Stai leggendo: Walking Meeting: cos'è e perché cambierà per sempre il tuo modo di lavorare

Prossimo articolo: Roselinde Torres: ecco cosa ti serve per essere una grande leader

Letto: {{progress}}

Walking Meeting: cos'è e perché cambierà per sempre il tuo modo di lavorare

Nilofer Merchant, autrice rivoluzionaria e campionessa di trasformazione di “wild ideas” in nuove realtà, durante uno dei suoi interventi al TED Talks, ha proposto un nuovo modo di approcciare alle riunioni: camminare!

Nilofer Merchant promuove l'efficacia dei walking meetings

1 condivisione 0 commenti

Chi l’ha detto che gli incontri di lavoro devono avvenire sempre intorno a un tavolo, comodamente seduti? A mettere in discussione la solita modalità dei meeting è Nilofer Merchant, affermata dirigente nel mondo dell’ hi-tech da 25 anni e scrittrice di best-seller sulle strategie innovative, che durante un suo TED Talks ha lanciato una proposta creativa, divertente e salutare: fare riunioni passeggiando.

Secondo Merchant, di solito passiamo circa 9,3 ore della nostra giornata stando seduti. Più di quanto dormiamo, circa 7,7 ore. Ci sediamo ovunque: davanti al computer, mentre guardiamo la tv o leggiamo un libro, sui mezzi di trasporto. E’ diventata un’abitudine talmente comune, che neanche ci domandiamo più perché lo facciamo. Una convenzione così incredibilmente diffusa e condivisa, da non essere mai messa in discussione. Eppure dovremmo farlo, come sottolinea la stessa Nilofer, soprattutto per il nostro benessere.

“Stare seduti è una dipendenza passiva come il fumo per la nostra generazione. Naturalmente questo ha conseguenze per la salute, conseguenze allarmanti, non solo per il giro vita. Il problema è che il cancro al seno o al colon sono direttamente legati alla mancanza di attività fisica. Di fatto il 10% per entrambi. Il 6% per le malattie cardiache, il 7% per il diabete di tipo 2, che ha causato la morte di mio padre. Queste statistiche dovrebbero convincere ciascuno di noi ad alzarsi di più dalla sedia”

Alzati e cammina, anche durante una riunione

E’ questo il suggerimento rivoluzionario di Nilofer, che lei stessa ha sperimentato, e continua a farlo, con successo. Lo stimolo a vedere che esistevano altre soluzioni per un incontro di lavoro è arrivato grazie a un suo contatto professionale. Era stata invitata a una riunione, ma non riuscivano a farla nella classica sala delle conferenze. Per trovare una soluzione, il suo collega le ha detto: “Domani devo portare a spasso il cane, puoi venire con me e parliamo?” E’ così che ha preso l’idea e l’ha fatta sua. Certo può sembrare strano e bizzarro, ma può migliorati la vita, sia in termini di salute che di produttività.

Invece di fare colazioni di lavoro o incontrarsi in sale conferenza con lampade a fluorescenza, ora chiedo alle persone di vederci e di passeggiare assieme, che equivalgono a 30 o 50 km a settimana. E questo mi ha cambiato la vita”

Anche i leader preferiscono i “Walk ‘n’ Talk”

Tra i fan del fare riunioni in piedi ci sono personaggi che hanno cambiato la storia. Come Steve Jobs, cofondatore della Apple, Mark Zuckerberg, il papà di Facebook, Jack Dorsey, inventore di Twitter, e Barack Obama, ex presidente degli Stati Uniti, quest’ultimo spesso immortalato mentre camminava con il suo staff o con altri capi di stato, come Angela Merkel. Ma la lista non finisce qui, perché già secoli fa filosofi come Aristotele e Socrate amavano pensare mentre passeggiavano con i propri discepoli, discutendo con loro e incoraggiandoli a tirar fuori nuove idee.

Barack Obama ama fare riunione camminando. Eccolo con Angela MerkelHD

I benefici dei walking meetings

Oltre a quelli relativi al benessere fisico – fa bene alla cuore e alla circolazione, migliora la respirazione, tiene sotto controllo il colesterolo, ti fa restare in forma ed elimina lo stress – fare una riunione dinamica, passeggiando e dialogando, ti rende anche più creativa, perché attiva il pensiero laterale e fa sorgere idee inusuali e straordinarie.

Secondo una ricerca della Washington University, pubblicata sulla rivista Social Psycological and Personality Science, le riunioni fatte in piedi durano un terzo rispetto a quelle svolte intorno a un tavolo, perché si è più concentrati e vigili, oltre che maggiormente propensi a condividere le proprie idee. Sembra che l’”eccitazione fisiologica” dovuta allo stare in piedi, stimoli la genialità, la produttività e la collaborazione, rendendo gli incontri di lavoro più fruttosi ed efficaci.

A confermare questi dati è anche uno studio della Standford University: fare meeting camminando incrementa del 60% in più la creatività, rispetto a quando si è seduti.

Ma i vantaggi non finiscono qui. Il walking meeting rafforza lo spirito di squadra, abbatte le formalità e migliora la comunicazione, motivando tutti a trovare soluzioni mirate e ha porsi obiettivi comuni. Gli esperti consigliano di farli durare meno di un’ora, per non stancarsi troppo e deconcentrarsi, di indossare vestirsi comodi, per sentirsi a proprio agio, e di coinvolgere non tante persone, indicativamente tre, per discutere facilmente.

E quando c’è brutto tempo e non si può stare all’aria aperta? Si possono sempre fare assieme delle mini passeggiate in ufficio, nella sala riunioni ad esempio, di pochi minuti, per impostare l’agenda e attivare il cervello.

Ora non ti resta che provare e vedere gli effetti positivi che una passeggiata lavorativa può dare alla tua carriera. Perché come consiglia Merchant, in conclusione del suo intervento al TED:

Nilofer Merchant crede nell'efficacia del fare riunioni camminandoHD

“Cammina e discuti. Sarai sorpresa da come l’aria fresca porti a una freschezza di pensiero, e nel farlo porterai nella tua vite un set di idee completamente nuovo”

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.