Stai leggendo: I 50 anni di Julia Roberts: l'evoluzione del suo stile dagli anni '80 a oggi

Prossimo articolo: Drew Barrymore lancia la sua linea easy-chic su Amazon Fashion

Letto: {{progress}}

I 50 anni di Julia Roberts: l'evoluzione del suo stile dagli anni '80 a oggi

Il sorriso più splendente di Hollywood compie 50 anni. Ecco l’evoluzione dello stile di Julia Roberts, sempre sobrio ed elegante, a volte con una preferenza per il maschile.

16 condivisioni 13 commenti

Julia Roberts si prepara a spegnere le sue prime 50 candeline con la naturalezza e la solarità che la contraddistinguono da sempre e, per nulla preoccupata dallo scorrere del tempo, si è dichiarata “curiosa di scoprire cosa l’aspetta nel futuro”.

Alla fine degli anni ’80 Julia Roberts era un’aspirante stella che passava da un provino all’altro tentando soap, piccoli ruoli, serie TV. Fu scartata ai casting di Santa Barbara, ma venne scelta come attrice protagonista della commedia Mystic Pizza.

Una Julia acqua e sapone alla conquista di Hollywood

Julia Roberts agli esordiHDColumbia Pictures
Casual e sbarazzina come in Mystic Pizza

All’epoca Julia era una ragazza dal look acqua e sapone, forte di una bellezza spontanea e di un sorriso luminoso. Da allora il suo guardaroba ha attraversato una trasformazione intensa ma lineare, che non è mai passata per eccessi o exploit kitsch esagerati ma ha sempre scelto la sobrietà e la classe come chiave di successo fashion.

C’è qualche foto sbiadita che ritrae Julia quando era una giovane studentessa che avrebbe voluto fare la giornalista. La riconosciamo per l’inconfondibile chioma fulva e indomabile, per la pelle chiara, il make up quasi assente, gli occhi nocciola.

Il casual sembra essere stato la chiave preferita della Roberts, almeno prima che diventasse una stella. Nelle foto anni ’80 la vediamo con i capelli leggermente gonfi e cotonati, giacche dalle spalle voluminose, t-shirt, jeans blu a vita alta, accessori sgargianti o etno-chic.

Sembra quasi che Julia Roberts non avesse bisogno di giocare sullo stile o il look per farsi notare: alla sua bellezza statuaria bastavano un paio di jeans e una maglietta, senza neanche scoprirsi troppo, per stregare tutti.

È difficile vederla agghindata e truccata agli esordi: il guardaroba di Julia era vasto e colorato, ma non particolarmente sofisticato o da fashion victim attenta alle tendenze.

Lo stile personale e lo splendore calibrato degli anni ‘90

Julia Roberts con Richard Gere in una scena di Pretty Woman
Favolosa come in Pretty Woman negli anni '90

Con Pretty Woman fu chiaro a tutti (a lei per prima) che Julia Roberts sarebbe diventata una stella.

Il sorriso contagioso, il fisico statuario e la naturalezza con cui ha dato un’anima alla prostituta Vivian, innamorata inaspettatamente un ricco cliente, hanno conquistato diverse generazioni rendendo il film un vero cult.

Nella commedia di Garry Marshall, Julia Roberts sfoggiava abiti favolosi con il portamento di una mannequin. Grazie a lei e alla travolgente colonna sonora, la scena dello shopping a Rodeo Drive è diventata una delle più amate della storia del cinema.

Nella vita privata Julia Roberts, travolta dal successo prima che potesse rendersene conto, ha mantenuto uno stile semplice e pulito ma più ricercato rispetto agli ’80 di maglioni casual e di capi street. 

Un suo vezzo molto amato dalla stampa e dai fan erano gli abiti di taglio maschile, che con il suo viso perfetto e la sfolgorante chioma rossa non facevano altro che aumentare la sua femminilità.

Ai Golden Globe del 1990 si presentò con un completo da uomo firmato Armani e poi replicò nel 1991 sempre ai Golden Globe con un abito gessato masculine che fece impazzire il pubblico.

Intanto Julia era sempre più famosa e gli stilisti facevano a gara per vestirla, affinché indossasse le loro creazioni.

Tra i fashion designer che idolatravano la Roberts come un’icona ci sono Valentino, Armani, Givenchy, Gucci, Saint Laurent.

Julia Roberts in completo da uomo ai Golden Globe 1990HD
L'amato stile menswear

La star cominciò a delineare uno stile che evitava le bucce di banana con classe e maestria: grande amante del nero, colore chic e sofisticato per eccellenza, ha sempre dosato i centimetri di pelle scoperta con eleganza.

