Stai leggendo: Pink Different, la quinta puntata: la guest star è Chiara Galiazzo!

Letto: {{progress}}

Pink Different, la quinta puntata: la guest star è Chiara Galiazzo!

Special guest della quinta puntata di Pink Different è Chiara Galiazzo, che prova a dare lezioni di canto alle ragazze.

2 condivisioni 0 commenti

Parte all'insegna del vintage la quinta puntata di Pink Different, con Alice Mangione che ritrova un walkman (ormai una sorta di reperto storico) e cerca inutilmente di farlo funzionare.

Intanto fa capolino nella casa un'ospite veramente speciale: la cantante Chiara Galiazzo.

Chiara Galiazzo a Pink Different

AlicelikeAudrey e Camihawke le chiedono se ci sia speranza per Ludovica, purtroppo convinta di avere delle spiccate doti canore (anche se non è così). La sua risposta? L'importante è cantare con il cuore.

Le ragazze quindi cambiano discorso si mettono a fare due chiacchiere con la cantante chiedendole un po' di cose.

Domenica, foto colorate e capelli attorcigliati 🍡

A post shared by Chiara (@chiara_galiazzo) on

Per prima cosa si parla dei suoi nuovi progetti e lei racconta di essere entrata nella classica fase esplorativa per il nuovo album, fatta di esperimenti e paranoie, ma ci ha fatto l'abitudine.

Poi AlicelikeAudrey le fa i complimenti per il suo miglioramento sui social. Chiara Galiazzo confessa che le piace parlare con la gente, anche sul web, ma non sopporta farsi le foto.

Chiara Galiazzo: da X Factor alla collaborazione con Mika

Quella di Chiara Galiazzo è la storia di una ragazza nata in provincia di Padova, che si laurea in Economia a Milano, ma che nella vita vuole fare tutt'altro.

Chiara vuole cantare e per questo decide di frequentare una scuola di musica e di partecipare parallelamente ad alcuni provini.

Questi primi tentativi non sembrano andare come vorrebbe: Chiara viene scartata da Amici e da X Factor Italia. È il 2011 e la cantante decide di non demordere.

Lascia passare un altro anno e poi ci riprova. E stavolta le cose vanno diversamente: Chiara supera tutte le selezioni di X Factor ed entra nella squadra di Morgan. Il suo talento musicale, il modo di fare così spontaneo e le sue grandi doti interpretative conquistano il pubblico, che la vota sempre, portandola a vincere la sesta edizione del programma. Nel talent Chiara ha la possibilità di debuttare con il suo primo singolo, l'inedito Due Respiri, tra i cui autori c'è anche Eros Ramazzotti.

Nel 2013 partecipa alla 63° edizione del Festival di Sanremo e lo stesso anno uscirà il suo primo album, che vede la partecipazione di artisti del calibro di Samuel dei Subsonica, Ermal Meta, Fiorella Mannoia e Neffa

Sono anni importanti, in cui Chiara collabora con grandi nomi della scena musicale internazionale come la popstar Mika, in cui diventa protagonista di un famoso spot e approda in numerose città italiane con il suo tour.

Imparare a fermarsi: Sanremo e Nessun posto è casa mia

Perché si torna sempre dove si è stati bene e i posti sono semplicemente persone. Partenze improvvise, automobili, asfalto. Le ombre di una notte in provincia. Il coraggio di chi lascia tutto alle spalle e poi ricomincia, non era la vita che stavamo aspettando, ma va bene lo stesso, è l'amore che rende sempre tutto pazzesco.

Dopo tre anni molto intensi, un secondo album e un'altra partecipazione al Festival di Sanremo, Chiara decide di fermarsi un attimo. Per respirare, prendersi un po' di tempo per se stessa e soprattutto riflettere.

La cantante ha dichiarato che il clamore che l'aveva investita dopo la vittoria di X Factor Italia la stava mettendo emotivamente a dura prova, accentuando le sue debolezze e facendola sentire inadeguata: in fondo era pur sempre una ragazza della provincia veneta, che si era trovata improvvisamente catapultata in qualcosa di più grande di lei.

Così Chiara si è presa una pausa per elaborare la direzione da prendere. Come donna e come cantante. 

Nel 2017, all'indomani di questo stop, è tornata con un nuovo album intitolato Nessun Posto è casa mia, e con una partecipazione alla 67° edizione del Festival di Sanremo. Sul palcoscenico dell'Ariston è apparsa una nuova Chiara, più forte e più sicura di sé. Ma con la medesima naturalezza che il pubblico ha sempre amato. 

E adesso non ci resta che aspettare il frutto dell'attuale fase esplorativa di cui ha parlato alle ragazze di Pink Different, il suo quarto e nuovo album.

Ma torniamo alla casa di Pink Different: le ragazze le chiedono cosa ne pensa di tutte quelle bufale che circolano su internet e lei si dimostra possibilista: nel mondo succedono tante cose assurde che alcune potrebbero essere vere.

Il bufalaro d'Italia

Ad approfondire la questione ci pensa l'attrice Claudia Alfonso, che incontra Ermes Maiolica, il più grande esperto di bufale in Italia, a Frigolandia. È proprio in questa location umbra che sono nate alcune delle bufale più note della storia.

Ermes racconta di come dietro a queste notizie false ci sia un grande studio sulle persone. Lui ormai è diventato così bravo da andare a colpo sicuro, come quando ha diffuso delle false dichiarazioni di Umberto Eco (che all'epoca era già morto) sul referendum costituzionale.

Claudia fa quindi un piccolo gioco con Ermes leggendo delle notizie bizzarre e chiedendogli se vere o bufale. E lui ci prende nella maggior parte dei casi!

Il castello di Zakula

Torniamo sul lettone delle ragazze, sempre con Chiara Galiazzo. Alice le dice che anche suo figlio maggiore ha una vera passione: il disegno. Peccato che abbia il vizio di sfogare la propria creatività sui muri della casa!

Camihawke le suggerisce di portarlo al Castello di Zakula, dove può disegnare quello che vuole e si trova alle porte di Milano.

Per saperne di più c'è un bel servizio delle K4U, che incontrano il creatore dello spazio ovvero Zakaria Jemai noto come Zio Zacula.

Quest'ultimo racconta la sua storia di barbone finito per caso in questo edificio abbandonato, che ha deciso di personalizzare con i suoi murales.

Lui ha sofferto tanto nella vita, ma ha trovato nell'arte un conforto, un modo per salvaguardare il bello che è rimasto.

Con il tempo si è sparsa la voce e sempre più persone sono andate a visitare il castello di Zakula, magari anche lasciando un segno con un disegno.

Intanto nella casa Camihawke, ispirata dall'assonanza di questo luogo con il nome di dracula, delizia le sue coinquiline con dei racconti horror. Risultato: la paura è talmente tanta da portare tutte a dormire insieme nel lettone!

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.