Stai leggendo: Jane Goodall: la donna che cambiò il mondo studiando gli animali

Prossimo articolo: Ellen DeGeneres: 4 motivi per prendere esempio da lei

Letto: {{progress}}

Jane Goodall: la donna che cambiò il mondo studiando gli animali

Jane Goodall è la più amata e più famosa etologa del mondo. Le sue scoperte hanno ridefinito la relazione uomo-animale. E ora la sua storia è diventata un documentario, diretto da Brett Morgen e prodotto da National Geographic Documentary Films

9 condivisioni 1 commento

Nell’estate del 1960 Jane Goodall, a soli 26 anni e senza esperienza scientifica né laurea, decise di avventurarsi nella riserva di Gombe, in Tanzania, per osservare da vicino il comportamento degli scimpanzé. Una pioniera determinata, paziente e mossa dalla passione per gli animali, che grazie ai suoi sforzi e al suo coraggio, realizzò delle scoperte sensazionali, che hanno cambiato la primatologia e la storia.

Prima dei suoi studi, si credeva che alcuni comportamenti fossero un’esclusiva caratteristica degli esseri umani. Invece Goodall dimostrò che anche gli scimpanzé hanno la capacità di creare e utilizzare utensili e attrezzi. E negli anni accertò altre incredibili somiglianze tra questi animali e l’uomo. Proprio come noi, i primati ragionano e riescono a risolvere semplici problemi. Inoltre provano delle emozioni, hanno una vita affettiva e una sorta di autocoscienza. Come Jane ha detto durante un suo Ted Talk:

Crea un'immagine con questa frase e condividila!

Ma questo ci insegna un nuovo rispetto non solo per gli scimpanzé, ma anche per tutti gli altri meravigliosi animali con cui dividiamo il pianeta. Se siamo pronti ad ammettere che non siamo gli unici esseri con personalità, menti e, soprattutto emozioni, e iniziamo a pensare al modo in cui usiamo e abusiamo degli altri esseri senzienti e intelligenti del nostro pianeta, io credo che abbiamo davvero motivo di vergognarci.

La scienza è anche femmina

Con il suo lavoro sfidò anche l’ambiente scientifico, perché fu la prima donna a spingersi nelle foreste selvagge africane e portare alla luce ricerche e prove incontrovertibili, in un mondo prettamente maschilista, che malvolentieri dovette darle credito. Inoltre quando iniziò la sua osservazione diretta nella piccola riserva forestale - ora è un parco nazionale - sul Lago Tanganika, non aveva nessun titolo accademico: si laureò in etologia solo cinque anni dopo, nel 1965 all’Università di Cambridge.

A differenza degli altri studiosi, invece di marcare gli scimpanzé con dei numeri, scelse si dare un nome ad ognuno di loro, proprio perché li considerava creature dotate di personalità. Anche se nel 1986 ha abbandonato la ricerca sul campo (durata più di 40 anni), Goodall è diventata una attivista e continua la sua battaglia pacifica per la protezione degli animali e del loro habitat, sostenendo le cause ambientaliste e i benefici dell’alimentazione vegetariana.

Jane Goodall con uno dei suoi scimpanzéHD

Jane: il docu-film che celebra la sua vita

Presentato in anteprima al Toronto Film Festival e in altre prestigiose rassegne cinematografiche, dove ha conquistato la critica, “Jane” è un film diretto da Brett Morgen, autore anche del famoso documentario dedicato a Kurt Cobain dei Nirvana. Il regista ha raccolto più di cento ore di filmati, fino ad ora mai visti, provenienti dagli archivi del National Geographic e del Jane Goodall Institute, per raccontare la storia di questa donna che sfidò ogni convenzione per realizzare i suoi sogni e i suoi obiettivi. Ci sono anche le riprese girate in 16 millimetri di Hugo Van Lawick, il fotografo che accompagnò Jane nei suoi viaggi e poi diventò il suo primo marito. Un ritratto intimo ed efficace che racconta l’amore di Goodall per il suo lavoro, con una colonna sonora firmata dal noto compositore Philip Glass.

Jane Goodall con uno scimpanzè HD

Ha realizzato i suoi sogni di bambina

L’ amore per la natura e per gli animali Jane lo iniziò a coltivare fin da piccola, leggendo libri e sognando di vivere come Tarzan e il Dottor Dolittle. Il suo desiderio era di osservarli da vicino e capire come vivevano, svelando i segreti del loro mondo. La madre Vanne, la sostenne sempre e la spinse a seguire i suoi desideri. E’ la stessa primatologa britannica a raccontarlo nella sua “Lettera al futuro della Terra”, indirizzata alle nuove generazioni, per incoraggiarle a fare la differenza e creare un mondo migliore. Perché nulla è impossibile, se lo si desidera con tutto il cuore.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.