Stai leggendo: Home office: come capire se lavorare da casa fa per te

Prossimo articolo: Come lavorare da casa evitando il burnout

Letto: {{progress}}

Home office: come capire se lavorare da casa fa per te

È una prospettiva sempre più realistica, considerata nei Paesi più avanzati la più efficiente, ma avete davvero analizzato i pro e i contro? Avete ben chiare le vostre nuove sfide? Scoprite se lavorare da casa fa per voi.

Home office

4 condivisioni 1 commento

Lavorare da casa è l'unica soluzione per molte categoria di persone - le mamme, chi lavora part-time, chi ha problemi di deambulazione, chi deve affrontare un lungo viaggio per arrivare in ufficio e così via. A ben pensarci, sembrerebbe una prospettiva allettante, soprattutto in quelle giornate invernali quando uscire di casa significa affrontare il freddo, prendere l’ombrello e magari incanalarsi nel traffico.

Molti vi aspirano proprio perché si tratta di una possibilità sempre più fattibile e al giorno d'oggi, e anche la più produttiva: basti pensare che gli evolutissimi Paesi nordici favoriscono i lavoratori da casa perché hanno scoperto che questa categoria produce di più ed è, assieme ai dipendenti part time (orizzantale e verticale) la più efficiente. Ma questa declinazione professionale non è adeguatamente tutelata in Italia e spesso si decide di iniziare a lavorare da casa senza guardare la questione da tutti i punti di vista o senza pensare effettivamente a come fare a crearsi una professionalità, complice il fatto che in rete proliferano le offerte poco serie, che promettono di arricchirsi in poco tempo.

Per guidarvi in questa scelta, vogliamo esaminare con voi i pro e i contro del lavoro da casa, ma anche darvi qualche consiglio per iniziare, se lo deciderete, questa nuova avventura con il piede giusto.

I vantaggi del lavoro da casa

Home officeHD

Cominciamo ad analizzare l’elenco dei pro, che di sicuro sono gli aspetti che già anche voi avete evidenziato, quando prendere in considerazione l’idea di lavorare da casa.

  • Meno stress: sia che andiate al lavoro in auto sia che ci andiate coi mezzi, il tragitto per raggiungere il posto di lavoro è spesso motivo primario di stress. Il traffico sempre più lento e meno scorrevole o i mezzi pubblici che accumulano ritardi o non offrono condizioni di viaggio molto confortevoli sono uno dei motivi principali che vi spingono a optare per lavorare da casa.
  • Più tempo: se il viaggio per arrivare al lavoro viene meno, eccovi immediatamente con almeno un paio d’ore al giorno in più per lavorare, passare tempo con la vostra famiglia o altro.
  • Ciao, ambiente di lavoro tossico: lavorare da casa significa uscire dalle dinamiche dell’ufficio, quindi non sarete più obbligate a vedere tutti i giorni il collega raccomandato, il capo che non vi apprezza e soprattutto la terribile mensa aziendale! Sicuramente, ne guadagnerete in salute e linea.
  • Niente spese extra: la benzina o l’abbonamento dei treni, ma anche i pasti fuori casa che hanno spesso costi sproporzionati alla qualità del cibo offerto sono tutte spese a cui direte addio. Mangiare a casa costa sicuramente meno che al bar.
  • Addio badge: in casa non dovete timbrare il cartellino. Se iniziate a lavorare alle 8 o alle 10, poco importa (a meno che abbiate qualcuno con cui lavorate tramite telelavoro). In ogni caso, se un giorno avete poco lavoro, potete dedicarvi ad altro e non avete la sensazione di buttare via la giornata.

Gli svantaggi del lavoro da casa

Mamma lavora da casaHD

Se con l’elenco dei pro vi abbiamo descritto un quadro ideale, preparatevi alle brutte sorprese: lavorare da casa ha molti lati oscuri, a cui magari non si pensa.

