Stai leggendo: Tutte le novità della scuola 3.0: ecco cosa è cambiato nelle classi

Prossimo articolo: Relazioni: rifarsi una vita dopo il divorzio allontana i figli

Letto: {{progress}}

Tutte le novità della scuola 3.0: ecco cosa è cambiato nelle classi

Quali sono le novità della scuola 3.0? In cosa la didattica del XXI secolo si differisce da quella del passato? Ecco cinque novità (più o meno recenti) che stanno traghettando il sistema-scuola verso le nuove generazioni.

Novità nella scuola

5 condivisioni 0 commenti

Traghettare la scuola nel XXI secolo, farla diventare specchio della società, renderla riconoscibile e fruibile dalle nuove generazioni: queste sono le sfide della scuola di oggi che tanto si differenzia da quella del passato.

Ecco quindi cinque novità della scuola (più o meno recenti) che stanno contribuendo a far diventare le classi luogo di accoglienza, ricerca della professionalità, curiosità nei confronti delle differenze e comunicazione integrata.

Multimedialità: l’esigenza della scuola 3.0

La svolta delle nuove generazioni verso l’utilizzo massivo di pc, smartphone e tablet ha portato il sistema-scuola a dover tentare nuovi canali di apprendimento. E, in sostanza, nuovi canali di comunicazione tra insegnanti ed allievi.

La multimedialità già negli ultimi anni è dunque entrata prepotentemente nelle classi con l’ausilio delle lavagne LIM che hanno contribuito a traghettare la scuola fatta di carta e gessetti verso le nuove generazioni digitali.

Le lavagne interattive multimediali sono state progettate per entrare nelle classi senza che siano percepite come qualcosa di esterno: sono a tutti gli effetti un supporto per le attività didattiche in grado di integrare il concetto classico di lavagna con un linguaggio attuale e multimediale fatto - oltre che di parole - di suoni, immagini e video.

Inoltre, molti sostengono che l’uso della LIM possa avvicinarsi maggiormente a tutti quegli alunni con bisogni educativi speciali che non riescono a trovare stimoli e supporto nella didattica tradizionale.

Tablet nella scuola, le Aule 3.0Shutterstock

E c’è di più: le nuove classi si stanno evolvendo verso la ricerca di Aule 3.0 che prevedono interazione degli studenti in tempo reale grazie all’ausilio dei tablet.

È la stessa ministra dell’istruzione Valeria Fedeli a dichiarare:

Se lasci un ragazzo solo con un tablet in mano è probabile che non impari nulla, che s’imbatta in fake news e scopra il cyberbullismo. Questo vale anche a casa. Se guidato da un insegnante preparato, e da genitori consapevoli, quel ragazzo può imparare cose importanti attraverso un media che gli è familiare: internet. Quello che autorizzeremo non sarà un telefono con cui gli studenti si faranno i fatti loro, sarà un nuovo strumento didattico.

Inclusione: il bisogno della società attuale

Una scuola specchio di una società diversa per molti aspetti rispetto a quella del passato non può prescindere dall’evolversi verso una didattica definita “inclusiva”.

Con didattica inclusiva si intende un processo formativo rivolto a tutti gli alunni in modo tale che ciascuno possa esprimere le proprie potenzialità. La finalità è quella dell’integrazione e del confronto, della partecipazione e del sostegno.

Quindi, una classe inclusiva è a tutti gli effetti un gruppo eterogeneo che cerca di muovere i primi passi verso l'accoglienza.

Ed ecco che bambini e ragazzi impareranno a trarre profitto dalla relazione con alunni dai bisogni educativi speciali (BES), con disturbi specifici dell’apprendimento (DSA), con stranieri e diversamente abili. Una classe che agli occhi senza malizia dei bambini appare come eterogenea, colma di curiosità, interessante e stimolante.

Didattica inclusivaShutterstock

Ci saranno per tutti gli alunni – se in classe è presente un bambino non udente – recite di fine anno dove le canzoni cantate saranno anche “segnate” in LIS; ci saranno video in slow motion di fiori che sbocciano e cellule che si dividono nel corso della lezione di scienze; ci saranno parole straniere che si mescoleranno all’italiano.

Mensa: ad ognuno il suo cibo

Da un rapporto di Save The Children emerge che in Italia oltre due milioni di bambini e ragazzi sotto i 14 anni usufruiscono del servizio mensa: un numero in continua ascesa che pone sempre più l’attenzione sulle diete etico-religiose.

Ma cosa sono? E c’è davvero bisogno che siano rispettate? Certo che si: la presenza di bambini celiaci o musulmani, vegetariani o intolleranti al lattosio (solo per citare alcuni esempi) ha fatto che sì che i servizi-mensa di molte città proponessero agli alunni oltre 15 menu: senza carne suina, senza carne bovina e suina, senza carne (ma con pesce), senza alimenti di origine animale (vegana), senza carne e pesce (vegetariana), per celiaci, intolleranti al lattosio e con allergie alimentari (come uova e crostacei)...

Le realtà multiculturale, le esigenze sanitarie o le pratiche etiche degli alunni devono essere seguite ed incoraggiate: la mensa così può arrivare a rappresentare un forte veicolo di inclusione.

A differenza che in passato, il fatto che i menu siano quasi per la totalità dei casi commissionati a ditte esterne di professionisti rende possibile una reale scelta, senza incorrere nel rischio digiuno.

Alternanza scuola-lavoro: nuovi professionisti cercasi

I due mondi sembrano unirsi, poco per volta: diversamente dal passato, quando lavoro e scuola rappresentavano due mondi diversi ed inconciliabili, oggi tendono ad unirsi.

L’alternanza scuola-lavoro, infatti, è uno dei cardini della Buona Scuola. Nello specifico si parla di almeno 400 ore nell’ultimo triennio dei tecnici e dei professionali e 200 in quello dei licei dedicate a stage e tirocini presso aziende, enti pubblici o musei – sia d’inverno che durante l’estate.

Docenti: formati, aggiornati e organizzatori

Inoltre, tra i dettami della Buona Scuola c’è quello di riabilitare il ruolo del docente. Non solo la formazione in servizio diventa obbligatoria ma ogni insegnante avrà anche a disposizione un voucher di 500 euro all’anno da utilizzare per l’aggiornamento professionale attraverso l’acquisto di libri, testi, strumenti digitali, ingressi a mostre ed eventi culturali, acquisto di hardware e software e iscrizione a master e corsi post-lauream.

Ma la scuola, infine, non si rinnova solo grazie a LIM, menù dedicati e possibilità di stage; ciò che rende moderna e aggiornato il sistema-scuola sono gli insegnanti. Solo docenti realmente motivati e formati adeguatamente possono portare tra i banchi la voglia di imparare, di mettersi in gioco, di crescere.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.