Stai leggendo: Nel film-denuncia L'Esodo Daniela Poggi interpreta un'esodata

Prossimo articolo: Orlando Bloom presenta Romans, film sugli abusi sessuali

Letto: {{progress}}

Nel film-denuncia L'Esodo Daniela Poggi interpreta un'esodata

L’Esodo, opera prima del regista Ciro Formisano, è tratto da una storia realmente accaduta e racconta, per la prima volta, una pagina amara della recente politica del nostro paese.

Daniela Poggi è Francesca un'esodata che conosce per la prima volta la povertà

114 condivisioni 1 commento

Arriva in sala L’Esodo, opera prima di Ciro Formisano con protagonista un’intesa Daniela Poggi. Il film, tratto da una storia realmente accaduta, racconta la vicenda degli esodati, dal punto di vista di una donna che improvvisamente si trova a perdere tutto: lavoro, soldi e dignità. Con questo termine si indicano persone che con l’entrata in vigore della Legge dell’ex Ministro Fornero e il suo innalzamento dell’età pensionabile, si sono improvvisamente trovate in un limbo. Non hanno più il lavoro in conseguenza di accordi di ristrutturazione aziendale o crisi aziendali e non hanno ancora diritto alla pensione. Troppo vecchi per lavorare e troppo giovani per la pensione. E così si sono ritrovati senza reddito e senza ammortizzatori sociali.

È dunque un sottobosco di disoccupati senza stipendio in gravi condizione economiche.

Daniela PoggiHD

La rottura di un patto tra Stato e Cittadino

Il regista racconta la loro situazione, seguendo la storia di una donna, e tratteggia una dura pagina della recente politica del nostro paese. Come lui stesso ha sottolineato:

Ho filmato e raccolto testimonianze di esodati provenienti da tutta Italia, durante le manifestazioni, i presidi, le dure proteste che si contraddistinguevano dalle altre per la loro enorme civiltà. Per una dignità mai persa, nonostante in molti conoscevano la miseria per la prima volta e dopo una vita di lavoro.

E sottolinea:

La stava conoscendo anche lei questa miseria, una donna che ho intervistato a lungo, la cui storia mi colpì molto. Ho pensato che era una storia che dovevo raccontare.

Ad interpretare Francesca, una sessantenne esodata che finirà ad elemosinare per necessità in Piazza della Repubblica a Roma, è la sorprendente Daniela Poggi. Le persone che incrociano il suo sguardo rimangono colpite da questa distinta donna, lontana dall’immagine di una mendicante. Francesca arrabbiata e disillusa, incarna la nuova povertà italiana e rivendica il diritto al lavoro, a una vita dignitosa, dopo essere stata tradita da un governo che non l’ha protetta, né ha mantenuto le promesse.

Il film è un omaggio ai 5.000 esodati al solito che attendono di essere salvaguardati e sperano nella prossima Legge di Stabilità, che proprio a ridosso dell’uscita della pellicola dovrebbe essere approvata.

Daniela Poggi: 40 anni di carriera

Daniela PoggiHD

Festeggia i suoi 40 anni di carriera, dal suo debutto a teatro nel 1978 con Walter Chiari, con un ruolo complesso, forte e delicato che le ha già permesso di trionfare come miglior attrice protagonista in diversi Festival in cui è stato presentato come al Villammare film festival e Scrivere per il Cinema Mirabella Eclano. L’attrice di Savona si divide tra cinema, televisione e teatro, ma è anche conduttrice di quattro fortunatissime edizioni di Chi l’ha visto. Tanti ruoli e sfide. Non ultimo, l’impegno come ambasciatrice dell’Unicef e autrice di spettacoli teatrali come Io madre di mia madre dedicato alla mamma scomparsa malata di Alzheimer.

Nel cast anche Rosaria De Cicco. Il film, distribuito da Stemo Production, da oggi al cinema.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.