Stai leggendo: La serie LGBTQ Sense8 ha scelto Napoli come set per l'episodio finale

Prossimo articolo: Andi Mack: sarà la prima serie per ragazzi Disney con un personaggio gay

Letto: {{progress}}

La serie LGBTQ Sense8 ha scelto Napoli come set per l'episodio finale

Sun, Will, Riley, Wolfgang, Lito, Capheus, Nomi e Kala di Sense8 hanno invaso la città del Vesuvio per una settimana intensa di riprese dell'ultimo capitolo della serie che professa l'amore senza pregiudizi.

I Sense8 al cimitero che consolano Sun

1 condivisione 0 commenti

Napoli è diventata il set di una delle serie più importanti negli ultimi anni per i diritti LGBTQ+ e delle donne, Sense8. Dopo Positano (meta scelta per la seconda stagione), a essere conquistata è stata proprio la città campana, il cui cuore culinario era stato in precedenza depredato da Kit Harington ed Emilia Clarke di Game of Thrones con gli spot di Dolce & Gabbana. La serie televisiva LGBT friendly di Netflix ha da poco finito di girare il suo speciale episodio finale (o, almeno, parte di esso) nel cuore della città. Il primo set infatti è stato allestito nella stazione metropolitana di Mergellina e i fan più fortunati hanno tappezzato sin da subito il web con una miriade di selfie con protagonisti proprio loro: i Sense8.

Cos’è Sense e perché è una serie LGBT?

Facciamo un passo indietro ed esaminiamo questa serie televisiva diventata un vero e proprio fenomeno. Arrivata su Netflix nel 2015, Sense8 si è immediatamente presentata come una serie intrigata, fuori dagli schemi e soprattutto LGBT friendly partendo dal suo cuore pulsante: i protagonisti. Otto anime da ogni parte del mondo si ritrovano improvvisamente in contatto le une con le altre. C’è il ragazzo africano dai problemi economici, la DJ dai capelli ossigenati con il debole per la droga, il poliziotto dall’animo danneggiato per via di un vecchio caso irrisolto, una ragazza indiana promessa in sposa a un uomo che non ama, una transgender che ama fare l’hacker, una giovane sudcoreana che cela sotto abiti costosi un’indole guerriera, un attore che nasconde la propria omosessualità e un malavitoso tedesco.

Il cast di Sense8 seduti insieme a bereHD
Si festeggia!

Ponendo questi presupposti, sarebbe facile scivolare nel banale ma non è ciò che è accaduto a Sense8. La serie televisiva nasce dalle penne contorte delle sorelle Wachowski (Matrix) le quali, concentrandosi sul tema dell’empatia, hanno dato vita a un prodotto il cui cuore fosse l’evoluzione umana e l’intrigato processo di empatia. Ma quando parliamo di Sense8 risulta semplice ed efficace collegare la serie televisiva alla parola LGBT (sigla che sta per Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transgender) poiché i suoi protagonisti ne sono lampanti esponenti: un esempio è proprio Lito, l’attore in costante lotta tra la sfera pubblica e privata finché il bisogno di essere sé stesso prevale e dichiara la verità a tutto il mondo in un modo così plateale di cui soltanto le autrici di Sense8 potevano essere capaci.

O ancora pensiamo a Nomi, la ragazza transgender allontanatasi dalla famiglia a causa del desiderio di vivere esattamente come si sentiva. In Sense8 l’amore è amore, senza sfumature annesse.

Lana e Lilly Wachowski: le sorelle che lottano per i diritti dei transgender

Uno dei fili conduttori di Sense8 rispecchia coloro che l’hanno creato. Lana e Lilly Wachowski sono due sorelle (prima fratelli) cineaste che hanno conosciuto il sapore del successo grazie a Matrix prima della transizione da Andy e Larry a Lilly e Lana, ma è in Sense8 che hanno potuto concretizzare ciò che stava loro più a cuore. Non è un caso che Lana Wachowski abbia ideato il suo primo personaggio transgender traendo spunto dalla sua personale esperienza, tanto da aver definito alcune scene come “autobiografiche”.

Lana con una fan per il gayprideHD
Lana Wachowski, creatrice di Sense8

Il cast di Sense8 ha lasciato la soleggiata Napoli dopo aver portato a termine le riprese, ma torneranno il 6 e 7 gennaio 2018 a Roma per l’evento SenseCon FEmily, una convention che permetterà agli iscritti di interagire con gli attori partecipanti dopo l'acquisto di un pass. Per informazioni, ecco il link.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.