Stai leggendo: Giorgia Wurth e il suo debutto al cinema con la storia di Sandra Milo

Prossimo articolo: Cate Blanchette: al cinema in Manifesto fa 13 personaggi in un film

Letto: {{progress}}

Giorgia Wurth e il suo debutto al cinema con la storia di Sandra Milo

L'attrice e scrittrice Giorgia Wurth debutta come regista alla Festa di Roma con il documentario Salvatrice.

Giorgia Wurth durante un evento

2 condivisioni 0 commenti

L'attrice e scrittrice Giorgia Wurth debutta alla regia con Salvatrice. Sandra Milo si racconta, documentario che verrà presentato in anteprima alla Festa del Cinema di Roma sabato 4 novembre.

Quello che vedremo sul grande schermo è il ritratto di Salvatrice Elena Greco, nata a Tunisi nel 1933 e diventata poi (con il nome d'arte Sandra Milo) una delle attrici e conduttrici più amate in Italia, non solo dal pubblico ma anche da grandi maestri come Federico Fellini.

Sandra Milo nel documentario Salvatrice di Giorgia Wurth

Giorgia e Sandra si sono conosciute grazie al palcoscenico, portando in scena la commedia 100mq e tra di loro è nato subito un certo feeling, non solo professionale ma anche umano.

Da qui il desiderio di mettersi dietro la macchina da presa, per la prima volta, per raccontare la sua storia:

Lo scopo è di condividere questo regalo che la vita mi ha fatto. Per consentire, a chi lo vorrà, di conoscerla davvero, di ridere e di commuoversi ascoltando i suoi racconti e chissà, di lasciarsi un po’ contaminare dal suo modo leggero di prendere la vita che, in fondo, è sempre e soltanto oggi.

Si arricchisce così il curriculum di Giorgia, attrice di cinema e tv, che ha all'attivo anche due libri (Tutta da rifare e L'accarezzatrice) ben accolti sia da critica che da pubblico.

❤ho le farfalle nella pancia❤

A post shared by Giorgia Wurth (@giorgiawurth) on

Questo tra l'altro è un periodo particolarmente felice per lei, anche sul fronte privato: ha infatti annunciato, attraverso il suo profilo Instagram, di essere in dolce attesa.

Pare che siano due gemelli (un maschio e una femmina) e che la nascita sia prevista tra la fine di dicembre e l'inizio di gennaio.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.