Stai leggendo: Grey’s Anatomy 14x03: Recensione Vai alla grande o vai a casa

Prossimo articolo: Grey’s Anatomy 14x02: Recensione Distratti dal dolore

Letto: {{progress}}

Grey’s Anatomy 14x03: Recensione Vai alla grande o vai a casa

Le paure di Amelia e la rabbia di Meredith al centro della terza puntata di Grey’s Anatomy 14 dal titolo Vai alla grande o vai a casa.

0 condivisioni 0 commenti

“I medici non sono degli dèi”: è con queste parole che la consueta voce narrante di Meredith apre il terzo episodio di Grey’s Anatomy 14 tutto incentrato sulle fragilità dei medici di Seattle.

La puntata riprende la narrazione a una settimana precisa dalla scoperta che Amelia è affetta da un tumore, fortunatamente benigno, al cervello.

La dottoressa Shepherd non ha parlato con nessuno, se non con Andrew presente durante “la tac della verità”, di quello che le sta accadendo e ha deciso di farsi curare dal suo mentore, il presuntuoso primario della Hopkins, Jack Koracick, interpretato dall’attesa guest star Greg German.

Koracick ci chiarisce subito che Amelia è malata da tempo, cosa che immediatamente fa mettere in discussione tutte le decisioni mediche prese dalla neurochirurga:

La tua parte di cervello che serve a pianificare è compromessa… non sei sana di mente e non lo sei da anni.

La morte di nonno Avery

Una scena di Grey's Anatomy 14ABC

Mentre Amelia trova conforto nel sostegno di Richard il quale le sottolinea, dati alla mano, che nell’ultimo decennio ha fatto un lavoro impeccabile sui suoi pazienti, anche migliore dell’apparentemente inarrivabile mago della neurochirurgia Derek, Miranda si ritrova alle prese con Harper Avery, il capo della fondazione che dà sostanziosi fondi al Grey Sloan Memorial, nonché l’anaffettivo nonno di Jackson.

Harper non è affatto contento dell’operato della Bailey in quanto crede che la dottoressa in veste di capo abbia sperperato i suoi soldi per la ristrutturazione dell’ospedale e una serie di operazioni pro-bono, in primis quella di Megan Hunt, e dopo un duro scontro con lei decide di continuare a mantenere l’ospedale per poi licenziarla:

È questo il problema con le donne al vertice: diventa sempre tutto una questione personale.

La decisione di nonno Avery, però, è messa subito in discussione dall’improvvisa morte dell’uomo che viene presa con grande sollievo, e ironia, dalla sua famiglia e soprattutto da Miranda.

La catarsi dopo la tempesta

Fin dai primi minuti dell'episodio, vediamo che Meredith non riesce a gestire il suo cattivo umore di cui non comprende la reale la matrice. A fare chiarezza la aiuta, fortunatamente per noi e per i tanti coinquilini di casa Grey, il suo psichiatra Walter Carr, ricoverato per un problema al cuore. Carr è lo stesso uomo che, pur portando ancora la fede al dito della defunta moglie, è riuscito a convincere l'oscura vedova Grey a lasciarsi andare tra le braccia di Nathan:

Insegniamo meglio quello che dobbiamo ancora imparare.

Dopo una lunga chiacchierata con il suo medico dell’anima, infatti, anche stavolta la nostra eroina riesce a esprimere le sue emozioni e a spiegare a Riggs il motivo dell’astio che prova nei suoi confronti:

Tu hai ottenuto un dono che io non riceverò mai e lo stai sprecando. Lo stai gettando all’aria. Avevamo lo stesso sogno e non lottando per Meg stai tradendo anche me.

Finali lieti

Owen e Amelia in una scena di Grey's Anatomy 14x03ABC

Con le sue parole la protagonista di Grey’s Anatomy sembra aver spinto una volta e per tutte Riggs tra le braccia della sopravvissuta Megan, tentando di vivere attraverso la sua possibile felicità la gioia immensa di avere il privilegio di poter guardare da spettatrice cosa accade quando l’amore sconfigge la morte.

Proprio durante la catarsi di Meredith, Amelia decide di lasciarsi amare facendo sì che tutte le persone a lei care vengano a conoscenza del suo tumore e aprendo la possibilità a quello che sembra essere un nuovo inizio per il suo matrimonio con Owen.

E sul finale di questo impeccabile episodio, ad allietarci arriva pure la decisione di Jo che abbassa completamente le difese con Alex. Prendendo spunto da un giovane paziente che ha rischiato la vita pur di portare al ballo la ragazza dei suoi sogni, la Wilson, con l'ausilio di un cartellone, fuori dall’ospedale chiede a Karev:

Torna a casa!

Anche il terzo episodio Grey’s Anatomy 14, tra sorrisi e lacrime, sembra assicurarci che in questa stagione ogni dramma, ogni lutto, ogni addio, seppur doloroso, avrà come scopo quello di regalare una nuova speranza.

La quarta puntata di Grey’s Anatomy 14 andrà in onda in esclusiva su FoxLife lunedì 6 novembre.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.