Stai leggendo: Cristina D’Avena presenta Duets: 'Le mie sigle sono canzoni per tutti'

Prossimo articolo: 7 cantanti italiane da tenere d'occhio questo autunno

Letto: {{progress}}

Cristina D’Avena presenta Duets: 'Le mie sigle sono canzoni per tutti'

Tutto è nato a Sanremo: proprio dietro quel palco Cristina D’Avena ha iniziato a pensare all’album Duets – Tutti cantano Cristina che esce il 10 novembre. Sedici duetti con big italiani di cui abbiamo parlato proprio con l’artista.

24 condivisioni 4 commenti

Quando si parla di cartoni animati, da almeno tre (se non più) generazioni a questa parte, la voce è solo una: quella di Cristina D’Avena. La sua biografia racconta una carriera iniziata con uno storico Zecchino d’Oro quando la cantante aveva solo 3 anni, e da quel momento non si è mai fermata. Da sempre legata – e forse anche, nell’immaginario collettivo, relegata – al mondo dei cartoon, Cristina regala ai bambini di oggi e di ieri quel mondo di magia che ci fa sognare senza età. Amata da un pubblico di fedelissimi che la segue nei suoi numerosi impegni dal vivo, oggi la D’Avena è a un punto di svolta. Un salto coltivato e finalmente pronto a compiersi.

Esce, infatti, venerdì 10 novembre l’album Duets – Tutti cantano Cristina, progetto che contiene alcune delle sigle che l’hanno resa beniamina dei cartoni animati in Italia. A rendere questo lavoro un disco intergenerazionale è la presenza di sedici grandi nomi del panorama musicale italiano con cui l’artista ha deciso di duettare.

Cover album Duets Cristina D'Avena

E che abbiano vent’anni, quaranta o qualcuno in più, per tutti, neanche a dirlo, la D’Avena è un mito fin dalla tenera età. Così, per un Michele Bravi che, incredulo, riaggancia il telefono pensando che la chiamata di Cristina sia uno scherzo, c’è una più navigata Loredana Bertè che accoglie con entusiasmo la proposta del duetto cantandolo a ogni piè sospinto. Ecco, per ogni traccia c’è una storia, che non è solo quella di Cristina o quella del cartone animato che rappresenta, ma attraverso le varie voci coinvolte diventa un pezzetto della storia di tutti noi. Sarà anche per questo che la conferenza stampa ha coinvolto i media in un divertente karaoke? E senza i testi: quelli li conoscevano tutti.

Cristina D’Avena presenta Duets: la conferenza stampa

Una platea incuriosita e partecipe ha accolto a Milano Cristina D’Avena in occasione dell’incontro con cui l’album Duets – Tutti cantano Cristina è stato ufficialmente presentato. Il progetto distribuito da Warner Music e nato in collaborazione con Crioma, ha preso forma da quel Sanremo 2016 che ha “dato vita all’incantesimo”, racconta l’artista.

Sanremo è stato per me un riscatto importante. Non è stato un gioco e vedere il pubblico dell’Ariston applaudirmi è stato un bel momento - Cristina D’Avena

Ha ammesso la cantante bolognese, che ha poi raccontato l’iter di lavoro: “Questo progetto sembrava molto semplice all’inizio, ma in realtà poi non è stato così facile. Le mie sigle sono storiche e hanno un loro percorso che ancora oggi continua, abbracciando tante generazioni. Sono canzoni che cantano gli adulti, i ragazzi e i bambini. Quando abbiamo avuto l’idea di mettere in piedi questo album abbiamo dovuto innanzitutto scegliere la tracklist. E non è stato semplice: abbiamo selezionato sedici tracce ma io ne ho cantate ad oggi più di 750.”

Quali sono stati, quindi, i criteri di selezione?
Abbiamo cercato di inserire brani storici, sacrificandone purtroppo tanti altri. Devo dire che siamo riusciti a creare una scaletta iniziale nostra, ma coinvolgendo, poi, gli artisti, qualcuno di loro ha chiesto di duettare su altre canzoni. E così abbiamo modificato le scelte iniziali arrivando ala risultato finale che ascoltate in Duets.

Quali brani per te importanti mancano all’appello?
Beh, mancano Denver, Rossana, Batman... ne mancano!

In questo lavoro ci sono tanti artisti giovani, come li hai scelti e in che modo li hai contattati?
Ho scelto gli artisti che mi piace ascoltare e li ho chiamati quasi tutti personalmente, alcuni anche contattandoli su Twitter. Credo che serva anzitutto la voglia di cantare un pezzo dei cartoni animati; per questo è nato un progetto, secondo me, gioioso, legato al l’infanzia ma molto attuale grazie anche agli arrangiamenti curati da produttori importanti.

Ci siamo divertiti rispettando l’anima di ogni pezzo ma dandogli una veste un po’ diversa.

A proposito di arrangiamenti ci sono abiti musicali molto variegati: dal pop, al rap, al reggaeton. Come hai proceduto?
Ogni canzone ha vestito anche un po’ l’artista che l’ha interpretata. Tutti i big che hanno partecipato mi hanno dato tanta gioia. Le mie sigle nascono con tanti arrangiatori diversi, per cui ciascuno di loro ha una propria caratteristica. Per questo motivo abbiamo deciso di affidare anche questo album a vari produttori perché, secondo me, i brani hanno tante personalità diverse che un solo producer non avrebbe dato loro. Ci è sembrato più giusto così.

