Stai leggendo: Il principe danese non vuole condividere la tomba con la Regina

Prossimo articolo: La Regina Elisabetta e il Principe Filippo, insieme da 70 anni

Letto: {{progress}}

Il principe danese non vuole condividere la tomba con la Regina

Per protesta l’orgoglioso principe Henrik rifiuta di essere seppellito vicino alla Regina Margrethe perché lei non lo ha mai fatto Re.

Il principe Henrik e la regina Margrethe sono sposati da 40 anni

2 condivisioni 4 commenti

Henri Marie Jean André de Laborde de Monpezat, meglio conosciuto come il Principe Henrik di Danimarca, ha annunciato che quando passerà a miglior vita non desidera essere seppellito accanto a sua moglie, la regina Margrethe. Il marito della regina danese si rifiuta di condividere la tomba in segno di protesta contro il titolo di Principe. Affermando convinto:

Non seppellitemi vicino alla regina, non mi ha mai fatto re.

La sua dichiarazione per la mancata nomina a re consorte conferma solo l’infelicità che ha vissuto per anni, da quando sua moglie divenne regina e lui solo Principe. Quando Margrethe è salita al trono Henrik si aspettava di venire elevato al rango reale. In Danimarca tradizionalmente succede alle principesse quando il marito diventa re. E invece nulla.

HD

Giusto per la cronaca lo stesso trattamento è stato riservato anche a Filippo di Mountabatten, 96 anni, duca di Edimburgo e consorte di Elisabetta II d’Inghilterra. Sposato da 50 anni con la regina danese Margrethe II, Henrik non ha mai digerito di non essere diventato re. E ora, di fronte a tutto il popolo, è arrivato il suo gesto di protesta. Lo scorso anno, infatti, c’era stata già la prima avvisaglia del malcontento: la rinuncia al titolo di principe consorte, poi la quasi scomparsa dalla scena e dagli impegni pubblici. E ora? trascorre molto tempo nella sua vigna in Francia, nonostante sia ancora sposato con la Regina e vivano ancora ufficialmente insieme.

La reale storia

Henrik, nato in Francia nel 1934, conte e discendente di una famiglia nobile che risale alla metà del XVII secolo, ha sposato la regina Margrethe (77 anni) nel 1967: allora assunse il titolo nobiliare di principe consorte, che però mantenne anche dopo che sua moglie diventò regina nel 1972. I due si sono incontrati a Londra, dove era di stanza come diplomatico, quando lei era la principessa della corona. Per il matrimonio Henrik ha rinunciato alla cittadinanza francese e si è convertito dal cattolicesimo al protestantesimo. La coppia ha due figli, il principe ereditario Frederik e il principe Gioacchino, e ben otto nipoti.

HD

Il consorte, quindi, non rispetterà l’antica tradizione: nessuna sepoltura insieme nella cattedrale di Roskilde, a Copenhagen in un sarcofago realizzato dall'artista danese Bjorn Norgaard appositamente per loro quando arriverà il momento. La coppia unita nella vita terrena, però, si separerà nell’oltretomba.

A rimarcare la posizione di Henrik anche le dichiarazioni della portavoce della monarchia danese Lene Balleby: "Non è un segreto che il principe sia stato per molti anni infelice per il ruolo e il titolo che gli sono stati assegnati nella monarchia danese. Questa delusione è cresciuta sempre di più negli ultimi anni."

Sottolineando:

Per il principe, la decisione di non essere sepolto vicino alla regina è la naturale conseguenza del non essere stato trattato equamente rispetto a sua moglie, non avendo ottenuto il titolo e il ruolo che desiderava.

La portavoce ha poi confermato che la regina ha accettato la decisione del marito, senza opporsi alla sua volontà. A questo punto non è ancora chiaro il luogo dove il principe Henrik verrà sepolto, sicuramente in Danimarca.

E voi cosa ne pensate? Una questione di orgoglio ferito o di semplice coerenza?

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.