Stai leggendo: È una donna la designer di pick-up più in gamba degli USA

Prossimo articolo: Facebook lancia #SheMeansBusiness a supporto dell'imprenditoria femminile

Letto: {{progress}}

È una donna la designer di pick-up più in gamba degli USA

Helen Emsley è capo designer di GMC, divisione di General Motors specializzata nella produzione di pick-up, fuoristrada e veicoli militari. Da unica donna del suo corso all'università, è oggi una delle personalità più richieste del settore.

Helen Emsley

2 condivisioni 0 commenti

Ci sono donne che non solo fanno sentire la propria voce nel mondo del lavoro, ma che infrangono in modo così brillante la barriera delle discriminazioni di genere da poter essere definite delle eccellenze in settori lavorativi che, fino a qualche anno fa, erano reputati appannaggio esclusivo degli uomini. Helen Emsley, per esempio, progetta pick-up, SUV e autocarri tra i più venduti negli Stati Uniti ed è un'autentica leader.

Helen Emsley, una storia di empowerment

InStyle ha raggiunto Helen Emsley per raccogliere la sua esperienza di donna in un mondo, quello dei motori, fatto (quasi) di soli uomini. Helen è cresciuta nello Yorkshire, in Inghilterra, e ha sempre ripudiato gli studi scientifici canonici. A 10 anni si divertiva a cantare a squarciagola ai concerti degli AC/DC con suo padre e da ragazzina ha frequentato la Scuola d'Arte. Diversi anni dopo, ha conseguito la laurea in Progettazione dei Sistemi di Trasporto presso il Royal College of Art di Londra ed era l'unica studentessa del suo corso.

Helen Emsley con uno dei suoi fuoristradaHD

Oggi, Helen Emsley lavora a Detroit come direttore esecutivo del design di Buick e GMC, divisioni del gruppo General Motors, e controlla circa 100 dipendenti. Per il suo primo progetto in azienda le è stato chiesto di rifare gli interni della Chevrolet Corvette Stingray 2014, un incarico importante che ha vissuto con apprensione: "Già me lo vedo sui giornali, 'La donna britannica uccide la Chevrolet!'", disse al suo capo. Le vendite dell'auto, invece, furono più che raddoppiate dopo l'intervento di Helen. Uno dei punti di forza del suo operato è sicuramente il rapporto con i suoi dipendenti: "Quando GM ha fatto bancarotta nel 2009, ne ho approfittato per rendere quel momento una lezione per tutti. Ho detto loro: 'Se l'azienda fosse vostra, cosa fareste?'".

A distanza di 8 anni da allora, sono tanti i progetti in cantiere. Helen sta lavorando alla progettazione di due nuove auto elettriche. "Abbiamo la tecnologia e il talento per far progredire la società e migliorare i trasporti per le future generazioni", ha dichiarato. C'è da scommetterci, sarà un successo.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.