Duets - Tutti cantano CristinaHDLuisa Carcavale

Benji & Fede, Alessio Bernabei, Annalisa, Emma, La Rua, Chiara, J-Ax, Noemi si sono messi in gioco con te in questo lavoro: con chi altri ti sarebbe piaciuto duettare?
Certamente avrei voluto qualche altro artista che non sono riuscita, purtroppo, a contattare. Avrei voluto, per esempio, Jovanotti perché lo adoro e sono convinta che ci sia qualcosa che ci accomuni. Poi, Marco Mengoni che, a progetto finito, ho incontrato in un bar a Milano: lui ha già, però, una sua canzone del cuore che, se mai dovessimo fare un Duets 2, canterà con me. Sarà fortissimo!

Poi anche Laura Pausini che però era impegnata e non ha potuto cantare con me; e poi mi sarebbe piaciuto anche cantare con Il Volo. Quello che vorrei dimostrare è che la mia musica la possono cantare tutti, dai rapper ai cantanti pop fino ai tenori! Tra gli stranieri ti direi Alvaro Soler: sembrava fatta e invece poi non è andata così.

Questo lavoro mi ha fatto capire che c’è tanta voglia di cantare le sigle dei cartoni per tornare, ogni tanto, bimbi e rifugiarci fuori da questo mondo - Cristina D’Avena

Durante la tua carriera, il fatto di cantare le sigle dei cartoni animati lo hai mai avvertito come causa di pregiudizi?
Io come Cristina D’Avena cantante sono legata alle canzoncine dei cartoni. All’inizio mi dicevano: ma che genere è? Musica per bambini, rispondevano, e va benissimo, ci sta. Però, mi sono sempre chiesta perché non dire che sono una cantante che canta canzoni. Per me hanno scritto i Matia Bazar, Fasano e Massimiliano Pani; le mie sigle sono musica, sono canzoni. E questo, in fondo, mi è sempre dispiaciuto, soprattutto da piccola. Ora l’approccio è diverso: faccio tante cose e forse c’è anche una percezione diversa.

Duets - Cristina D'AvenaHDLuisa Carcavale

Beh, è cambiata anche la tv in questi anni...
Sì, la televisione è cambiata e mi dispiace. Secondo me oggi c’è molta meno attenzione al pubblico più giovane. Noi eravamo molto concentrati sui più piccoli mentre oggi le TV sono spalmate e l’utente, di fronte a tanta offerta, fatica a concentrarsi sul singolo cartone, la sua sigla, i suoi personaggi. Prima c’era un contenitore per i bambini: oggi siamo più social ma secondo me si comunica in maniera diversa. È una comunicazione, anche per internet e i social, che ha perso l’individualità.

Ma i bambini sono cambiati?
Sì, anche loro sono cambiati, ovviamente, però secondo me, anche tra mille alternative, quando guardi un cartone e ti piace, la sigla alla fine te la canti! Sono pur sempre bambini!

E tu, invece, non ti stanchi mai di cantare le tue canzoni?
Non mi sono ancora stancata di fare quello che faccio. È la mia vita. Potrei cantare anche altro ma non abbandonerei mai questo lavoro. Magari potrei fare, perché no, un album di inediti o di cover.

Tra ciò che ti auguri per questo progetto c’è anche una dimensione live?
Sarebbe bello fare un concerto con tutti gli ospiti. Mi piacerebbe moltissimo perché credo che sarebbe emozionate e ricco di tanti contenuti.

Mi piacerebbe chiedere al mio pubblico che cosa prova, che cosa sente, quando ascolta o canta le mie canzoni.

Duets – Tutti cantano Cristina: la tracklist e gli instore

Ecco la tracklist ufficiale di Duets e tutte le collaborazioni:

  1. Pollon, Pollon combinaguai (feat. J-Ax)
  2. Nanà Supergirl (feat. Giusy Ferreri)
  3. L’incantevole Creamy (feat. Francesca Michielin)
  4. Occhi di gatto (feat. Loredana Bertè)
  5. Kiss me Licia (feat. Baby K)
  6. Magica, magica Emi (feat. Arisa)
  7. Mila e Shiro due cuori nella pallavolo (feat. Annalisa)
  8. Jem (feat. Emma)
  9. I Puffi sanno (feat. Michele Bravi)
  10. Siamo fatti così (feat. Elio)
  11. E’ quasi magia, Johnny! (feat. La Rua)
  12. Una spada per Lady Oscar (feat. Noemi)
  13. Che campioni Holly e Benji (feat. Benji & Fede)
  14. Sailor Moon (feat. Chiara)
  15. Piccoli problemi di cuore (feat. Ermal Meta)
  16. All’arrembaggio! (feat. Alessio Bernabei)

In occasione della pubblicazione dell’album Duets, Cristina D’Avena incontrerà i fan negli store delle principali città italiane. Questo il calendario:

  • Venerdì 10 novembre – Milano, Mondadori Duomo h. 18,30
  • Sabato 11 novembre – Torino, Outlet Village h.18.00
  • Domenica 12 novembre – Bellinzago Lombardo, Unieuro cc La corte Lombarda h.14.30
  • Lunedì 13 novembre – Marghera, MediaWorld CC Nave de Vero h. 17.00
  • Martedì 14 novembre – Firenze, Hard Rock Caffè h.18.30
  • Mercoledì 15 novembre – Roma, Discoteca Laziale h.18.00
  • Giovedì 16 novembre – Bologna, Feltrinelli Piazza Ravegnana h.18.00.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.