Stai leggendo: Buon compleanno Monica Vitti: l'omaggio a un'icona

Prossimo articolo: Cate Blanchette: al cinema in Manifesto fa 13 personaggi in un film

Letto: {{progress}}

Buon compleanno Monica Vitti: l'omaggio a un'icona

Monica Vitti il 3 novembre spegne 86 candeline, ma non festeggerà pubblicamente a causa della sua malattia. Ecco un omaggio al suo mito.

Monica Vitti a Venezia

15 condivisioni 4 commenti

Buon compleanno Monica Vitti!

L'attrice italiana compie 86 anni il 3 novembre ma non potrà festeggiare (almeno pubblicamente) a causa della sua malattia. La star si è ritirata dalle scene da tempo a causa di una patologia degenerativa che ha compromesso la sua vita quotidiana e le impedisce addirittura di parlare. L'ultima volta che Monica Vitti si è mostrata in pubblico nel 2002, quando ha rilasciato anche la sua ultima intervista. L'attrice era in giro con il marito Roberto Russo per le strade della sua Roma, dov'è nata il 3 novembre 1931.

Anche se Monica vive confinata in una clinica, il suo compleanno è un'occasione perfetta per ricordare il suo mito, intramontabile.

Formazione teatrale e Musa dell'incomunicabilità

Monica Vitti in Deserto rossoRetrografix
Monica Vitti e le donne dell'incomunicabilità

Monica Vitti ha sempre ha avuto una grande passione per il teatro e si è diplomata alla Scuola d'Arte Drammatica diretta da Silvio D'Amico. La formazione teatrale l'ha resa un'attrice calibrata, istrionica e dal grande talento. Dopo diversi anni sul palcoscenico, dove ha portato avanti la propria gavetta soprattutto sui testi drammaturgici di Shakespeare e Molière, la Vitti (dopo aver cambiato il proprio cognome) ha fatto il grande salto nel mondo del cinema.

Sanguigna, brillante e vivace, Monica non aveva paura di esprimere la propria opinione: festaiola e compagnona, era nota anche per qualche saltuaria sfuriata sul set.

Il suo mito è legato anche e soprattutto a un grande maestro come Michelangelo Antonioni, che la scelse come propria musa nella trilogia dell'incomunicabilità (L'avventura - La notte - L'eclisse). Monica Vitti riesce a trasfigurarsi nei personaggi controversi, tormentati e silenziosi dell'universo antinarrativo del celebre regista.

Con Antonioni la Vitti ebbe anche una tormentosa relazione sentimentale.

Regina della commedia brillante

Monica Vitti allo specchioSilent and Talks
Il talento comico di Monica Vitti

Dopo la fase con Antonioni, Monica Vitti interpretò svariate commedie. Fu diretta da Monicelli ne La ragazza con la pistola, che consacrò il suo mito di donna forte e determinata, ma dotata anche di una straordinaria vis comica. La Vitti ha regnato nel periodo cinematografico della commedia all'italiana, dove incontrò e recitò con mostri sacri come Alberto Sordi, Nino Manfredi, Ugo Tognazzi, Vittorio Gassman e Marcello Mastroianni.

Lavorò anche con Ettore Scola (Il dramma della gelosia), con Luciano Salce (L'anatra all'arancia), con Vittorio De Sica (Le coppie) e con Luis Buñuel (Il fantasma della libertà).

Monica Vitti si considerava "bruttina": non aveva i lineamenti classici, i produttori volevano che si rifacesse il naso (consiglio che lei non ha mai messo in pratica) e aveva una voce tuonante, ma non ha mai giocato sui difetti fisici per far ridere il pubblico, come spesso è avvenuto nella tradizione della commedia all'italiana e non solo. Monica Vitti era molto affascinante e corteggiata ed è stata la sua forte personalità a renderla un'icona.

Nel tempo libero la Vitti si divertiva a fare da Cupido: come raccontò lo stesso Costanzo, l'attrice fece il tifo per la sua storia con Maria De Filippi.

Tanti auguri Monica.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.