Stai leggendo: Francesco Pasinetti fotografo, 80 scatti d'autore in mostra a Roma

Prossimo articolo: A Roma arriva la mostra I Grandi Maestri: 100 Anni di fotografia Leica

Letto: {{progress}}

Francesco Pasinetti fotografo, 80 scatti d'autore in mostra a Roma

Al Teatro dei Dioscuri al Quirinale è possibile ammirare Pasinetti fotografo e cineasta, una grande mostra di ottanta fotografie d'autore restaurate per riscoprire un genio del cinema italiano attraverso il suo particolarissimo sguardo.

Una foto in bianco e nero scattata sul set dal regista e fotografo Francesco Pasinetti

4 condivisioni 0 commenti

Arriva a Roma, al Teatro dei Dioscuri al Quirinale, la mostra Pasinetti fotografo e cineasta, per scoprire i moderni scatti di Francesco Pasinetti, il regista veneziano che cambiò completamente la percezione del cinema. L’esposizione, ideata e curata da Carlo Montanaro, organizzata e promossa da Istituto Luce-Cinecittà in collaborazione con il CSC – Centro Sperimentale di Cinematografia, è visibile fino al 28 Gennaio 2018.

HD

Francesco Pasinetti, regista, sceneggiatore e critico ha cambiato il linguaggio del cinema ed è considerato uno dei più importanti esponenti della cinematografia italiana degli anni trenta e quaranta. Non più solo pura forma di intrattenimento, ma fatto culturale che rappresenti l'atmosfera dell'epoca. E come lui stesso ha sottolineato:

Metta alla luce i problemi più vivi del nostro tempo, il trattarli, il giudicarli in senso favorevole o meno, il risolverli.

Appassionato e innamorato della settima arte, a soli 22 anni, nel 1933, si laurea in lettere a Padova con una tesi (la prima in Italia) sul cinema come forma d'arte contemporanea. Si occupò fin dal 1931 di critica, collaborando con i più importanti quotidiani e le riviste più prestigiose. Diresse il Centro Sperimentale di Cinematografia. Ha scritto il primo libro del paese sulla storia del cinema, praticamente una pietra miliare del genere. E nel 1934 girò il suo unico film “Il canale degli angeli” che è considerato un capolavoro neorealista, nato prima che esistesse il genere.

È stato, davvero, un precursore in tutto. Per Michelangelo Antonioni era un simbolo. Per Vittorio De Sica la nostra coscienza.

HD

Veneziano doc, diresse una decina di documentari su Venezia, sull’arte, sull’industria della città che ospita il Festival di Cinema più antico del mondo. Rispetto alla Mostra, organizzò delle sezioni collaterali e retrospettive e la rilanciò con forte impegno nel dopoguerra. I suoi documentari raccontarono sempre una Venezia piena di vitalità.

È stato uno sperimentatore, anticipando mode, tempi e riflessioni sulla settima arte. Fu anche autore e regista di teatro. Ha scoperto alcuno grandi talenti artistici come Antonioni, Guttuso, Pietro Ingrao, Citto Maselli, ha fatto compiere i primi passi sulla scena ad Alida Valli. Trasferì la sua visione e percezione dell’arte, il suo spiccato senso dell’immagine nel cinema e nelle fotografia, perché il geniale maestro è stato anche fotografo. A quasi 70 anni dalla scomparsa, Francesco Pasinetti è ancora e sempre di più ammirato da tanti colleghi e cinefili.

La mostra

L’esposizione regala 80 scatti restaurati e stampati da Francesco Barasciutti. Le immagini ritraggono la città natale di Pasinetti, Venezia, con i suoi canali e i suoi scorci, New York, Roma, i momenti sul set, i provini di fotogenia di aspiranti attori e attrici come Alida Valli e Carla Del Poggio.

Provini alida ValliHD

Ma anche nudi, ritratti e divertenti autoritratti. Scatti dove traspare lo sguardo di un uomo complesso, un artista completo e inusuale scomparso a soli 38 anni nell’immediato dopoguerra. La rassegna presenta anche una sezione video che mostrerà al pubblico alcuni dei cortometraggi di Pasinetti degli anni ’30-’40.

La scala a Venezia di Francesco PasinettiHD

Ad accompagnare la mostra un magnifico volume: “Questa è Venezia – 1943”, edito da Marsilio, libro progettato in vita da Pasinetti e portato alle stampe oggi, con 200 scatti e un ricco apparato critico, storico e filologico.

Cosa aspettate ad andare?

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.