Stai leggendo: Mirror Mirror, la recensione del romanzo d’esordio di Cara Delevingne

Prossimo articolo: Origin, recensione del romanzo di Dan Brown

Letto: {{progress}}

Mirror Mirror, la recensione del romanzo d’esordio di Cara Delevingne

Che immagine vi restituisce il vostro specchio? L’immagine di una persona fragile, disadattata, impaurita? Riflette ciò che siete per davvero? Ecco di cosa parla il romanzo d’esordio di Cara Delevingne.

La scritta Mirror Mirror del romanzo di Cara Delevingne

1 condivisione 0 commenti

La vita di un adolescente è complicata e questo è un dato di fatto. Ma chi è davvero quell’adolescente quando si guarda allo specchio? L’immagine riflessa combacia con l’immagine reale? Questo è il muro portante di Mirror Mirror, il romanzo d’esordio nonché caso editoriale dell’anno di Cara Delevingne. Nata come modella e affermata come attrice, la Delevingne è stata guidata nel mondo dell’editoria dalla mano salda di Rowan Coleman (autrice di Tutto quello che so di noi) realizzando un romanzo tagliente, brutalmente onesto e incredibilmente realistico.

Copertina di Mirror Mirror con una mano chiusa a pugno
Mirror Mirror, il romanzo d'esordio di Cara Delevingne

Chi sono i Mirror Mirror?

Prima ancora di essere una band, i protagonisti sono adolescenti ognuno alle prese con la propria triste realtà. C’è Rose, l’icona di bellezza nonché cantante del gruppo, che si fa largo nel mondo con una patina di finta indifferenza quando in realtà cela nel cuore una profonda fragilità. C’è Leo, un po’ playboy e un po’ il tipico ragazzo della porta accanto, costretto a lottare tra l’istinto di fare la cosa giusta e l’amore incondizionato per la famiglia. Poi c’è Naomi, una ragazza che nasconde le proprie debolezze sotto strati di eyeliner che d’improvviso scompare lasciando dietro di sé un grande senso di vuoto.

E poi c’è Red, l’enigma del romanzo. Red è una caramella sgusciata con lentezza ed è l’intera perla di questa storia. Narrata in prima persona dal suo punto di vista, Red ci mostra il mondo esattamente per come lo vede: bruto, ingannevole e dolcemente crudele.

It's finally here!! Can't wait for you all in the UK to get yours too. Pre-order is still available in the US.

A post shared by Cara Delevingne (@caradelevingne) on

La Delevingne è stata abile nello strutturare un racconto la cui identità del narratore fosse vacua e ingannevole, finché non è uscita a carte scoperte rivelando la verità nel cuore di Red: neanche Red sa chi vuole essere, men che meno a che etichetta appartenere. Sa soltanto che vuole vivere la sua normalità e non dover badare a quella degli altri.

Specchio delle mie brame, chi è il più vero del reame?

Il mistero attorno a cui si costruisce il romanzo parte da Naomi e ben presto si dirama nelle tristi realtà che si nascondono nelle famiglie dei personaggi. Personaggi ben elaborati, seppur stereotipati, che lasciano il segno durante la lettura. Con una penna tagliente, l’autrice ha superato il confine della banalità del romanzo per adolescenti affrontando diverse tematiche attuali ma in realtà vecchie come il mondo. Chi siamo per davvero? E perché non veniamo sempre accettati per la nostra vera natura, soprattutto da chi abbiamo attorno?

La crudeltà della madre di Red, ad esempio, che nella figlia avrebbe voluto vedere quella bambina pura e incontaminata che si sarebbe aspettata durante la crescita, in realtà è soltanto un modo di interpretarne la profonda debolezza.

This is only the beginning..... #MirrorMirror

A post shared by Cara Delevingne (@caradelevingne) on

Nello specchio noi siamo più difetti che pregi. Tutto ciò che vediamo è il nostro cuore con le sue infinitesimali crepe che, anziché imbruttirlo, ne costituiscono l’intera bellezza. Cara Delevingne, per quanto possa aver scelto una tematica banale come prendere un gruppo di ragazzini danneggiati impegnati nella loro lotta quotidiana, ha saputo raccontare di come la paura di sentirsi accettati talvolta superi persino la consapevolezza di doversi saper prima accettare.

Perché, se guarderemo il nostro riflesso allo specchio con gli occhi del mondo, non saremo mai in grado di capire la vera bellezza che c’è dentro ognuno di noi. Quella bellezza che, più che essere normale, è reale.

Vedo me stessa e finalmente il dentro e il fuori combaciano.

Tutto ciò che conta nella vita in fondo possiamo racchiuderlo proprio con questa frase.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.