Stai leggendo: Malika Ayane presenta lo spettacolo contro la violenza sulle donne Non solo 25...

Prossimo articolo: In scena al Duse il racconto dello stile di vita ispirazionale

Letto: {{progress}}

Malika Ayane presenta lo spettacolo contro la violenza sulle donne Non solo 25...

In vista della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, che si celebra nel mondo il prossimo 25 novembre, comici e cantanti saliranno sul palco con lo spettacolo Non solo 25... per dire NO ad ogni forma di abuso contro le donne.

Manifesto per la giornata mondiale contro la violenza sulle donne

17 condivisioni 0 commenti

Per celebrare la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, comici e cantanti si uniscono per una grande serata di spettacolo, cabaret e solidarietà a favore dell’associazione non profit Fare X bene onlus.

Il prossimo 16 novembre alle ore 21.00 al Teatro Nuovo di Milano di piazza San Babila, tutti insieme contro i soprusi, le molestie e ogni forma di violenza psicologia e fisica ai danni delle donne.

Locandina dello spettacolo

Lo spettacolo nasce con lo scopo di intrattenere ma soprattutto di sensibilizzare il pubblico sul tema degli abusi e delle violenze contro le donne che ormai sembrano inarrestabili.

Noti artisti del panorama musicale e della comicità italiana si alterneranno sul palco, presentati dalla poliedrica artista Malika Ayane. Si esibiranno i Boiler e Alessandro Betti, Brunori sas, Katia Follesa, Nuzzo Di Biase, Roy Paci, Tommaso Paradiso dei Thegiornalisti, Thomas, i Wuz e tanti altri artisti.

Mai come ora è sempre più necessario fare arrivare il messaggio: basta qualsiasi forma di violenza.

25 novembre – Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

Il 25 novembre si celebra nel mondo la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, indetta dall’ONU nel 1999. Questa data è stata scelta per onorare la memoria di tre donne, le sorelle Mirabal, accusate di aver preso parte a un piano segreto per rovesciare il governo Dominicano.

Le sorelle MirabalHD

L’omicidio

Nel 1960 Patria, Minerva e Maria Teresa furono brutalmente assassinate per aver tentato di opporsi al regime del dittatore Rafael Leónidas Trujillo nella Repubblica Dominicana. La loro morte fu atroce: vennero catturate, portate in una piantagione di canna da zucchero, violentate e uccise a bastonate. I loro corpi poi furono messi dentro una macchina che venne gettata in un dirupo per simulare un incidente.

La loro storia è stata racconta anche dalla scrittrice dominicana Julia Álvarez nel suo romanzo Il tempo delle farfalle da cui fu tratto nel 2001 il film In the Time of the Butterflies con Salma Hayek nel ruolo di Minerva.

I dati

Nel 2006 l’Istat stimava in 6 milioni 743 mila le donne da 16 a 70 anni vittime di violenza fisica o sessuale almeno una volta nel corso della vita. Nel 2010, l’Istat ha presentato una nuova ricerca sulla molestie e i ricatti sessuali subiti dalle donne e la quota è salita a 10 milioni, praticamente 1 donna su 2. Per non parlare dei femminicidi. In Italia oltre cento donne, ogni anno, vengono uccise da uomini che sostengono di amarle. Nel 2016 erano 120 e nel 2017 la media è di una vittima ogni tre giorni e i numeri non sembrano diminuire.

Valentina Pitzalis, sfigurata dal marito

Valentina PitzalisHD

Nel corso della serata è prevista anche la lettura di alcuni significativi passi, tratti da alcuni testi che affrontano il tema della violenza contro le donne. In particolare da libro di Valentina Pitzalis, Nessuno può toglierti il sorriso, testimonial dei progetti nelle scuole di FARE x BENE. Valentina è diventata  il simbolo della violenza subita dopo essere sopravvissuta per miracolo, riportando gravi ustioni sul tutto il corpo e il volto sfigurato, alla violenza dell'ex compagno che l’ha cosparsa di benzina per poi darle fuoco, rimanendo lui stesso ucciso nell'incendio.

Evento benefico

Il ricavato dell’evento sarà devoluto ai progetti di assistenza e accoglienza psicologica e legale realizzati da FARE X BENE nei confronti delle vittime di discriminazioni, abusi e violenze e ai corsi e percorsi di educazione alle differenze di genere e lotta a ogni forma di discriminazione, bullismo e cyberbullismo nelle scuole di tutta Italia.

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.