Stai leggendo: Questo è l'unico modo in cui puoi toccare una donna

Prossimo articolo: Violenza sulle donne: il confine è la prima arma di difesa, parla la sessuologa

Letto: {{progress}}

Questo è l'unico modo in cui puoi toccare una donna

La giornata mondiale contro la violenza sulle donne è animata da tante iniziative speciali, dai flash mob ai cortei fino alla tre giorni di festival milanese.

0 condivisioni 0 commenti

Sabato 25 novembre inizieranno i 16 giorni di campagne e attivismo lanciati dall’ONU per fermare la violenza sulle donne declinata in tante modalità brutali, dagli abusi sessuali alla mutilazione genitale, dalle mogli bambine al traffico di esseri umani. I 16 giorni di iniziative in rosa si concluderanno nella Giornata Mondiale per i Diritti Umani (10 dicembre), creando un ponte virtuale per la difesa di tutti gli esseri umani vittime di violenze e soprusi.

Negli ultimi 5 anni sono state uccise in Italia ben 774 donne (Istat). Secondo questi dati, le vittime italiane della furia omicida maschile sono ben 150 all’anno con un’età media molto bassa. A morire sono donne di età compresa tra i 18 e i 30 anni. Non si parla però solo di omicidio. Secondo l’organizzazione onlus We World, 6 milioni di italiane sono vittime ogni giorno di maltrattamenti dentro le mura domestiche. Nella maggior parte dei casi, queste donne sono mamme e vengono maltrattate sotto gli occhi dei loro figli.

I 16 giorni di iniziative servono proprio a sensibilizzare il mondo e a unire le donne, affinché si sentano capite e amate e ricevano il giusto supporto per ribellarsi. Non a caso, l’ONU ha lanciato la campagna Unite a cui si può aderire su Facebook e Twitter.

Noi abbiamo voluto dare un piccolo contributo video e abbiamo realizzato la nostra clip in testata con migliori esempi di veri rapporti d'amore. Chi meglio di Derek può rappresentare il modello giusto di uomo di cui innamorarsi?! 

Le iniziative nelle principali città italiane

Tantissime le iniziative promosse in tutta Italia. A Milano ci sarà l’ottava edizione del WeWorld Festival all’UniCredit Pavillion dal 23 al 26 novembre. Tre giorni di iniziative a ingresso gratuito per sensibilizzare i partecipanti sul tema della violenza. Durante il Festival verrà proiettato in anteprima europea il documentario City of Joy di Madeleine Gavin. Il documentario racconta la storia del centro congolese contro la violenza sessuale fondato da Eve Ensler, l'autrice dei famosi Monologhi della vagina. L'elenco di ospiti del Festival include anche la regista Cristina Comencini e lo youtuber Francesco Sole.

Milano, Genova, Bologna, Roma, Padova e Perugia si raccoglieranno intorno alle loro versioni cittadine dell’installazione Walls of Dolls ideata da Jo Squillo, che sarà in Piazza Duomo a Milano per un flash mob nazionale insieme all’atleta paraolimpica Giusy Versace e a Lorena Cacciatore del duo Ginger Bender.

Roma sarà protagonista anche della manifestazione nazionale promossa dall’associazione Non Una di Meno, che invita tutte le donne e gli uomini a partecipare al corteo che partirà dalla centralissima Piazza della Repubblica alle 14,00. Le attiviste dell'associazione hanno stilato un piano antiviolenza in 12 punti, tra cui la garanzia di un reddito di autodeterminazione per tutte le donne che decidono di sottrarsi alla violenza. 

Partecipa anche tu alle iniziative per il 25 novembre 2017 e accendi la tua luce contro la violenza sulle donne!

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.