginare. Un best seller internazionale. Un pubblico enorme. Ma tutto il resto è andato: la possibilità di una vita normale, la possibilità di una relazione normale. La mia vita è stata avvelenata.

Nel 2008, all'indomani di ulteriori minacce, alcuni importanti Premi Nobel si sono mobilitati nei confronti dello scrittore, firmando un appello affinché la libertà di espressione non sia più un rischio per l'incolumità di un uomo e per la sua libertà personale.

Roberto Saviano è ancora sotto scorta, ma nonostante questo ha scelto di non demordere e di continuare la sua attività di scrittore e giornalista. Perché le sue opere hanno avuto il merito di portare l'attenzione sulle mafie non solo da parte dell'opinione pubblica e dei media, ma anche dei governi. 

Crea un'immagine con questa frase e condividila!

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.