Negli anni ’90 Julia Roberts s’impose con grande spontaneità come diva nel jet set hollywoodiano: tra i look più memorabili ci sono diversi abiti total black, sobri e chic, e il long dress rosa confetto, stretto e leggermente lucido, indossato alla première di Nemiche Amiche, dove ha utilizzato una stola di pelliccia fatta scivolare con nonchalance sulle spalle.

Alla première di Se scappi ti sposo si presentò invertendo i colori: abito lungo dal taglio regolare e stola rosa, abbinati a un semiraccolto che donava luce al suo viso.

Alla prima di Notting Hill Julia optò per un abitino rosso a sacchetto, lucido e leggermente brillantinato, portandolo con l’allure di una vera diva.

Quando non calcava red carpet e non incendiava le platee con il suo sorriso fatale, Julia Roberts non disdegnava girare con il suo amato casual, declinato nelle mode grunge, nella febbre del denim e nelle immancabili T-shirt bianche, che abbinate a una giacca scura e un paio di jeans confermavano in ogni modo la classe dell’attrice.

Il consolidamento classy degli '00 e '10

L'abito Valentino di Julia Roberts agli Oscar 2001
Eterea in Valentino agli Oscar 2001

Nel 2001 Julia Roberts vinse il suo primo Oscar per l'interpretazione in Erin Brockovich.

Valentino volle vestirla alla cerimonia dell’Academy e dichiarò di aver avuto un piacere immenso nel vedere con che grazia e disinvoltura Julia indossava la sua creazione.

La diva si presentò alla cerimonia con un abito nero dai bordini bianchi, sobrio e raffinato come quello di una principessa.

Il look fu accompagnato dagli sfolgoranti gioielli Van Cleef & Arpels e Julia fu acclamata all’unanimità.

Gli anni 2000 furono il decennio in cui Julia diventò mamma e consolidò la propria famiglia, mentre nel frattempo sua nipote Emma cominciava a recitare in serie e film per ragazzi.

La star riuscì a conciliare lavoro e vita privata: agli eventi mondani si presentava sempre splendente e perfetta, aggiungendo ai propri outfit brillantini, strass, perle, pietre luccicanti che non toglievano nulla alla sua eleganza essenziale.

Nel 2008 Julia Roberts si presentò al MET Gala con Armani indossando una creazione Armani Privé argentata e costellata di minuscoli brillantini: la star scintillava come una vera stella. 

Nel comparto fashion della diva sono entrati anche modelli più leziosi e femminili come gli abiti da sirena luccicante di Elie Saab, le creazioni spettacolari del libanese Zuhair Murad e qualche modello di stilisti emergenti.

Ma gli stilisti classici (Armani, Gucci, Valentino, Saint Laurent e Givenchy) continuano a essere i preferiti dalla Roberts.

Contemporaneamente Julia Roberts non perse mai di vista la predilezione per i look androgini e menswear, sfoggiando spesso outfit che ricordavano smoking e abiti da uomo.

La passione per le linee definite e l’eleganza minimal non uscì mai dal guardaroba della Roberts in 30 anni di carriera.

L’evoluzione della chioma di Julia Roberts

Julia Roberts mora, rossa e biondaHD
Julia Roberts ha cambiato diversi colori

Si può dire tutto di Julia Roberts tranne che non ami sperimentare con i colori e le acconciature: è stata rossa, castana, mora, bionda, color caramello, con i colpi di sole, con le sfumature chiaroscure. Ha provato il caschetto, i riccioli naturali, i boccoli definiti, il liscio preciso, le onde, la frangia, i raccolti.

Con un viso come quello di Julia, poche scelte non si sono rivelate vincenti.

Se dobbiamo ricostruire una storia tricologica della diva, possiamo dire che agli esordi era rossa, profondamente e completamente rossa, mentre nel corso dei ’90 ha sperimentato sia il biondo che le tonalità scure e, successivamente, dopo gli anni 2000, si è stabilizzata su un castano che alterna ciocche caramellate a schiariture molto naturali.

Anche gli hairstyle sono stati svariati: a eventi speciali si è spesso presentata con raccolti più o meno elaborati, decorati con gioielli, piccole tiare o punti luce.

L’abbiamo vista altrettanto spesso con capelli sciolti e sauvage o pettinati in modo più netto, con la riga in mezzo o laterale.

Sono sicuramente l’autenticità e la naturalezza le chiavi di successo di Julia Roberts, che ha attraversato 30 anni di carriera con una grazia invidiabile, senza troppi ritocchi estetici e con la tranquillità di attraversare la vita senza paura di crescere e cambiare.

Forse anche per questo Julia Roberts è stata eletta nel 2017 per la quinta volta la donna più bella del mondo dalla rivista People.

Julia Roberts in primo pianoPopSugar
Buon compleanno!

Buon compleanno Julia!

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.