Stai leggendo: Winona Ryder parla della sua adolescenza rovinata dal bullismo

Prossimo articolo: Loser or lover: Jack Dylan Graser di IT disegna una T-shirt antibullismo

Letto: {{progress}}

Winona Ryder parla della sua adolescenza rovinata dal bullismo

L'adolescenza è stata un inferno per Winona Ryder. Nella sua biografia, l'attrice ha raccontato di essere stata vittima di bullismo da ragazzina: ecco come, a distanza di anni, ricorda quelle esperienze.

Primo piano di Winona Ryder

2 condivisioni 1 commento

Icona cinematografica indiscussa degli anni '80-'90, Winona Ryder (46 anni) ha conosciuto la fama quando era giovanissima. L'attrice di Stranger Things si è fatta amare dal pubblico grazie a film cult come Bettlejuice ed Edward Mani di Forbice, confermando qualche anno dopo il suo incredibile talento da interprete in altri grandi successi come Ragazze Interrotte e Autumn in New York. Sebbene sia diventata famosa quando era una teenager, l'adolescenza non è stata serena per Winona.

Winona Ryder in Beetlejuice, uno dei suoi primi filmHD

Winona Ryder e il bullismo

Ai tempi delle scuole medie, Winona Ryder non era molto popolare tra i suoi compagni. Preferiva mantenersi in disparte e, complice la sua passione per i film di gangster e bad boy molto in voga in quegli anni, amava vestirsi in modo androgino, da vero maschiaccio. A raccontarlo è lei stessa in uno stralcio della sua biografia scritta da Nigel Goodall, che in queste ultime ore è diventato virale grazie allo screenshot condiviso sui social da una fan.

Winona è stata vessata dai bulli e la scuola non le è stata minimamente d'aiuto in una situazione così delicata. "Indossavo vecchi abiti da ragazzo presi al negozio dell'Esercito della Salvezza. Una volta, quando sono andata in bagno ho sentito dire: 'Ehi, finocchio'. Mi hanno sbattuto la testa contro l'armadietto, io sono caduta a terra e anche una volta appreso che ero una ragazza hanno continuato a prendermi a calci. Hanno dovuto mettermi dei punti e la scuola espulse me, non loro", ha raccontato.

A distanza di alcuni anni, Winona Ryder ha avuto la sua rivincita.

Anni dopo entrai in un caffè e incontrai una di quelle che mi avevano presa a calci. 'Winona, Winona, puoi farmi un autografo?' mi disse. E io risposi così: 'Ti ricordi quando in seconda media picchiasti quel ragazzino?', lei disse 'Più o meno', e io conclusi 'Ecco, quel ragazzino ero io. Ora vattene pure all'inferno'.

Nonostante quella piccola rivalsa l'abbia fatta sentire a quel tempo più forte, l'attrice ha ammesso nella sua biografia che la notorietà non migliorò poi di molto le cose. Dopo Beetlejuice - film in cui interpretava una ragazzina dal look gotico e lugubre - in molti la chiamavano 'strega', prendendosi gioco di lei che era diventata famosa in tutto il mondo.

Chissà in quanti se ne ricorderanno. Il bullo raramente ha memoria di chi ha ferito, umiliato e offeso. L'immagine del carnefice, però, resta sempre bene impressa nel cuore di chi ha subito.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.