Stai leggendo: Wafrica: la moda che fa incontrare culture diverse

Prossimo articolo: Gucci promette di non usare più pellicce dal 2018: sono obsolete

Letto: {{progress}}

Wafrica: la moda che fa incontrare culture diverse

L'armonia del Giappone incontra la magia dell'Africa: due designer hanno dato vita a Wafrica, collezione che unisce la struttura tradizionale del kimono giapponese a disegni e colori africani.

3 condivisioni 0 commenti

Chi è appassionato di kimono e di moda esotica può immaginarlo: c’è un collegamento fashion tra lo storico abito giapponese e l’abbigliamento tipico africano. Le forme squadrate dei kimoni in mood fiori, frutta e simboli nazionali incontrano con grazia e bellezza i colori sgargianti e i disegni a tema natura delle stampe africane, fondendo due culture estremamente diverse in artefatti modaioli dal sapore esotico e globalizzato. Intanto sono quasi due anni che la febbre per i kimoni è esplosa in Occidente, proponendo splendide giacche-kimono alternate a bomber di seta con ricami e motivi orientaleggianti. Se a questo trend aggiungiamo motivi e stili africani, otteniamo kimoni ibridi e curiosi, come quelli della collezione Wafrica.

La moda punto d'incontro tra culture: la proposta di Wafrica

A riportare le caratteristiche della linea Wafrica è il sito Spoon & Tamago, specializzato nella commercializzazione di prodotti dal design giapponese. Il risultato di Wafrica è un cocktail inebriante tra diverse istanze culturali, diverse influenze, diversi colori e diversi approcci al fashion design.  Si è scoperto così che kimono e stili africani si sposano alla perfezione, come panna e cioccolato, e che quel legame concettuale tra le due culture poteva diventare concreto. Nella società globalizzata e melting pot, dove i codici culturali sono veicolati in modo istantaneo dai social network, Wafrica riesce a unire letteralmente due culture, perché è stata concepita da uno stilista originario del Camerun e da un disegnatore professionista di kimono, Serge Mouangue e Kururi. Mounangue ha spiegato il senso della sua idea, come riporta Spoon & Tamago. 

In risposta alla tesi sul fatto che la globalizzazione può spogliarci della nostra identità culturale, proponiamo una conversazione tra due culture antiche, forti e sofisticate: Giappone e Africa. 

Lo stilista ha raccontato anche il momento in cui un cliente ha indossato uno di questi kimono: "La sua reazione è stata spontanea: ‘Indosso un pezzo di patrimonio universale’."

Serge Mouangue e Kururi in un collageHDAfrostyle Mag, Kimono Now
I designer di Wafrica

Strutture pulite e disegni sgargianti: l’originalità fusion di Wafrica

Il cuore di Wafrica è l’innesto di disegni, forme e colori di stampo africano sulla struttura storica del kimono giapponese. Wafrica è una linea sorprendente, che parte da ciò che consideriamo familiare e usuale (il kimono come i disegni e i colori africani) e lo rimescola, creando qualcosa di nuovo. Scopriamo kimono concentrati sui colori blu acceso, giallo oro, rosso porpora e marrone acero, declinati in motivi tribali, forme geometriche e disegni di fiori e frutti tipici del continente africano.

Le modelle che indossano i capi Wafrica sono curiosamente sia africane che giapponesi e ciascuna immagine riflette l’autenticità e la bellezza a questi straordinari omaggi alla tradizione che incontra il progresso e l’apertura alle altre culture.

Che ne dite? Vi piacerebbe indossare un meraviglioso capo Wafrica?

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.