Stai leggendo: Sharon Stone: la forza dell'attrice risorta dopo un ictus

Prossimo articolo: A Roma la 4a edizione della Celebrity Fight Night: Sharon Stone e gli altri ospiti

Letto: {{progress}}

Sharon Stone: la forza dell'attrice risorta dopo un ictus

Sharon Stone ha presieduto una conferenza della Women's Brain Health Initiative, nel corso della quale ha raccontato il drammatico episodio che ha cambiato la sua vita e gli sforzi per riprendere il controllo della sua vita.

Sharon Stone con occhiali e abito nero

2 condivisioni 0 commenti

Durante una conferenza di promozione della Women's Brain Health Initiative a Beverly Hills, l’attrice Sharon Stone ha fatto da moderatrice ad una ampia discussione cui hanno preso parte anche Melanie Griffith, la produttrice Paula Wagner, la fondatrice del marchio Jimmy Choo Tamara Mellon, l’esperta di moda e produttrice Crystal Lourd e la dottoressa Pauline Maki della University of Illinois di Chicago, esperta di salute del cervello. In oltre un’ora di discussione sono stati toccati molti argomenti, dai disturbi del cervello alle relazioni intime all’attualità.

Stando al resoconto di Chris Gardner per l’Hollywood Reporter, tutto il pubblico (nel quale erano presenti molte persone famose) pendeva dalle labbra dell’attrice, che ha dato molto da pensare a ciascuno degli spettatori quando ha raccontato i dettagli dello straziante percorso di riabilitazione che ha seguito dopo l’ictus del 2001.

Ho avuto questo ictus per cui un momento stavo in piedi dietro il divano ed il momento dopo ero rovesciata sul tavolino oltre il divano, in mezzo ad un improvviso scompiglio.

L’evento ha avuto luogo nell’autunno di 16 anni fa, e l’attrice l’ha paragonato a quelle scene dei film in cui si vede Zeus che colpisce qualcuno con i fulmini, facendolo volare: "Mi sono sentita un po’ come se fossi stata colpita da quel fulmine. Non so per quanto tempo sia rimasta sul pavimento. Sono passati tre giorni prima che qualcuno mi portasse all’ospedale.

Sharon Stone ospite d'onore di un evento a Beverly HillsHDgetty
Sharon Stone nella serata dedicata a lei da Haute Living ed Hublot

Una volta giunta in ospedale, la Stone si è battuta per evitare un’operazione che indagasse lo stato del suo cervello, ed ha anche lottato contro un dottore che voleva vendere la sua storia alla rivista People. Ma non è tutto. L'attrice ha infatti anche raccontato di essere stata accusata di fingere sintomi inesistenti: "Dopo sei giorni in ospedale, mi stavano per mandare a casa perché credevano che stessi recitando. Mi succede spesso". Eppure Sharon Stone aveva avuto una grave emorragia cerebrale ed un ictus, che le ha lasciato un problema per cui si trova ad avere crisi epilettiche che deve trattare con farmaci. Le cose non sono andate meglio dopo l'ictus, in quei lunghi anni della guarigione in cui l'attrice ha visto "scivolare via dalla sua vita tante cose".

Avevo perso il mio matrimonio, la custodia di mio figlio, il mio posto nell’industria cinematografica, ho perso anche tutti i miei soldi perché pagavo un sacco di cose diverse.

Sharon Stone di profiloHDGetty

La star di Basic Instinct, una diva oggetto delle fantasie di tutto il mondo si era insomma ritrovata all’improvviso a tirare avanti a fatica.

So cosa significa essere in vetta, al top nel tuo campo e ritrovarsi catapultata nell’oblio. Perlopiù è stato dovuto al fatto che nessuno riusciva a guardarmi e capire che stavo avendo un’emorragia cerebrale.

Ma oggi l’attrice ha recuperato molto della sua vita e tiene i piedi ben piantati a terra; ha di nuovo la custodia del figlio, ha riscattato la casa e qualche mese fa ha riassunto manager e agenti. Sa di avercela fatta ma "non è affatto possibile dire il percorso sia stato facile o semplice". Quando poi è uscita dalla galleria insieme al reporter Chris Gardner, l’attrice ha spiegato un’ultima volta come sia riuscita ad andare avanti quando tutta la sua vita è finita sottosopra, usando un’efficace analogia.

Bisogna trovare la volontà di non aggrapparsi alla vita che facevi prima. Devi dire addio a quella riva e capire che dovrai nuotare attraverso un grande oceano. A volte nuoti così a lungo da finire per pensare che non farai mai altro che nuotare, poi un giorno tutto cambia, sei in piedi su una nuova riva e non sai nemmeno come sia potuto succedere perché ti eri concentrata così tanto sul fatto di nuotare.

Tamara Mellon, Crystal Lourd, Melanie Griffith, Sharon Stone, Paula Wagner, Dr. Pauline Maki e Lynn Posluns alla Gagosian GalleryHDCourtesy of John Salangsang/BFA.com
Tamara Mellon, Crystal Lourd, Melanie Griffith, Sharon Stone, Paula Wagner, Dr. Pauline Maki Lynn Posluns all'evento della Women's Brain Health Initiative

Con queste parole la splendida Sharon Stone si è allontanata dal reporter, infilandosi con un sorriso in un’auto elegante che l’aspettava all’uscita della Gagosian Gallery, tra i flash dei paparazzi: un’immagine che meglio di ogni altra simboleggia l’avvenuta riconquista di un posto sotto ai riflettori, ma senza la superficialità di prima: siamo certi che ora l’attrice abbia piena consapevolezza di cosa significhi non solo essere un volto famoso, ma anche - e soprattutto - poter far ascoltare la propria voce.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.