  • I rischi: se lavorate come freelance - In Italia il telelavoro da dipendente è appannaggio solo delle aziende più all'avanguardia e illuminate -, non avete più le spalle coperte da una grossa azienda, siete i capi di voi stesse. Lo stipendio non arriverà a prescindere alla fine del mese, ma sarete voi a sudarvi ogni centesimo. E ricordate: quello che fatturate non è il vero guadagno, ma dovete togliere tasse e imposte, quindi dovrete imparare a fare anche della contabilità e scegliere dei professionisti a cui affidarvi.
  • La solitudine: lavorare da casa significa togliersi dai piedi i colleghi insopportabili, ma anche quelli simpatici. Niente più chiacchiere alla macchinetta del caffè o quella sensazione di fare squadra quando ci si aiuta a risolvere un problema.
  • “Mamma!”: se avete figli e lavorate da casa, preparatevi a sentirvi chiamare almeno 20 volte all’ora mentre state lavorando. La vera sfida è far capire che, anche se fisicamente siete lì, vi devono ignorare come se foste in un ufficio a mille chilometri da casa. All’inizio, quindi, la vostra concentrazione e quindi il vostro rendimento professionale, verranno messi a dura prova.
  •  Sindrome del burnout, o troppo lavoro: stare a casa tutto il giorno da soli, senza timbrare il cartellino e senza avere la giornata scandita dai ritmi dell'ufficio, spesso fa perdere la cognizione del tempo. Sempre più spesso le aziende riducono il numero di dipendenti ma non la mole di lavoro e chi è impiegato da casa rischia di rimanere incollato al computer anche dodici ore di fila - senza pausa bagno, sigaretta o pranzo e senza scambiare due chiacchiere con nessuno - per cercare di finire tutte le incombenze.

I consigli per gestire il lavoro da casa

Come vedete, non è tutto oro quel che luccica! Per esser certe di fare la scelta giusta decidendo di lavorare da casa, analizzate bene ogni aspetto e sfaccettatura di questa scelta, di modo da non pentirvene in seguito. Inoltre, per far sì che questa vostra nuova carriera parta e proceda con il piede giusto, vogliamo darvi qualche consiglio, per farvi riflettere su aspetti a cui, forse, non avete pensato.

Ragazza che lavoraHD

Online si trovano svariate offerte di lavoro che vi promettono di lavorare da casa, per poche ore al giorno e di farvi guadagnare migliaia di euro. Se siete intenzionate a lavorare da casa, queste vi potranno sembrare offerte imperdibili, ma se vi fermate un attimo e ci pensate su capirete subito che si tratta di truffe, nella maggior parte dei casi. Lavorare da casa non significa lavorare meno e guadagnare di più (spesso, anzi, è esattamente il contrario). Diffidate quindi di quelle ricette miracolose che vi promettono soldi a palate: rimboccatevi le maniche e preparatevi a sudare investendo tempo ed energie nella vostra attività. Questa è l’unica ricetta perché le cose procedano bene.

Essere responsabili

Entrare in contatto con nuovi clienti non è certo facile, così quando ci riuscite fate di tutto per essere seri e affidabili. Se uno dei pro e dei contro - del lavoro da casa è il non avere orari, non lasciate che questa cosa faccia di voi un collaboratore inaffidabile: rispettate le scadenze, rispondete a e-mail e telefonate, siate propositivi e seri.

Fare formazione continua

Sia che abbiate iniziato a lavorare da casa facendo quello che già facevate in ufficio, sia che abbiate intrapreso una nuova strada, dedicate sempre del tempo alla formazione. Il mondo cambia continuamente e così anche il lavoro: leggete libri, andate a fare corsi, siate curiosi e interessatevi a quello che succede intorno a voi. Fate corsi anche che, in apparenza non c’entrano niente con la vostra attività: potrebbero tornarvi utili e di sicuro vi arricchiranno, dandovi nuovi spunti e una marcia in più anche nella vostra attività.

Ragazza che studiaHD

Non avere paura di investire

Attenzione: non stiamo parlando di quelle offerte di lavoro che, dopo averti promesso guadagni stratosferici, vi chiedono di anticipare alcune centinaia di euro. Stiamo parlando di spendere soldi in materiali che vi potranno essere utili: un computer, una postazione, una stampante, bigliettini da visita ecc… Sono tutte cose che hanno un costo iniziale, ma che sono fondamentali per dare di voi un’immagine seria e professionale: se andate da un cliente, non potete non avere un bigliettino da visita, oppure se vi affidano un lavoro, non potete certo rispondere “Certo, lo faccio appena mia figlia ha finito di fare la ricerca di scienze e mi lascia il computer”.

Essere un’azienda in una persona

Ragazzo che studiaHD

Lavorare da casa come freelance significa diventare pian piano tuttologi: voi siete il vostro ufficio amministrativo, il marketing, il commerciale, il reparto creativo e fate pure gli ordini della cancelleria. Non pensate di scansare le faccende che vi risultano più ostiche o noiose. È vero, potete (e dovrete) affidarvi ad altri professionisti, ma per esser certi che tutto proceda senza intoppi, dovete comunque imparare ad assumere il controllo di tutto il vostro lavoro.

Allora, vi abbiamo spaventate o vi abbiamo convinte a fare il grande passo? Siete pronte per lavorare da casa o state iniziando a rivalutare il vostro ufficio?

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.